Leon Scott Kennedy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Leon Scott Kennedy
Leon infinitedarkness.jpg
Leon in Resident Evil: Infinite Darkness
UniversoResident Evil
Lingua orig.Giapponese
AutoreShinji Mikami
1ª app.1998
1ª app. inResident Evil 2
Interpretato da
Voci orig.
Voci italiane
SpecieCaucasico
SessoMaschio
Luogo di nascitaStati Uniti
Data di nascita1977
ProfessioneAgente governativo
AffiliazioneDSO, Division of Security Operations (2011-presente)[1]

«Eliminerò questo virus dalla faccia della Terra.[8]»

(Leon S. Kennedy a Claire Redfield in Resident Evil: Degeneration)

Leon Scott Kennedy (レオン・スコット・ケネディ Reon Sukotto Kenedi?), è un personaggio immaginario della serie videoludica Resident Evil, prodotta dalla Capcom. Leon è tra i personaggi più ricorrenti della saga, essendo protagonista di tre giochi principali, Resident Evil 2, Resident Evil 4, Resident Evil 6, di un titolo prequel, Resident Evil: The Darkside Chronicles, di tutti i film d'animazioni in computer grafica della serie, ovvero Resident Evil: Degeneration, Resident Evil: Damnation e Resident Evil: Vendetta, e di una miniserie animata in CGI, ovvero Resident Evil: Infinite Darkness. Inoltre è presente anche in due capitoli spin-off, Resident Evil Gaiden e Resident Evil: Operation Raccoon City. Spesso è affiancato da Ada Wong o Claire Redfield.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Durante la sua prima apparizione, nel 1998, Leon è un ragazzo ventunenne, appena entrato in servizio come agente del corpo di polizia della città di Raccoon. A causa degli eventi verificatisi in quello che avrebbe dovuto essere il suo primo giorno di lavoro, viene successivamente reclutato dal governo statunitense. Anni dopo, a seguito di un duro addestramento nei corpi speciali dei marines e nei servizi segreti, Leon divenne un agente governativo.

Leon presenta un carattere risoluto e dimostra un atteggiamento molto dedito verso il proprio lavoro; infatti, durante gli eventi di Raccoon City, pur essendo solo una recluta, non si arrende mai di fronte alle avversità ma rimane concentrato ad aiutare tutti i superstiti che incontra in città. Successivamente, grazie all'addestramento ricevuto dal governo, diventa ancora più sicuro di sé, dimostrandosi capace di rimanere calmo e razionale anche durante le situazioni più tese. Inoltre dimostra di aver acquisito abilità eccezionali con le armi da fuoco, così come nel combattimento corpo a corpo e all'arma bianca, e di aver sviluppato notevoli doti acrobatiche che sfrutta nelle sue missioni per eludere pericoli spesso mortali.

Nella sua tessera di riconoscimento Leon è descritto come un uomo alto 180 centimetri, dal peso di settantuno chili circa. Il suo gruppo sanguigno è A[9]. Ha la carnagione chiara, i capelli castani chiari, che divennero in seguito biondi dal quarto episodio in poi, e occhi verdi tendenti all'azzurro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Leon nacque nel 1977 in un'imprecisata città degli Stati Uniti e già da molto giovane decise di frequentare un'accademia di polizia. Dopo essersi qualificato con una buona graduatoria, l'appena ventunenne Leon fece richiesta di venire assunto presso il dipartimento di polizia della cittadina di Raccoon (RPD) nel 1998, in quanto voleva mettersi alla prova indagando sui recenti casi di omicidio che stavano accadendo sulle montagne Arklay nei pressi della città. Dati i notevoli risultati conseguiti da Leon in accademia, la sua richiesta venne accolta e Leon divenne un agente del'RPD. Il 29 settembre Leon era diretto a Raccoon City per il suo primo giorno di lavoro, ma prima di entrare in servizio decise di rimanere a riposarsi in un motel sull'autostrada in periferia della cittadina. Di cattivo umore per la recente rottura con la fidanzata, Leon assume troppo alcol e dorme più del previsto. Al suo risveglio è calata la sera, perciò il giovane si affretta a correre in strada, conscio di essere in ritardo di almeno un paio d'ore. Prova a contattare il dipartimento di polizia per avvisarli ma senza successo[10]. Al suo arrivo in città trova Raccoon City apparentemente deserta. Ben presto si rende conto che nei vicoli e negli edifici si nascondono creature fameliche e prive di raziocinio che fino a poco prima erano gli abitanti della città.

Nel remake di Resident Evil 2 il alcuni particolari della storia di Leon sono stati cambiati: ogni riferimento alla sua vita personale è stato infatti rimosso e, se nell'originale Leon si stava recando nella città di Raccoon per il suo primo giorno di lavoro totalmente ignaro di cosa stesse accadendo, nel remake invece viene detto che, dopo essere stato assegnato al dipartimento di polizia della città, Leon venne messo in aspettativa e rimase a casa per un'intera settimana rispetto alla data in cui avrebbe dovuto entrare in servizio. Non ricevendo ulteriori ordini dai suoi superiori in questo lasso di tempo e non riuscendo a contattare il dipartimento di polizia, decise quindi di recarsi a Raccoon City di persona.[11]

Nel libro di S.D. Perry La città dei morti (Resident Evil: City of the Dead) vengono forniti ulteriori dettagli circa la vita privata di Leon, come il fatto che suo padre e prima di lui suo nonno furono entrambi agenti di polizia della cittadina di Raccoon, il che spinse anche lui a fare domanda per un posto di lavoro come agente di polizia nella medesima città, nonché a sviluppare il suo forte senso di giustizia e di ammirazione verso il lavoro di poliziotto. Sempre secondo il libro, Leon, da bambino, abitò proprio a Raccoon City, fino a quando suo padre venne trasferito in una non specificata città dello stato di New York. Durante l'infanzia Leon andava comunque spesso a trovare i suoi nonni che abitavano ancora nella piccola città di Raccoon.

Resident Evil 2[modifica | modifica wikitesto]

Quando arriva nella città di Raccoon alla quale è stato assegnato, Leon si ritrova di fronte alle conseguenze della propagazione di un virus che ha causato un'epidemia su larga scala, trasformando gli abitanti in creature mostruose, prive di ragione, simili a zombi. In una stazione di servizio poco fuori città incontra Claire Redfield, una ragazza in cerca del fratello maggiore Chris, anche lui poliziotto e membro della squadra speciale S.T.A.R.S. I due decidono di proseguire insieme, ma a causa di un incidente con un'autobotte sono separati da una barriera di fuoco e quindi costretti a prendere strade diverse. Leon incontra successivamente Ada Wong, una misteriosa donna in cerca del fidanzato scomparso, e la aiuta nella sua ricerca. Nel remake invece Ada si finge un'agente dell'FBI intenzionata a smascherare i colpevoli della diffusione del virus. Sarà lei a rivelare a Leon il coinvolgimento nell'epidemia della multinazionale farmaceutica nota come Umbrella Corporation e della ricercatrice Annette Birkin, richiedendo l'aiuto dell'agente per recuperare un campione del virus come prova. Deciso a portare a compimento questa missione, Leon la aiuterà accompagnandola fino al laboratorio segreto sotterraneo della Umbrella.

Meravigliata positivamente dal coraggio e dall'altruismo di Leon, Ada inizierà a sentirsi in debito con lui e, dopo avergli medicato le ferite riportate per aver ricevuto un proiettile di Annette diretto a lei, i due cominceranno a provare dei sentimenti l'uno per l'altra, arrivando anche a scambiarsi un bacio durante la loro missione. Soltanto successivamente Leon scopre che Ada è in realtà una spia e il suo vero obiettivo è recuperare un campione del virus G, non come prova per incastrare la Umbrella, ma per venderlo sul mercato nero a compagnie concorrenti. Il virus G è una variante molto più pericolosa del virus T che ha infettato la città. Pur venendo a conoscenza delle reali intenzioni di Ada, Leon non dimenticherà i sentimenti che aveva provato per la donna, la quale dimostrerà anch'ella di essersi innamorata di Leon, rifiutandosi di fargli del male anche quando quest'ultimo scoprirà la sua vera identità. Nel prosieguo della storia Ada sembra venire uccisa, cadendo da una piattaforma in un laboratorio dopo aver ricevuto un colpo di pistola da Annette, o venendo lanciata contro una lastra di metallo da un mostro della Umbrella (a seconda del percorso intrapreso dal giocatore, nei panni di Leon), ma verso la fine del gioco compare nuovamente e fornisce a Leon un lanciarazzi per eliminare un mostro particolarmente potente, creato dalla Umbrella, noto come Tyrant. Grazie ad Ada, che impedisce l'uccisione di Leon, questi, assieme a Claire e a una ragazzina di nome Sherry Birkin riesce a fuggire dalla città. Benché inizialmente i tre avessero deciso di rimanere insieme, Leon preoccupato per Claire che non è riuscita a ritrovare suo fratello a Raccoon City, suggerirà alla ragazza di separarsi da loro e partire alla ricerca di Chris. Così anche se riluttante a lasciare l'agente e la bimba da soli, Claire si separa da loro per andare a ritrovare il fratello, promettendo comunque ai due che prima o poi sarebbe tornata. Successivamente Leon e Sherry vengono prelevati alla periferia di Raccoon City da alcuni agenti del governo degli Stati Uniti. Grazie alle doti dimostrate negli eventi di Raccoon City, Leon riceve una proposta da parte del governo, ovvero iniziare una carriera militare per aiutarli a distruggere i virus e le B.O.W. create dalla Umbrella Corporation. In realtà Leon non ha molta scelta: i militari gli promettono la sicurezza di Sherry solo nel caso lui decida di unirsi a loro e fornire la sua esperienza nell'affrontare i risultati dei virus. Per assicurare la protezione della ragazzina che lui e Claire avevano salvato, Leon accetta di dedicare la sua vita a distruggere le B.O.W.

Dopo alcuni anni trascorsi sotto duro addestramento Leon diventa un agente governativo.

In Resident Evil: The Darkside Chronicles Memories tali fatti vengono raccontati con alcune differenze, fra cui, su tutte, il fatto che Leon e Claire rimangono insieme durante tutta la vicenda senza mai separarsi, se non dopo essere fuggiti da Raccoon City assieme a Sherry.

Resident Evil: The Darkside Chronicles[12][modifica | modifica wikitesto]

Diventato un agente del governo americano, Leon viene inizialmente addestrato dallo US Stratcom che lo incaricherà di effettuare operazioni di intelligence volte a prevenire potenziali minacce bioterroristiche negli Stati Uniti, come quella di Raccoon City.

Qualche mese dopo gli eventi di Raccoon City, Leon viene contattato da Claire, che dopo essersi messa alla ricerca del fratello Chris in Europa, è stata catturata dalla Umbrella e ora si trova prigioniera sull'isola di Rockford dove è in corso un nuovo attacco bioterroristico causato dal rilascio del virus T-Veronica, una pericolosa variante dell'agente virale che scatenò l'epidemia di Raccoon City. Tuttavia, Rockford si trova in Europa e pertanto, il governo statunitense non ha giurisdizione sull'isola e per il momento non può quindi intervenire sul posto. Ma Leon non è disposto a lasciare la sua amica in pericolo, quindi si impegna a rintracciare il fratello di Claire, Chris Redfield, grazie ai mezzi dell'intelligence governativo di cui fa ora parte. Una volta trovata la posizione di Chris, Leon si mette in contatto con lui e lo informa della situazione, riferendogli del pericolo in cui si trova sua sorella e del posto dove è reclusa. Grazie a lui, Chris raggiunge Claire e insieme i due riescono a salvarsi, fuggendo dall'isola di Rockford. I fratelli Redfield metteranno al corrente il governo statunitense del fatto che anche un'altra persona è fuggita da Rockford: Albert Wesker, ex agente della STARS e dirigente della Umbrella, precedentemente ritenuto deceduto. Wesker possiede abilità eccezionali e sovrumane grazie ai virus che ha assunto e che è in qualche modo in grado di controllare, oltre ad essersi impossessato del T-Veronica, sviluppato dalla famiglia Ashford, proprietari dell'isola di Rockford e ricercatori della Umbrella. Wesker diviene così il ricercato numero uno in America. A seguito di svariate indagini condotte su di lui dal governo, Leon scoprirà che Ada Wong, la donna da lui incontrata a Raccoon City lavorava proprio per l'organizzazione di Wesker e che proprio lei, ancora viva, è riuscita a consegnare il virus G a Wesker. Successivamente Leon conosce Adam Benford, sergente dell'esercito, il quale vede un grande potenziale in lui e decide di fargli da mentore facendolo entrare a far parte dei marines.

Dopo un severo addestramento, nel 2002 Leon viene trasferito ai marines delle operazioni speciali (SOCOM), per una missione denominata "Operation Javier", volta ad arrestare Javier Hidalgo, un potente boss del narcotraffico che pare essere entrato in affari con i superstiti della Umbrella. L'obiettivo ufficiale della missione è catturare Javier possibilmente vivo per interrogarlo. Infatti, si sospetta che Javier abbia comprato il virus T-Veronica da Albert Wesker e che possa conoscere dove quest'ultimo ed altri ex ricercatori della Umbrella si nascondono. Javier sembra anche in qualche modo collegato alla scomparsa di alcune giovani ragazze di Amparo, un villaggio sudamericano. Tuttavia la reale missione è ben più pericolosa: infatti il nome in codice dell'Operazione Javier è Anti-Virus Weapon Protocol n. 7600, ed il principale obbiettivo di Leon e Krauser è sventare il rischio biologico derivato dal virus T-Veronica di cui Javier è in possesso, e che minaccia di sconvolgere l'intero ecosistema degli Stati Uniti a causa delle condizioni calde e umide del Sud America che favorirebbero lo sviluppo del virus a livelli catastrofici e in grado di scatenare un'epidemia su larga scala. Leon è stato scelto appositamente dal presidente degli Stati Uniti in persona per questa missione, data la sua esperienza nel riconoscere e affrontare gli effetti dei virus, mentre Krauser era stato tenuto all'oscuro della vera missione, rimanendo per tanto diffidente riguardo all'effettiva esistenza delle B.O.W. e credendo di svolgere una semplice missione di routine.

Pur mantenendo il sangue freddo, Krauser rimarrà sconcertato nel vedere con i propri occhi i vari mostri che lui e Leon incontreranno, frutto di mutazioni derivate dal virus. Krauser chiederà spiegazioni a Leon su quanto sta accadendo sul posto e a quel punto, l'ex poliziotto, gli rivelerà diversi dettagli sul suo passato e sulla Umbrella, tra cui l'incidente di Raccoon City, l'esistenza di Wesker ed il vero obbiettivo della loro missione. A seguito di ciò, Krauser inizierà a serbare in segreto un profondo risentimento verso il governo statunitense, non riuscendo a digerire il fatto che il presidente si sia fidato di rivelare il vero scopo di una missione così confidenziale ad un novellino come Leon, piuttosto che ad un agente veterano come lui. Malgrado ciò, Krauser nasconderà i suoi veri pensieri a Leon e cercherà di provare comunque il suo valore al governo. Tuttavia durante lo scontro con un mostro, rimarrà ferito gravemente al braccio sinistro. Pur continuando a combattere al fianco di Leon, apparentemente come nulla fosse, Krauser avvertirà dolori lancinanti al braccio ed inizierà a dover dipendere da Leon per riuscire a salvarsi, rendendosi conto che il suo infortunio è grave e che l'esercito non esiterà a congedarlo a missione conclusa. A causa di ciò inizierà a pensare in segreto di mettersi alla ricerca di Wesker e divenire un suo alleato, per riuscire come lui a controllare i virus e ad usarli come una fonte di potere, in grado di ridargli la sua forza. Il suo rancore per il governo si trasformerà quindi in disprezzo vero e proprio, che inizierà a provare anche nei confronti dello stesso Leon, che come il presidente vede i virus prodotti dalla Umbrella come dannosi per l'umanità, invece di apprezzarne il potenziale.

Nel frattempo i due agenti scoprono che la figlia di Javier, Manuela, è anch'essa infetta dal virus T-Veronica ma è riuscita a tenere l'agente patogeno sotto controllo grazie ad un costante trapianto di organi al quale è stata sottoposta dal padre che aveva fatto rapire e uccidere molte giovani ragazze del luogo a questo scopo, affinché il virus, potendo attingere sempre a nuovi organi, non prendesse il sopravvento sull'organismo della figlia ma le permettesse di vivere. Javier infatti voleva inizialmente usare il virus per curare Manuela da una rara malattia, ma a seguito della trasformazione di sua moglie Hilda in un mostro a causa di un esperimento andato male con il T-Veronica, Javier perse la ragione e finì col venire corrotto dal potere che il virus rappresentava, iniziando a nutrire il piano di diventare immortale, infettandosi lui stesso per assorbire poi sua figlia Manuela e con lei il virus che anch'ella possiede per diventare con la figlia un unico potente essere.

Alla fine della missione, Javier viene messo alle strette da Leon e Krauser e decide quindi di attuare il suo piano iniettandosi il virus T-Veronica, fondendo il suo corpo a quello di una pianta carnivora cha ha assunto dimensioni gigantesche dopo la somministrazione del medesimo virus. Diventato così un gigantesco mostro Javier si dimostrerà un nemico potentissimo e molto difficile da sconfiggere per i due marines. Tuttavia gli agenti verranno aiutati da Manuela, figlia di Javier, che grazie ai suoi poteri derivati dal virus T-Veronica riuscirà a indebolire notevolmente il mostro trasformando parte del suo sangue in una sostanza infiammabile che scaglierà numerose volte contro la creatura che un tempo era suo padre, mentre Leon e Krauser continueranno a colpirlo con tutta la potenza dell'artiglieria di cui dispongono. Sconfitto il mostro e ucciso Javier, i due agenti riescono a sventare un gravoso rischio biologico in Sud America, completando con successo la loro missione. Leon e Krauser vengono prelevati dalla loro agenzia assieme a Manuela, la quale viene in seguito presa sotto custodia dal governo degli Stati Uniti che, tramite il suo sangue, creerà un vaccino per il virus T-Veronica, infliggendo un duro colpo alla Umbrella.

Successivamente Leon viene a sapere che la ferita riportata da Krauser al braccio non gli permetterà di continuare il servizio militare e che dovrà lasciare i Socom. In Resident Evil 4 viene detto che diverso tempo dopo la loro missione in Sud America, sempre nel 2002, Leon saprà della morte del suo vecchio compagno d'armi in un incidente automobilistico.

Resident Evil 4[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004, le numerose battaglie legali messe in atto dal governo degli Stati Uniti contro la Umbrella, porta al crollo definitivo della multinazionale, causando una sensibile diminuzione di focolai di virus T e G. Contemporaneamente Leon, adesso membro dei servizi segreti e guardia del corpo del presidente, riceve l'incarico di salvare la figlia di quest'ultimo, Ashley Graham, tenuta in ostaggio in un villaggio rurale chiamato El Pueblo, situato al confine tra la Spagna e il Portogallo. I rapitori di Ashley sono una setta di terroristi appartenenti al culto Los Illuminados ("Gli Illuminati", tradotto dallo spagnolo). Temendo una trappola da parte dei rapitori, il governo Americano decide di inviare Leon in Europa come unico agente, per confermare l'effettiva presenza di Ashley sul posto. Leon giunge quindi nel villaggio insieme a due agenti locali, e nel giro di poco tempo vengono accerchiati dai suoi abitanti, che uccidono i due poliziotti. Gli abitanti di El Pueblo, denominati Ganados, sono affetti da un parassita chiamato Las Plagas che ha trasformato tutti gli abitanti del posto, rendendoli estremamente forti, resistenti, aggressivi e ancora capaci di pensiero razionale, seppur dotati di un istinto selvaggio a causa della Plaga, che li rende privi della consapevolezza delle loro terribili e violente azioni.

Questi individui sono infatti controllati dal parassita che è stato utilizzato dal capo degli Illuminados, Lord Osmund Saddler, per poterli soggiogare al suo volere. Saddler, infatti, possiede nel suo corpo una Plaga Leader con la quale può controllare tutti gli altri infetti dai parassiti. È Saddler il mandante del rapimento di Ashley, essendo deciso ad ottenere un grande riscatto in denaro dal presidente degli Stati Uniti e al contempo fare di lei un vettore del parassita da trasportare in America, per infettare l'intero paese. Leon viene ben presto tagliato fuori dalle comunicazioni con la sua base operativa in America, tuttavia trova un prezioso alleato in Luis Sera, un ex-ricercatore di Saddler, che, scoperte le intenzioni del Lord, ha deciso di fermare i suoi piani e pertanto aiuterà Leon contro gli Illuminados in svariate occasioni. L'agente riesce a trovare il luogo in cui Ashley era tenuta reclusa e a liberarla. Tuttavia i due scoprono che ad entrambi è stato somministrato il parassita e che quindi, di lì a poche ore, rischiano di trasformarsi a loro volta in Ganados. Fortunatamente, Leon ed Ashley ritardano l'evoluzione del parassita grazie a dei medicinali specifici che ricevono da Luis. Più tardi Leon si imbatte nuovamente in Ada Wong, che si è infiltrata a El Pueblo per recuperare da Luis, un campione di una specie dominante delle Plagas. Ada lavora apparentemente per conto di Albert Wesker, interessato ai parassiti che intende sfruttare come nuova arma bio-organica per far rinascere la Umbrella e diventarne il nuovo capo. Tuttavia, Ada sta segretamente facendo il doppio gioco con Wesker per conto di un'altra misteriosa agenzia, anch'essa interessata alle Plagas. In seguito Leon, Luis e Ashley cercano di fuggire, ma Saddler intercetta Luis e lo uccide, mentre i suoi subordinati catturano Ashley.

Tra le file di Saddler c'è anche Jack Krauser, ex collega di Leon e il rapitore di Ashley. Krauser ha simulato la propria morte anni prima per diventare un mercenario di Wesker e si finge ora alleato di Saddler per ottenere un campione di Plagas Leader da portare a Wesker in modo da far rinascere così la Umbrella. Krauser stesso si è fatto iniettare un tipo di Plaga perfettamente controllabile che ha ulteriormente potenziato le sue abilità di ex soldato trasformandolo in un super umano, dotato di forza, riflessi, velocità e resistenza sovrumane oltre alla possibilità di mutare il suo braccio sinistro in una potente lama indistruttibile, che può utilizzare anche come scudo.

Krauser si dimostra un avversario formidabile, ma Leon riesce comunque a prevalere sul suo ex collega, sconfiggendolo al termine di un'ardua battaglia. In seguito Leon libera Ashley e insieme i due distruggono i parassiti nei loro corpi grazie a un macchinario dalle speciali radiazioni laser, progettato da Luis, che annienta le Plagas. Successivamente Leon arriva al confronto diretto con Lord Saddler, che si trasforma in un gigantesco mostro. Leon indebolisce il mostro, pugnalandone svariate volte l'occhio principale, e infine gli infligge il colpo di grazia con un potente lanciarazzi fornitogli da Ada. La donna tuttavia lo costringe a consegnarle il campione di Plagas Leader sottratto a Saddler. Ada attiva anche delle bombe per radere al suolo l'isola degli Illuminados, ma prima fornisce a Leon e ad Ashley le chiavi di un'acqua-scooter per permettere la loro fuga dal posto.

Sconfitti gli Illuminados e tratta in salvo la figlia del presidente, la missione di Leon è completata con successo.

Resident Evil: Degeneration[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 Leon viene mandato dal presidente degli Stati Uniti a prelevare i sopravvissuti di un attacco bioterroristico a un terminal in un aeroporto, che era stato infettato dal virus T. L'esperienza dimostrata da Leon nell'affrontare B.O.W. induce il presidente a mandare esclusivamente Leon per affrontare questo rischio biologico. Arrivato sul posto Leon fa squadra con due membri del SRT (Service Rescue Tactics), Angela Miller e Gregg Glen, incaricati del salvataggio delle persone sopravvissute nell'aeroporto. Entrato nell'aeroporto Leon e la sua squadra aiutano a fuggire dal terminal i superstiti tra cui c'è la sua vecchia amica Claire Redfield. Oltre a lei c'è anche il senatore Ron Davis, uno dei maggiori azionisti della Wilpharma, una compagnia farmaceutica. Leon, Angela e Gregg si fanno strada nell'aeroporto, ma Gregg viene purtroppo morso e quindi infettato dal virus T. Sapendo che si sarebbe trasformato Gregg decide di sacrificarsi, distaccandosi dal gruppo e permettendo così a Leon, Angela e ai sopravvissuti di dirigersi verso l'uscita.

Usciti dall'aeroporto, la missione di Angela e di Leon sembra completata mentre dei marine vaccinati contro il virus T entrano nell'aeroporto per eliminare gli zombi rimanenti. Nel frattempo Curtis Miller, fratello di Angela, ruba il virus G, sviluppato nei laboratori della Wilpharma. Curtis s'infetta da solo con il virus per vendicarsi del governo che ha tentato di insabbiare i veri fatti dell'epidemia di Raccoon City nei quali Curtis ha perso la famiglia. Curtis Miller inizia a mutare geneticamente e distrugge gran parte dei laboratori della Wilpharma. Leon e Angela arrivano sul posto e distruggono il mostro, facendolo precipitare nell'altoforno, uccidendolo.

In seguito Leon, Angela e Claire scoprono che la diffusione del virus T nell'aeroporto viene causata accidentalmente da Frederick Downing, ex-scienziato Umbrella e uno dei fondatori della Wilpharma, che aveva intenzione di vendere i virus sul mercato nero ai terroristi per vendicarsi del crollo della Umbrella da parte del governo degli Stati Uniti. Dopo averlo arrestato, Leon recupera il virus T e il vaccino T e li consegna poi al governo. In seguito allo scandalo, la Wilpharma vende la compagnia alla nuova multinazionale farmaceutica, la Tricell.

Resident Evil: Infinite Darkness[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 Leon, ormai diventato "famoso" alla Casa Bianca per aver salvato da solo la figlia del presidente Graham, due anni prima, viene chiamato appositamente da quest'ultimo per essere un membro della sua scorta personale durante un convegno che doveva tenere con la Cina. Leon, che si trovava a Pittsburgh dove aveva appena sventato un altro attacco bioterroristico, si reca quindi a Washington. Poco prima del suo arrivo però, ha luogo un attentato nel quale diversi membri dell'entourage presidenziale vengono infettati col virus T e trasformati in zombie. Tuttavia, Leon riesce ad arrivare in tempo e ad aiutare una squadra dei servizi segreti a trarre in salvo il presidente. Tempo dopo assieme a due agenti dei servizi segreti, Jason e Shenmay, ex militari veterani della guerra in Penamstan, Leon viene inviato in missione segreta in Cina a bordo di un sommergibile spia. Infatti la Cina è sospettata dell'attacco terroristico alla Casa Bianca. Tuttavia Shenmay e Jason si rivelano presto dei traditori, dirottando il sommergibile e uccidendone l'equipaggio, tramite dei ratti mutati dal virus T. Leon riesce a sopravvivere ma viene tratto in ostaggio da Jason e Shenmay.

I due agenti traditori, rivelano di essere stati loro, minacciati dal segretario di stato Wilson, ad architettare l'attacco al presidente e al sommergibile per far sì che l'America dichiarasse guerra alla Cina. Il segretario di stato Wilson infatti non vuole permettere un'alleanza tra i due paesi essendo segretamente un venditore di B.O.W.. Jason e Shenmay vogliono anche rivelare all'opinione pubblica il coinvolgimento del governo statunitense nella creazione di B.O.W., per ottenere giustizia per l'incidente batteriologico in Penamstam nel quale il loro intero plotone rimase ucciso.

Shenmay e Jason chiedono l'aiuto di Leon per smascherare Wilson e il coinvolgimento del governo statunitense nella catastrofe di Penamstam. Leon però si rifiuta di aiutarli, non potendo perdonare i crimini da loro commessi per arrivare a tale scopo, tra cui l'attacco alla Casa Bianca e al sommergibile spia. Jason tenta quindi di aprire il fuoco contro Leon, ma quest'ultimo è più veloce e lo giustizia con un solo colpo al cuore. Shenmay però riesce a fuggire all'agente che seguendola senza farsi scoprire arriva a casa della ragazza dove quest'ultima si stava facendo consegnare una scheda SD che suo padre era riuscito ad ottenere tramite sofisticati sistemi di hackeraggio, con delle prove che svelano il coinvolgimento degli Stati Uniti nella creazione di B.O.W. e negli attacchi bioterroristici come quelli di Raccoon City e Penamstam.

Leon apprende che Shenmay voleva vendetta contro il governo statunitense e il segretario Wilson per quanto accaduto a Penamstam a suo fratello che si era trasformato in zombie. Leon e Shenmay si recano quindi al laboratorio segreto del segretario Wilson dove questi aveva imprigionato Claire Redfield, vecchia amica di Leon che indagava anch'ella sull'incidente di Penamstam. Qui scoprono che Jason ha anch'egli raggiunto il laboratorio. Jason è tornato in vita grazie ad un virus che aveva assunto prima della sua morte, ma a causa di ciò è in procinto di trasformarsi in un Tyrant. Jason effettua quindi la mutazione e morde il segretario Wilson, ma lo lascia in vita affinché rimanga infetto e sia destinato a trasformarsi in un mostro anche lui. Dopodiché Jason, ormai accecato dalla rabbia uccide Shenmay e pianifica di uscire allo scoperto durante il convegno tenuto dal presidente tra Stati Uniti e Cina. Jason era intenzionato a fare strage di tutti i presenti al convegno, mostrandosi mutato all'opinione pubblica, affinché il governo non potesse più insabbiare la verità sugli incidenti batteriologici. Tuttavia Leon libera Claire e insieme alla ragazza, i due riescono a distrarre il Tyrant e a imprigionarlo nella struttura che stava avviando una procedura di decontaminazione contro B.O.W.; infine, Leon fa precipitare il mostro in una vasca d'acido, eliminandolo. Successivamente avverte il presidente della colpevolezza di Wilson nell'attacco alla Casa Bianca e al sommergibile, scagionando i cinesi e permettendo al presidente Graham di firmare il trattato di pace tra America e Cina, salvando così i due paesi da un imminente e ingiusta guerra.

Alla fine della serie Claire chiede a Leon di rendere pubblico il contenuto della scheda SD con le prove del coinvolgimento del governo degli Stati Uniti nelle catastrofi di Raccoon City e Penamstan e nella produzione di armi bio-organiche. Tuttavia, Leon decide che è meglio tenere nascosto tutto ciò all'opinione pubblica, in quanto a causa di una tale informazione il paese rischierebbe di finire nel caos, poiché le persone non avrebbero più un governo di cui fidarsi. Claire, convinta invece che la gente abbia il diritto di conoscere la verità, rimane delusa dalla decisione del suo vecchio amico e a causa di ciò i due decidono di continuare la loro battaglia al bioterrorismo seguendo strade diverse: Leon decide di farsi carico dell'intera missione sulle sue spalle e di continuare a combattere personalmente il bioterrorismo, mentre Claire continuerà a cercare di far venire a galla la verità riguardo la corruzione del loro governo nella speranza di fermare le aziende che continuano a diffondere i virus. Nel finale vediamo anche che il segretario Wilson, ormai ricercato e in fuga, viene curato dalla Tricell. Inc. dal virus che lo avrebbe presto trasformato in un mostro.[13]

Resident Evil: Damnation[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011 Leon Scott Kennedy fonda insieme a Ingrid Hunnigan e al nuovo presidente Adam Benford, suo amico di vecchia data, la Division of Security Operations (DSO). Leon stesso diventa agente operativo sul campo del DSO mentre Hunnigan ne diventa la coordinatrice incaricata di fornire supporto tecnico. Il DSO è un'agenzia elitaria segreta statunitense, che raggruppa i migliori agenti speciali di vari settori del governo con il compito di combattere e prevenire ogni potenziale minaccia terroristica e bio-terroristica mondiale o che potrebbe comunque minacciare la sicurezza nazionale degli Stati Uniti d'America. Il DSO aiuta anche la BSAA ma a differenza di quest'ultima agenzia, opera sotto il diretto controllo del presidente, tanto da essere definito "la spada del Presidente", e viene coordinato dalla Field Operations Support (FOS) un'unità di supporto del DSO che si occupa di intelligence e della quale è entrata a far parte Hunnigan. Il FOS è stato anch'esso fondato dal nuovo presidente Adam Benford su consiglio dello stesso Leon[14].

All'inizio del film Resident Evil: Damnation, il FOS riceve segnalazioni secondo cui nella Repubblica Slava dell'Est, una piccola nazione sorta dopo il crollo dell'U.R.S.S., vengono utilizzate BOW nel corso della guerra civile che da anni vede contrapposto il governo nazionale di stampo oligarchico, guidato dalla presidente Svetlana Belikova, e un agguerrito gruppo ribelle. I ribelli sono infatti riusciti a mettere le mani su un nuovo tipo di tecnologia bio-organica, che sfrutta il potere delle Plagas per permettere a un essere umano, contaminato da una Plagas Leader, di controllare diverse BOW, in particolare i Lickers, potenziati dai parassiti e in grado di essere controllati in quanto sono stati creati con Plagas subordinate alle quali è stato fatto assimilare il virus T. Tali lickers risultano essere lo stadio evolutivo finale di zombi, che essendo stati creati tramite la combinazione del Virus T con le Plagas, sono leggermente più intelligenti e in grado di trasmettere l'infezione sputando altre Plagas dalla bocca (come i Majini di Resident Evil 5). Le abilità e l'esperienza di Leon nell'affrontare armi bio-organiche spinge il FOS a richiamarlo appositamente per questa missione dalla sua vacanza[15].

In qualità di agente del DSO, Leon viene subito mandato sul posto ma poco dopo il suo arrivo, viene informato da Hunnigan che gli Stati Uniti hanno rinunciato a farsi coinvolgere nel conflitto e stanno per abbandonare il Paese, ma l'agente, in nome della sua volontà di ripulire tutto il mondo dalle BOW, disobbedisce agli ordini e si mette alla ricerca di un modo per scoprire chi abbia fornito le Plagas ai ribelli. Leon viene tuttavia catturato da un gruppo di ribelli, tra i quali vi sono JD, un eccentrico guerrigliero amante dello stile di vita americano, e un suo amico che si fa chiamare Buddy, che medita vendetta contro il governo slavo per aver provocato la morte della sua fidanzata. Con loro c'è Ataman, uno dei membri del Consiglio degli Anziani che guida i ribelli, il quale utilizza una Plaga Leader per controllare i Licker. All'arrivo di una retata dell'esercito, il gruppo si infila nei sotterranei della città, e qui sono costretti a uccidere Ataman, ormai divenuto incapace di controllare la Plaga da lui posseduta. I sotterranei, però, pullulano di cittadini infettati dalle Plagas. Leon e JD, separati da Buddy, una volta raggiunta la superficie, si rendono conto che quasi tutti gli abitanti della capitale si sono ormai mutati in Zombi-Ganados (infetti da Plagas di tipo 2 e da virus T), e trovano rifugio in una chiesa che funge da nascondiglio per i ribelli. Intanto, al palazzo presidenziale, la presidente Belikova si incontra con Ada Wong che, spacciandosi per un membro della BSAA, illumina la presidente sulle BOW e sul loro utilizzo in svariati conflitti mondiali. Svetlana, convinta nazionalista, è determinata a far sì che il suo Paese venga ammesso quanto prima all'Unione europea e alle Nazioni Unite, inizia quindi una lotta senza quartiere per stroncare definitivamente la resistenza dei ribelli. Leon e Ada si incontrano in un parcheggio sotterraneo, quando Leon decide di rimettersi alla ricerca di chi sta rifornendo di BOW e Plagas i ribelli. Ada fa capire fin dall'inizio che in realtà lei si trova lì per un altro scopo. In questo frangente ci viene fatto capire che Leon ed Ada hanno trascorso una notte assieme in privato, in un periodo di tempo successivo a Resident Evil 4, ma che dopo tale notte Leon non aveva più avuto notizie di Ada. Poco dopo aver incontrato la donna, Leon si accorge che la chiesa è sotto attacco da parte dei Ganados, ma quando riesce a farvi ritorno, trova tutti i ribelli morti. Solo JD, è rimasto in vita, ma tuttavia è stato infettato, e Leon si trova costretto ad eliminarlo quando questi muta a sua volta in un Ganado.

Buddy, nel frattempo, ha messo le mani su di una nuova Plaga Leader e, nonostante gli avvertimenti di Leon, decide di usarla su di sé per controllare i Lickers e attaccare il giorno dopo il palazzo presidenziale, facendo strage dei soldati a guardia dell'edificio. Intanto Ada viene smascherata come un'agente nemica e sconfitta in combattimento corpo a corpo da Svetlana, che prima di essere la presidente, era stata un'istruttrice militare dell'esercito sovietico. Ada riesce a fuggire e a incontrarsi nuovamente con Leon, nei sotterranei del palazzo presidenziale, che si rivela essere un vecchio bunker per testate nucleari riconvertito in laboratorio dove vengono prodotte e conservate migliaia di Plagas Leader. È infatti la stessa Svetlana a fornire le Plagas ai ribelli, così da garantirsi l'appoggio della comunità internazionale e poterli schiacciare facilmente. Ada riesce a scappare, mentre Leon e Buddy, arrivato anche lui nei sotterranei, vengono lasciati da Svetlana nelle mani di due Tyrant, modello T-103 (mostri potentissimi, simili a quelli presenti in Resident Evil 2 e Resident Evil: Code Veronica). Grazie anche all'aiuto di Ada, Leon e Buddy riescono a ritornare in superficie, ma una volta qui devono fare i conti con un terzo T-103. Per fermare il gigantesco mostro, Buddy utilizza il suo controllo sulle Plagas per assoggettare un intero branco di Lickers al suo volere, in modo da far combattere le B.O.W. tra loro. Ciononostante, il Tyrant si dimostra comunque troppo forte da poter essere sconfitto dai Lickers, anche dopo essere rimasto coinvolto nell'esplosione di un'autocisterna di benzina, che era stata fatta esplodere da Leon. Il mostro muta infatti in un pericolosissimo Super Tyrant, potenziandosi ulteriormente. Tuttavia, seppur dopo molti sforzi, Leon e Buddy riescono ad eliminare il mostro colpendolo in pieno viso con un colpo di carro armato. Ma il loro trionfo ha breve durata: nel frattempo, infatti, anche gli altri due T-103 sono arrivati in superficie per dar loro la caccia. Tuttavia prima che possano assalire Leon e Buddy, entrambi i Tyrant vengono distrutti da due caccia USAF; gli Stati Uniti, infatti, hanno deciso di intervenire nel conflitto nella Repubblica Slava, e con l'appoggio della Russia costringono Svetlana alle dimissioni per poi nominare un nuovo Governo provvisorio.

Leon è piuttosto seccato e contrariato per quanto successo, conscio del fatto che si è trattato di una grande manovra politica orchestrata ad arte per ottenere il massimo risultato con le minime perdite, ma si rassegna all'evidenza che, bene o male, il mondo continuerà a girare così. Prima di lasciare il Paese incontra Buddy, che gli chiede di ucciderlo per non cadere a sua volta preda della Plaga Leader; Leon, invece, distrugge la Plaga senza uccidere Buddy, che tuttavia resta paralizzato (l'unico modo per rimuovere una Plaga adulta è rimuovere o distruggere il midollo spinale dell'ospite). Così, seppur su di una sedia a rotelle, al termine della guerra, Buddy può riprendere il suo lavoro di insegnante. Nell'ultima scena del film, Ada, sopravvissuta agli eventi della Repubblica Slava dell'Est, tratta via computer con un misterioso acquirente la compravendita di una Plaga Leader che è riuscita a sottrarre dal laboratorio di Svetlana, in cambio dell'annullamento del mandato di ricerca internazionale a lei affibbiato.

Resident Evil 6[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2013 Leon si ritrova nella cittadina di Tall Oaks insieme a un'agente dei servizi segreti, Helena Harper, a dover fronteggiare una nuova epidemia causata dal nuovo Virus C, variante del Virus T, T-Veronica e G, che ha colpito il luogo.

Come visto in Resident Evil: Infinite Darkness, Leon è ancora piuttosto restio a rivelare all'opinione pubblica il coinvolgimento dell'America nella creazione di BOW, essendo preoccupato dalle conseguenze che una tale informazione potrebbe avere sull'intero paese. Leon aveva pertanto cercato di convincere il nuovo presidente, Adam Benford, suo caro amico, a mantenere nascosta la verità sull'incidente di Raccoon City. Ma il presidente aveva ormai preso la sua decisione, ritenendo giusto che il loro Paese si prendesse le proprie colpe per poter collaborare con il resto del mondo a porre fine al bioterrorismo una volta e per tutte. Tuttavia prima che il presidente Benford potesse rivelare l'informazione riguardo la colpevolezza del governo statunitense nell'incidente di Raccoon City, un nuovo attacco bioterroristico ha luogo nella cittadina di Tall Oaks dove Benford doveva avere un convegno. Leon riesce a recarsi sul posto, ma si vede costretto a uccidere il presidente degli Stati Uniti, rimasto anch'egli infetto e ormai divenuto uno zombie. Qui Leon fa la conoscenza dell'agente Helena Harper con la quale si fa strada in una città ormai finita nel caos a causa del virus, che in breve tempo ne ha contagiato l'intera popolazione, proprio come successo a Raccoon City. Successivamente Leon e Helena vengono accusati dell'attacco terroristico e dell'omicidio del presidente, dal consigliere della sicurezza nazionale Derek C. Simmons. In seguito i due scoprono che l'epidemia era stata causata da Simmons stesso, il quale è a capo di una società segreta chiamata "La Famiglia" e che si occupa di gestire dietro le quinte il governo statunitense. Simmons è uno scienziato che un tempo aveva anche collaborato con la Umbrella. Simmons non voleva che il presidente Benford rivelasse all'opinione pubblica che il governo finanziava gli esperimenti dell'Umbrella con lo scopo di creare super soldati, in quanto se ciò fosse successo, secondo lui, il governo Statunitense avrebbe perso ogni autorità e credibilità con il resto del mondo e l'ordine politico mondiale sarebbe crollato. Deciso a mantenere lo status quo, Simmons ha quindi fatto inscenare un attacco bio terroristico alla cittadina di Tall Oaks grazie all'assistenza della Neo Umbrella, diretta dalla sua complice Carla Redames, per fare in modo che il presidente ne rimanesse vittima, in modo da metterlo a tacere. L'agente patogeno usato nell'attacco si chiama virus C, un agente virale innovativo che include tutti i virus precedentemente sviluppati dalla Umbrella in un'unica formula che se inalata trasforma le persone in zombie più veloci e intelligenti, mentre se iniettata causa svariate mutazioni nelle persone e negli animali, trasformandoli in potenti mostri. Dopo essere sopravvissuti a Tall Oaks, Leon ed Helena decideranno di andare in Cina per fermare i piani di Simmons, che si era recato lì per acquisire dati su Jake Muller figlio di Albert Wesker, che presenta anticorpi contro il virus C.

Invece di sfruttare il ragazzo per creare un vaccino, Simmons voleva catturarlo prima della sua ex complice Carla Redames, per studiare il suo sangue e creare nuovi virus da vendere sul mercato nero, laddove Carla voleva invece sfruttare Jake per potenziare il virus C e usarlo per ottenere una vendetta personale su Simmons, distruggendo lo status quo che lui voleva mantenere e facendo precipitare il mondo intero nel caos tramite attacchi bioterroristici globali. Carla odiava Simmons per quello che l'uomo le aveva fatto: alcuni anni prima, infatti, la donna era stata modificata geneticamente con il virus C dai ricercatori di Simmons, su ordine di quest'ultimo, affinché Carla assomigliasse alla perfezione alla spia internazionale Ada Wong. Infatti, Simmons, che aveva avuto contatti con Ada nella compravendita di armi bio-organiche, si era invaghito alla follia di quest'ultima e voleva ad ogni costo un clone esatto della donna, e per fare ciò si era servito di Carla, una sua ricercatrice che aveva sedotto al solo scopo di trasformarla in una copia di Ada Wong, in quanto quest'ultima possedeva alcuni tratti somatici simili a quelli della spia asiatica. Di risultato Carla finì per diventare un clone perfetto di Ada e pur fingendo di continuare a collaborare con Simmons, iniziò in realtà a serbare un odio profondo nei suoi confronti. In Cina, Simmons stesso finisce per venire infettato da una potentissima dose di virus C, somministrategli da uno degli sgherri di Carla, decisa ad ottenere la sua vendetta sull'uomo che le aveva rovinato la vita, trasformandola in un'altra donna solo per il suo piacere personale. Simmons si trasformerà quindi in un mostro mutante dalle capacità rigenerative apparentemente infinite. Leon e Helena si scontreranno contro di lui più volte nel tentativo di eliminarlo, mentre in Cina ha luogo un nuovo attacco bioterroristico su larga scala, diretto dalla Neo Umbrella.

Alla fine del gioco Leon e Helena con l'aiuto della vera Ada Wong, riescono a sconfiggere e ad eliminare Simmons. Sempre da Ada i due agenti ricevono le prove della colpevolezza di Simmons nella creazione del virus C e nell'attacco bioterroristico di Tall Oaks, che li scagiona dall'omicidio del presidente, che sono stati costretti a compiere. Nel frattempo grazie al figlio di Albert Wesker, Jake Muller, che possiede gli anticorpi per il Virus C, il governo statunitense riesce finalmente a sviluppare un vaccino e inizia a debellare l'epidemia.

Durante la prima parte della sua campagna in Resident Evil 6 Leon indossa la giacca di Alex Mercer, protagonista del videogioco Prototype.

Resident Evil: Vendetta[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2017, successivamente agli eventi di Resident Evil 6 e prima degli eventi di Resident Evil 7, Leon sempre membro del DSO, deve collaborare con l'agente della BSAA Chris Redfield e con la ricercatrice Rebecca Chambers per sventare un rischio batteriologico a New York causato dal bioterrorista Glenn Arias, assieme al suo braccio destro Maria Gomez, un'affascinante trafficante di armi biologiche. Arias ha sviluppato un nuovo tipo di virus noto come il virus Trigger per vendicare la morte di sua moglie avvenuta, a quanto pare, a causa di un bombardamento da parte del governo statunitense.

Alcuni mesi prima, Leon era stato costretto ad uccidere tutti i membri della sua squadra del DSO, finiti vittima di tale virus mentre cercavano di sventare un attacco bioterroristico a Washington. A seguito di ciò, Leon cadde in un profondo stato depressivo, iniziando ormai a ritenere impossibile la sua missione di annientare i virus che trasformano le persone in B.O.W., conscio del fatto che, per quanto lui si sforzi a combattere il bioterrorismo, ci saranno sempre nuovi nemici che continueranno a causare la morte di innocenti tramite gli agenti virali. Leon si prende quindi alcuni giorni di ferie per riflettere sulla sua vita, tentando di affogare i suoi dispiaceri nell'alcol. Inizialmente Leon si rifiuta di aiutare Chris che nel tentativo di motivarlo gli chiede per quanto ancora ha intenzione di restarsene in ferie senza far nulla, con Leon che gli risponde che non si pone mai piani così a lungo termine. Tuttavia quando i terroristi al soldo di Arias rapiscono Rebecca minacciando di usare il vaccino da lei creato per potenziare ulteriormente il virus, Leon verrà nuovamente motivato a non abbandonare la sua lotta al bioterrorismo e deciderà di tornare in azione al fianco di Chris e della BSAA.

Nonostante Arias fosse riuscito a infettare tutta Manhattan con il virus, Leon e Chris riusciranno a liberare Rebecca e a recuperare il vaccino da diffondere su New York, per curarne gli abitanti. Nel tentativo di fermarli, Arias si trasforma in un potentissimo Super Tyrant. Leon da solo, combatterà testa a testa con il potente mostro e alla fine riuscirà ad eliminare Arias, con l'assistenza di Chris e della BSAA. Nel finale del film, Leon chiede a Chris quanto ancora potranno continuare a sventare complotti bioterroristici solo per ritrovarsi sempre al punto di partenza e a dover rifare tutto da capo ogni qualvolta un nuovo nemico metterà in atto un nuovo attentato. Con un sorriso, Chris gli risponderà come Leon gli aveva detto all'inizio del film, ovvero che non si pone mai piani così a lungo termine. Successivamente i due agenti, insieme a Rebecca, propagheranno l'antidoto su tutta New York a bordo di un aereo della BSAA, guarendo gli abitanti della città dal virus, i quali torneranno ad essere delle persone normali. Maria Gomez è tuttavia ancora viva, e da un bagliore emanato dai suoi occhi sembra anche lei essere infetta da un agente virale.

Spin-off non canonici[modifica | modifica wikitesto]

Resident Evil Gaiden[modifica | modifica wikitesto]

Leon, divenuto un agente di una compagnia segreta, si è infiltrato in una nave da crociera con l'obiettivo di investigare sull'apparente detenzione di B.O.W. (acronimo di "Bio-Organic Weapon", arma biorganica) nella nave. Durante le vicende Leon incontra Barry, che sebbene non gli ispiri molta fiducia quest'ultimo riesce a farlo fuggire dalla nave infestata dagli zombi. La missione si conclude con successo, tuttavia alla fine del gioco si può scorgere una ferita sul collo di Leon dalla quale scorre del sangue verde, il che lascia intendere che sia stato contagiato dal virus.

Resident Evil: Operation Raccoon City[modifica | modifica wikitesto]

Leon, nelle insolite vesti di antagonista, si ritrova coinvolto nella lotta tra il Delta Team (le forze speciali della Umbrella), incaricato di distruggere le prove del coinvolgimento di Umbrella nel disastro di Raccoon City, e le forze del governo americano, il cui scopo è invece quello di trovarle. Il suo obiettivo principale è quello di difendere Sherry Birkin, che il Delta Team ha l'ordine di catturare. Alla fine della storia, al giocatore è dato di scegliere se il Delta Team deciderà di completare la missione, uccidendo Leon e Claire e recuperando Sherry, o di risparmiare tutti e tre per vendicarsi della Umbrella, responsabile dell'incidente.

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel quinto film di Paul W. S. Anderson ispirato alla saga, Resident Evil: Retribution, Leon S. Kennedy è interpretato dall'attore statunitense Johann Urb. Quest'ultimo per poter impersonare al meglio il personaggio nel film ha affermato in un'intervista di aver guardato molti video su YouTube riguardanti i videogiochi della serie di cui Leon è protagonista per poter riprodurre le sue movenze e il suo tono di voce in maniera similare.[16]
  • Nell'adattamento cinematografico reboot dei primi due videogiochi Leon viene interpretato dall'attore canadese Avan Jogia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Resident Evil Damnation, Resident Evil 6
  2. ^ Resident Evil 4, Residenti Evil Degeneration
  3. ^ profilo di Leon Resident Evil The Darkside Chronicles Operation Javier
  4. ^ Leon fa riferimento "ai giorni dell'O.R.E." in Resident Evil 4 ovvero "Operational Readiness Evaluation" che è un addestramento svolto tipicamente dal corpo dei marines e dall'esercito statunitense. Inoltre nei file di Resident Evil 6 viene detto che il futuro presidente USA Adam Benford, all'epoca generale di alto rango, reclutò Leon nell'esercito dei marines in quanto era rimasto colpito dal suo potenziale.
  5. ^ profilo di Leon Resident Evil: The Umbrella Chronicles, Resident Evil Code: Veronica (citazione)
  6. ^ Resident Evil 2, Memories of a Lost City
  7. ^ Resident Evil 6, su antoniogenna.net. URL consultato il 13 ottobre 2012 (archiviato il 6 ottobre 2012).
  8. ^ Resident Evil: Degeneration
  9. ^ Resident Evil 4 - Leon Scott Kennedy
  10. ^ Resident Evil 2
  11. ^ Copia archiviata, su eurogamer.it. URL consultato il 15 febbraio 2019 (archiviato il 16 febbraio 2019).
  12. ^ Resident Evil: The Darkside Chronicles Operation Javier
  13. ^ Resident Evil Infinite Darkness https:/screenrant.com/resident-evil-infinite-darkness-release-date-cast-story-netflix-anime/amp/
  14. ^ Resident Evil 6 files
  15. ^ Come Leon stesso afferma all'inizio del film
  16. ^ intervista attore Leon, Johann Urb [https://web.archive.org/web/20120717105140/http://collider.com/johann-urb-resident-evil-5-retribution-interview Archiviato il 17 luglio 2012 in Internet Archive.]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]