Lemmer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lemmer
villaggio
(NL) Lemmer/(FY) De Lemmer
Lemmer – Stemma
Lemmer – Veduta
Localizzazione
Stato Paesi Bassi Paesi Bassi
Provincia Frisian flag.svg Frisia
Comune De Fryske Marren
Territorio
Coordinate 52°50′37.32″N 5°42′33.48″E / 52.8437°N 5.7093°E52.8437; 5.7093 (Lemmer)Coordinate: 52°50′37.32″N 5°42′33.48″E / 52.8437°N 5.7093°E52.8437; 5.7093 (Lemmer)
Abitanti 10 110
Altre informazioni
Lingue Olandese, Frisone
Cod. postale 8530–8532
Prefisso (+31)
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Paesi Bassi
Lemmer
Lemmer
Lemmer – Mappa
Il villaggio di Lemmer con la chiesa protestante
Lemmer: edifici lungo il porto
Lemmer: altri edifici lungo il porto
Edifici storici di Lemmer
Edificio storico di Lemmer
Edificio classificato come gemeentelijk monument a Lemmer

Lemmer (in frisone: De Lemmer[1]) è un villaggio costiero di circa 10.000 abitanti[1] del nord-est dei Paesi Bassi, facente parte della provincia della Frisia e della municipalità di De Friese Meren/De Fryske Marren ed affacciato sull'IJsselmeer (ex-Zuiderzee)[1][2][3][4]; fino al 2003, aveva fatto parte della municipalità soppressa di Lemsterland, di cui era il capoluogo[1]. Tra il XIX e la prima metà del XX secolo, è stato uno dei più importanti porti pescherecci dei Paesi Bassi.[1][2][3]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il villaggio di Lemmer si trova nell'estremità sud-occidentale della provincia della Frisia, quasi lungo il confine con la provincia del Flevoland, a sud-ovest del Tjekemeer e a sud-ovest del villaggio di Sloten e dello Slotermeer.[1][4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo Lemmer, attestato anticamente come in de Lemmer (1309), totten Lemmers toe (1411), in dae Lyaemmer (1471), Liam(m)er (1488), deriva forse dal termine Lenne-meer, che significherebbe "lago a cui affluisce il Lemme".[1]

Dalla fondazione ai giorni nostri[modifica | modifica wikitesto]

Gli abitanti che fondarono Lemmer si insediarono in un territorio alla confluenza dei fiumi Rien e Zijlroede intorno alla fine del XII secolo, epoca in cui il conte Guglielmo I aveva fatto costruire una fortezza in zona.[1]

Nel 1422, fu costruito a Lemmer un castello per voler di Jan van Beieren.[1][2]

Nel 1521, Carlo di Egmond, duca di Gheldria, fece costruire a Lemmer un fortino in loco.[1]

Nel 1581, nel corso della guerra degli ottant'anni, il villaggio fu conquistato dalle truppe spagnole assieme al vicino villaggio di Sloten.[1]

Agli inizi del XVIII secolo, iniziarono le fortune di Lemmer come porto peschereccio.[2]

Nel 1787, il villaggio fu conquistato da Bernardus Jelgersma[2] e nel 1799, nel corso della guerra che vedeva opposte Francia e Gran Bretagna, Lemmer fu occuppato dalle truppe di questo Paese[1].

Nel corso del XIX secolo, con l'insabbiamento del porto di Kuinre, Lemmer iniziò a diventare uno dei più importanti porti pescherecci del Paese.[1] Nel periodo di massimo splendore, il porto di Lemmer contava 146 imbarcazioni.[1]

Nel 1825, molti edifici del villaggio andarono distrutti e molti abitanti morirono annegati a causa della rottura di una diga della zona.[2]

L'attività peschereccia conobbe però il proprio declino con la costruzione, nel 1932, della Grande Diga (Afsluitdijk), che trasformò l'ex-Zuiderzee in un lago, l'IJsselmeer.[1]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Nello stemma di Lemmer, è raffigurato un braccio che esce da una nuvola e che regge una bandiera di color rosso con una croce bianca.[5]

Questo stemma, di origine sconosciuta, è menzionato per la prima volta nel 1695 in un manoscritto di Andries Schoenmaker.[5]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Lemmer vanta 28 edifici classificati come rijksmonumenten e 157 edifici classificati come gemeentelijke monumenten.[1]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa protestante[modifica | modifica wikitesto]

Tra i principali edifici religiosi di Lemmer, figura la chiesa protestante, costruita nel 1716 su progetto dell'architetto Auke Bouwes Disma per sostituire una chiesa del 1413, distrutta nel 1516 da un incendio.[6][7]

Willibrorduskerk[modifica | modifica wikitesto]

Altro edificio religioso di Lemmer è la Willibrorduskerk, costruita nel 1901 su progetto dell'architetto N. Molenaar in sostituzione di una chiesa omonima del 1767.[8]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Ir.D.F. Woudagemaal[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Ir.D.F. Woudagemaal.

Altro luogo d'interesse è la Ir.D.F. Woudagemaal: realizzata nel 1920, è la più grande stazione di pompaggio a vapore al mondo tuttora in funzione e come tale, è stata inserita dall'Unesco nel patrimonio dell'umanità.[9]

Chiusa di Lemmer[modifica | modifica wikitesto]

Altro edificio importante di Lemmer, è la chiusa (Lemstersluis), costruita alla fine degli anni ottanta del XIX secolo.[10]

La chiusa di Lemmer

Persone legate a Lemmer[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Buurtschappen[1]
  • Tacozijl

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q (NL) Lemmer, Plaatsengids. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  2. ^ a b c d e f (NL) Geschiedenis van de Lemmer, Dick Offringa. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  3. ^ a b (NL) Lemmer, Onze steden. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  4. ^ a b Harmans, Gerard M.L. (a cura di), Olanda, Dorling Kindersley, London, 2005 - Mondadori, Milano, 2007, p. 292
  5. ^ a b (NL) Lemmer, Nederlandse Gemeentewapens. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  6. ^ (NL) Lemmer, Kerkhof 1 - Hervormde Kerk, Reliwiki. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  7. ^ (NL) Hervormde Kerk, Lemmer, Monumentenregister.
  8. ^ (NL) Lemmer, Schans 49 - Willibrordus, Reliwiki. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  9. ^ (EN) Ir.D.F. Woudagemaal, Scheda Unesco. URL consultato l'8 febbraio 2017.
  10. ^ (NL) Lemstersluis in Lemmer, Rijksmonumenten. URL consultato l'8 febbraio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN129332258 · LCCN: (ENno2001005598 · GND: (DE4546191-0