Lello Di Gioia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lello Di Gioia
Raffaele Di Gioia daticamera.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature - XIV
- XV
- XVII
Gruppo
parlamentare
XIV:
- GRUPPO MISTO - componente: La Rosa nel Pugno (Dal 13/06/2001 a fine legislatura)

In precedenza:

- GRUPPO MISTO (Da inizio legislatura al 13/06/2001)

XV:
- Socialisti e Radicali-RNP (Dal 18/05/2006 a fine legislatura)

In precedenza:

- GRUPPO MISTO (Da inizio legislatura al 4/05/2006)

- GRUPPO MISTO - componente: Rosa nel Pugno (Dal 4/05/2006 al 18/05/2006)

XVII:
- Partito Democratico (Dal 19/01/2017 a fine legislatura)

In precedenza:

- GRUPPO MISTO (Da inizio legislatura all'11/06/2013)

- GRUPPO MISTO - componente: Partito Socialista Italiano (PSI) - Liberali per l'Italia (PLI) (Dall'11/06/2013 al 7/06/2016)

- GRUPPO MISTO - componente: Movimento PPA-Moderati (Dal 7/06/2016 al 19/01/2017)

Coalizione XIV:
L'Ulivo

XV:
L'Unione

XVII:
Italia. Bene Comune

Circoscrizione XIV - XV:
Puglia

XVII:
Sardegna

Collegio XIV:
3 (Foggia-Lucera)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Democratico (Dal 2017)
In precedenza:
Partito Socialista Italiano (Fino al 1994)
Socialisti Italiani (1994-1998)
Socialisti Democratici Italiani (1998-2007)
Partito Socialista Italiano (2007-2015)
Indipendente (2015-2017)
Titolo di studio Laurea in Scienze Politiche; Laurea in Economia Industriale
Professione Impiegato

Raffaele Di Gioia, all'anagrafe Raffaele Mario Rosario Antonio Di Gioia, detto Lello Di Gioia (San Marco la Catola, 20 maggio 1951) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studia scienze politiche specializzandosi in economia industriale e diviene segretario provinciale della Uilm di Foggia. Ricopre presto il ruolo di segretario generale della Uil di Foggia e successivamente diviene membro dell'esecutivo regionale e della direzione nazionale Uil.

Durante gli anni 2000 diventa membro della Giunta della Camera di Commercio di Foggia ed è eletto componente della Commissione centrale per la Finanza e gli Organici degli Enti Locali presso il dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali del Ministero dell'Interno.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Sindaco di San Marco la Catola[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1990, e per circa quindici anni, è eletto Sindaco nel comune natale San Marco la Catola ed è presidente della comunità montana del subappennino dauno settentrionale.

Elezione a deputato[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 2001 viene eletto alla Camera dei Deputati, nel collegio uninominale Foggia-Lucera sostenuto dalla coalizione de L'Ulivo (in quota SDI).

Alle elezioni politiche del 2006 viene rieletto deputato, nella circoscrizione Puglia, nelle liste della Rosa nel Pugno.

Alle successive elezioni politiche del 2008 è ricandidato, sempre nella circoscrizione Puglia, nelle liste del Partito Socialista in seconda posizione, senza venire tuttavia eletto, in quanto il partito non supera la soglia di sbarramento del 4% a livello nazionale.

Grazie all'accordo elettorale tra PSI e PD, alle elezioni politiche del 2013 viene eletto alla Camera dei Deputati, nella circoscrizione Sardegna, in virtù della candidatura nelle liste del Partito Democratico.

Alla Camera si iscrive al gruppo misto per poi aderire l'11 giugno 2013, assieme agli altri tre deputati del PSI, alla componente del misto "Partito Socialista Italiano (PSI) - Liberali per l'Italia (PLI)".

Dal 26 settembre 2013 presiede la Commissione Parlamentare di Controllo sulle attività degli Enti Gestori di forme obbligatorie di Previdenza e Assistenza Sociale.

È inoltre componente della V Commissione (Bilancio, Tesoro e Programmazione).

A giugno 2015 abbandona il Partito Socialista Italiano, pur rimanendo nella componente socialista del gruppo misto.

Il 28 ottobre 2015 presenta quindi a Napoli l'associazione Socialisti & Democratici, promossa insieme ai due deputati Marco di Lello e Giuseppe Lauricella, definita "un cantiere di idee" per contaminare il PD.

Il 7 giugno 2016, infine, abbandona, assieme al deputato Di Lello, la componente del Partito Socialista Italiano alla Camera dei Deputati e forma la nuova componente del gruppo misto "Movimento PPA-Moderati" a cui aderiscono Marco Di Lello, Aniello Formisano e lo stesso Di Gioia.

Il 19 gennaio 2017 Di Gioia aderisce ufficialmente al Partito Democratico insieme al collega Marco Di Lello.

Non si ricandida più alle elezioni politiche del 2018.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

A giugno 2015, dopo le indiscrezioni giornalistiche su un suo coinvolgimento nell'inchiesta dalla Procura di Trani sul crac della Casa Divina Provvidenza opere «Don Uva», Di Gioia rassegna le dimissioni dal PSI, precisando però di non aver ricevuto alcun avviso di garanzia.[1][2][3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]