USS Dace (SS-247)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Leonardo da Vinci (S 510))
USS Dace
Leonardo da Vinci
USS Dace.jpg
Descrizione generale
Flag of the United States.svg
Naval Ensign of Italy.svg
Tipo Sommergibile
Classe Gato
Proprietà Insegna navale US Navy
Naval Ensign of Italy.svg Marina Militare
Identificazione Con la US Navy: SS-247
Con la Marina italiana: S 510
Cantiere Electric Boat di Groton, Connecticut
Impostazione 22 luglio 1942
Varo 25 aprile 1943
Entrata in servizio US Naval Jack 48 stars.svg 23 luglio 1943
Naval Ensign of Italy.svg 31 gennaio 1955
Radiazione 1º maggio 1973
Caratteristiche generali
Dislocamento in immersione 2460 t
Dislocamento in emersione 1850 t
Lunghezza 93,2 m
Larghezza 8,3 m
Pescaggio 4,6 m
Profondità operativa al collaudo: 95 m
Propulsione diesel-elettrica:
Velocità in immersione  10 nodi
a snorkel 9 nodi
Velocità in emersione  20 nodi nodi
Autonomia in superficie: 14980 miglia a 11 nodi
in immersione: 150 miglia a 4 nodi
Equipaggio 74
Armamento
Siluri 10 tubi lanciasiluri da 533mm
(6 anteriori + 4 posteriori)

[senza fonte]

voci di sommergibili presenti su Wikipedia

Lo USS Dace (codice e numero d'identificazione SS-247) è stato un sommergibile della classe Gato, attivo con la United States Navy fino al 1954 e con la Marina Militare dell'Italia fino al 1973, con il nome di Leonardo da Vinci e il nuovo codice alfanumerico S 510. Rappresenta uno dei primi battelli in dotazione alle forze navali italiane dopo la conclusione della seconda guerra mondiale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

United States Navy[modifica | modifica wikitesto]

Il sommergibile Dace fu costruito presso i cantieri General Dynamics Electric Boat di Groton, nello Stato del Connecticut; fu varato il 25 aprile 1943 e consegnato alla United States Navy il successivo 23 luglio. Lasciò le acque del Connecticut il 7 settembre 1943 per raggiungere Pearl Harbor il successivo 3 ottobre, prendendo parte alla prima missione diciassette giorni dopo e affrontando il 7 novembre il primo combattimento con il nemico. Fu autore dell'affondamento dell'incrociatore pesante giapponese Maya nelle fasi iniziali della complessa battaglia del Golfo di Leyte (23-25 ottobre 1944).

Con la fine delle ostilità come numerose altre unità venne posto nella riserva per rientrare in servizio l'8 agosto 1951 ed essere ricollocato nella riserva il 31 dicembre 1953. Il 15 gennaio 1954, l'unità entrò negli stabilimenti Portsmouth Naval Shipyard di Kittery nel Maine per essere sottoposto ad estensive modernizzazioni terminate il successivo 22 ottobre con gli aggiornamenti agli standard GUPPY.

Marina Militare[modifica | modifica wikitesto]

Dopo avere imbarcato il personale italiano per un breve periodo di tirocinio, l'unità venne trasferita all'Italia il 31 gennaio 1955, con la formula del prestito quinquennale, nel quadro di un programma di assistenza militare. Allo scadere del quinquennio il prestito venne rinnovato per altri cinque anni e lo sarebbe stato in seguito per altre due volte. Ribattezzato Leonardo da Vinci, il battello costituì con il gemello USS Barb rinominato a sua volta Enrico Tazzoli e con altre due unità che avevano prestato servizio nella Regia Marina durante il conflitto mondiale, i sommergibili Giada e Vortice, la forza subacquea italiana degli anni cinquanta. Il battello continuò a prestare servizio fino al disarmo avvenuto il 28 febbraio 1973 e la radiazione definitiva avvenuta il successivo 1º maggio.

Nome[modifica | modifica wikitesto]

In precedenza a portare il nome "Leonardo da Vinci" era stato un sommergibile della Regia Marina, che al comando del capitano di corvetta Gianfranco Gazzana Priaroggia ebbe il primato del tonnellaggio di naviglio nemico affondato durante la seconda guerra mondiale.

Prima ancora il nome era stato dato a una nave da battaglia della Classe Conte di Cavour, affondata a Taranto durante la prima guerra mondiale

Successivamente il nome è stato dato a un sottomarino della classe Sauro, il Leonardo da Vinci (S 520).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]