Lele Blade

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lele Blade
LeleBlade.jpg
NazionalitàItalia Italia
GenereTrap
Reggaeton
EtichettaUniversal, BFM Music
Album pubblicati3
Studio2 + 1 con Le Scimmie

Lele Blade, pseudonimo di Alessandro Arena (Casoria, 6 giugno 1989), è un rapper italiano, membro del trio Le Scimmie (con Vale Lambo e Yung Snapp). Ha iniziato la propria carriera come membro del duo Kimicon Twinz, insieme a Dome Flame.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

365 MUV, U.F.O. Rap Team e Kimicon Twinz (2010-2018)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 fonda insieme a Dome Flame, Vale Lambo, MV Killa, Vinz Turner e Danny Mega il collettivo 365 MUV (chiamato inizialmente Cazooria Muv) e inizia a registrare le prime strofe. Lele Blade nel 2011 entra nel collettivo U.F.O. Rap Team composto da Dome Flame, Raz, Oyoshe, Fabio Farti, Davide Nicosia, Emcee O'zi, Ivanò, Skiattakiattilli, O'3, Shoe, Deka, Enzomare, Oni e Valerio Nazo. Nel 2012 Lele si unisce con Dome Flame per formare un duo, i Kimicon Twinz. Pubblicano Hood Love nel 2012, album d'esordio del duo, e circa tre anni dopo si sciolgono. Nel 2017 partecipa all'ultimo progetto della 365 MUV, Day One, e nel 2019 esce dal collettivo insieme a Vale Lambo e MV Killa per formare un altro collettivo; SLF (acronimo di Siamo La Fam) formato dai tre e dai produttori Yung Snapp e Niko Beatz (anche questi in precedenza membri di 365).

Le Scimmie e El Dorado (2016-2017)[modifica | modifica wikitesto]

Le Scimmie sono un duo rap napoletano formato da Vale Lambo e Lele Blade. Il nome Le Scimmie nasce negli studi Dogozilla, il concetto è che si sono evoluti e si evolveranno ancora come le scimmie. Il 30 settembre 2016 pubblicano il loro primo album, prodotto interamente da Yung Snapp, produttore napoletano considerabile il terzo membro del gruppo. Viene rilasciato per Universal e Dogozilla Empire, inizialmente gratuitamente. Nel 2017 è stato pubblicato in una versione deluxe, con l'aggiunta di quattro tracce bonus[1].

Carriera solista e Ninja Gaiden (2018)[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 ottobre 2018 pubblica il suo primo album da solista Ninja Gaiden per Universal e Dogozilla Empire. Composto da 13 tracce, tra cui il singolo apripista Sosa, in collaborazione con Geolier, uscito il 12 ottobre. Collabora anche con Yung Snapp nella traccia Bentley, con CoCo nella traccia Friends e infine con MV Killa nella traccia Come sto viaggiando[2].

BFM Music e Vice City (2019-presente)[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 giugno 2019 viene annunciata la sua firma per BFM Music, etichetta del rapper Luchè, partnership di Universal che si occupa della distribuzione. Lo stesso mese viene rilasciato il primo progetto per l'etichetta, Vice City. È un album contenente sei tracce, interamente prodotto da Yung Snapp, a parte Loco prodotta da Dat Boi Dee. Collabora con Vale Lambo (nel singolo La bamba[3], prima traccia insieme dopo Le Scimmie), Gemitaiz e Luchè[4]. A fine anno pubblica il singolo Gringo, prodotto da Yung Snapp, e il 28 gennaio 2020 esce il singolo Fuego, inciso insieme a Neves17 e Geolier. Il 23 giugno dello stesso anno viene pubblicato il primo brano del collettivo SLF, intitolato Squad, e qualche giorno dopo Lele rilascia il singolo Prohibido; collabora poi con Gigi D'Alessio in tre tracce contenute nell'album Buongiorno.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Da solista[modifica | modifica wikitesto]

Con i Kimicon Twinz[modifica | modifica wikitesto]

  • 2012 – Hood Love

Con Le Scimmie[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le Scimmie fuori con “El Dorado (Deluxe Edition)”, Hip Hop Tender, 5 maggio 2017. URL consultato il 10 settembre 2020.
  2. ^ Lele Blade ha vinto la sua battaglia con “Ninja Gaiden”, Hip Hop Tender, 30 ottobre 2018. URL consultato il 10 settembre 2020.
  3. ^ Eleonora Forastiero, Lele Blade - La Bamba (feat. Vale Lambo) (Radio Date: 07-06-2019), earone, 6 giugno 2019. URL consultato il 9 settembre 2020.
  4. ^ Chiara Cinti, Vice City è l’album di Lele Blade, La casa del rap, 23 giugno 2019. URL consultato il 23 ottobre 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]