Legion (videogioco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Legion
videogioco
PiattaformaMicrosoft Windows, iOS
Data di pubblicazioneMondo/non specificato 6 giugno 2002

Gold:
Mondo/non specificato 21 febbraio 2008

iPad:
Mondo/non specificato 31 dicembre 2012[1]
GenereStrategia a turni
TemaAntica Roma
OrigineRegno Unito
SviluppoSlitherine Software
PubblicazioneStrategy First
DesignIain McNeill
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputMouse
Fascia di etàPEGI: 12
EspansioniLegion Gold

Legion, uscito anche in versione Legion Gold, è un videogioco di strategia a turni con componenti di tattica in tempo reale ambientato nell'antica Roma, ed è il primo titolo pubblicato dalla Slitherine Software, nel 2002. Lo scopo del gioco è quello di conquistare più città possibili nella mappa scelta dopo aver selezionato una fazione.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Nel menu principale è possibile soltanto selezionare la modalità campagna. Lo scopo del gioco è quello di conquistare la maggior parte della campagna selezionata tra le 7 disponibili. Grazie al tutorial è possibile imparare le basi del gioco, ma per poter vincere una campagna servono molte abilità strategiche.

Il giocatore dovrà stare attento a non andare in carenza di cibo, legname e ferro, le tre risorse disponibili nel gioco, ma neanche ad eccedere di produzione e sprecare risorse oltre i limiti imposti dai magazzini costruiti nelle varie città.

Le campagne sono:

  • L'unificazione d'Italia
  • Conquista della Britannia
  • Pacificazione del Nord
  • Conquista della Spagna
  • Conquista della Gallia
  • Conquista della Germania
  • Campi Elisi (non storica): È una campagna non canonica del gioco, e tutte le fazioni presenti sono fittizie e basate sulla mitologia o su altri media come Star Trek.

Le varie fazioni esistenti nel gioco sono divise in 4 culture:

  • Romani: Sono la fazione più forte, avendo dalla loro parte unità come Veliti, Pretoriani, Legionari e un'unità speciale, la Legione Fantasma (il cui modo per sbloccarla è però tuttora sconosciuta).
  • Celtici
  • Greci: La loro unità tipica più potente sono gli opliti.
  • Tribali

Nella selezione di campagna e fazioni è anche possibile impostare non solo le civiltà storiche (cioè i gruppi etnici alle quali le fazioni sono veramente appartenute), ma anche delle alternative in cui si può scegliere sia la propria etnia, sia quella delle altre fazioni (tuttavia, scegliendo tale opzione, non si potrà impostare un'altra etnia per una singola fazione avversaria, ma tutte le fazioni controllate dal computer messe insieme, e si può comunque scegliere una diversa etnia, rendendo il tutto una scelta globale per tutti gli avversari). Di conseguenza, si potrà giocare nei panni di una fazione di etnia Romana contro avversari anch'essi di etnia Romana, oppure si potrà controllare una fazione impostata sull'etnia Greca contro avversari di etnia Romana, Celtica e Tribale.

La condizione di vittoria è semplice: il giocatore deve controllare il 40% della mappa ed avere un impero il 25% più grande dell'avversario più grande.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il giocatore inizia con un paio di città (2 o 3), dopo avere scelto la campagna, la fazione e le impostazioni di campagna. Ispirato a quello della serie Total War, il gameplay consiste nel conquistare il maggior numero di città possibili. Le città sono segnate da edifici ammucchiati insieme, mentre le armate sono segnati da soldati semplici che portano lo stendardo dal colore della fazione. Anche se non si possono mai vedere i componenti dell'armata, si può capirne la potenza numerica dall'altezza dello stendardo: più è alto, più è numerosa.

Quando il nome della città diventa rosso, vuol dire che tale città ha raggiunto il limite massimo di popolazione, ed è quindi necessario migliorare il centro cittadino (che consiste in 3 livelli: Villaggio, Borgo e Città). Ogni città ha un limite diverso di popolazione.

Gli squadroni di ogni armata recuperano le forze automaticamente quando si trovano in campo aperto, ma lo fanno più in fretta quando si trovano in città. Pertanto, è meglio far riposare una truppa che ha appena conquistato una città. È anche possibile fondere o separare eserciti tramite una schermata; se la somma delle armate è massimo 8, l'armata è automaticamente fusa, altrimenti apparirà una schermata che indicherà il trasferimento di squadroni da un'armata all'altra.

A fianco di ogni squadrone esistono due icone:

  • La prima è quella della salute, che rappresenta la testa del soldato il cui elmo varia a seconda dell'esperienza e della forza numerica dello squadrone. Quanto più l'unità subisce danni in combattimento, tanto più bassa è la barra, e mentre scende, la testa umana viene piano piano sostituita da un teschio.
  • Sotto tale barretta è presente un numero romano che rappresenta invece le medaglie, cioè l'esperienza; ovviamente, quante più sono numerose le medaglie, migliore è l'esperienza dello squadrone e maggiore è la forza di conseguenza.

Per spostare un'armata è sufficiente cliccare col tasto sinistro del mouse su un quadrato colorato di grigio; tali quadrati variano in base ai punti di movimento dell'armata ma soprattutto in base al terreno in cui è situata. Tali quadrati rappresentano, di fatto, il raggio di movimento. E' da notare inoltre che NON tutte le unità si muovono alla stessa velocità. Di solito, una legione ci metterà un po' ad attraversare le Alpi dell'Italia, ma i veliti avranno meno problemi a superarle. La cavalleria è molto sfuggente sulle pianure, ma subiscono pesanti penalità nelle foreste. I fiumi sono impossibili da attraversare, tranne che per schermagliatori e cavalleria leggera. Inoltre, spesso le armate sono incollate tra loro in termini di tipi di squadroni tra fanteria e cavalleria. In tali casi, le armate soffrono di molte penalità di movimento uguali allo squadrone più lento nel muoversi sul determinato terreno, e quindi armate miste si muovono molto lentamente perché soffrono delle peggiori penalità di movimento per ogni tipo di terreno.

Sono presenti 3 tipi di risorse, vale a dire cibo, legno e ferro. È molto importante mantenerne una produzione stabile, stando attenti a non esaurire le risorse, ma anche a non eccederne oltre i limiti dei magazzini. E' importante ricordarsi sempre che le città producono risorse, e anche se non ci sono risorse sufficienti per iniziare il reclutamento di una determinata unità, può ancora reclutare una le cui risorse sono perlomeno sufficienti. Le città possiedono anche un potenziale di produzione espresso in percentuale; se tale percentuale è al 100%, la città produrrà la risorsa alla massima efficienza, mentre se è allo 0% tale città non produrrà tale risorsa.

Nella parte destra della schermata principale della campagna sono presenti le seguenti opzioni:

  • Le freccette indicano le armate situate fuori dalle città; è utile per trovare le armate;
  • Il mappamondo indica la Panoramica dell'Impero, dove vengono visualizzate due schermate:
    • In quella superiore vengono indicate, da sinistra a destra, il nome delle città, la popolazione, il cibo prodotto, il metallo prodotto, il legno prodotto, l'edificio in costruzione e il numero di squadrone in reclutamento. Cliccando su una città è possibile anche visualizzarla passando alla schermata della gestione della città (è anche possibile visualizzarne la gestione facendone doppio clic direttamente sul nome della città);
    • Nella schermata inferiore vengono invece visualizzate le risorse. Tale finestra mostra gli introiti, le spese per gli eserciti, il bilancio e l'attuale quantità di cibo, metallo e legno.
  • La pergamena indica la schermata della diplomazia, dove è possibile formare e rompere alleanza, chiedere o dare tributi, dichiarare guerra o chiedere una tregua;
  • La clessidra indica la fine del turno;
  • Il computer indica il menu di pausa (anzi, di opzioni, dato che è un gioco di strategia a turni), dove è possibile modificare le impostazioni audio e salvare o caricare la partita;
  • La città punta verso una delle città del giocatore. È forse il tasto meno necessario, ma può essere utile se si è scordati la fazione nella quale il giocatore veste i panni;
  • La bilancia indica i risultati di gioco, che indica in scala le fazioni (incluse le città stato), le vittorie ottenute, le sconfitte subite, i nemici eliminati, le unità perse, le città conquistate e la loro potenza misurata in barre.

Sotto tali icone ci sono le risorse, i cui indicatori mostrano le loro quantità attuali e il loro deficit/surplus per turno.

Tutte le unità richiedono un determinato edificio di prerequisito; se l'unità non può essere reclutata, vuol dire che l'edificio che la richiede non è stato costruito. Tuttavia, alcune città non possono produrre una data risorsa poiché il loro potenziale è zero; inoltre se ciò avviene, le strutture che richiedono l'edificio che produce tale risorsa non possono essere costruite: ad esempio, se una città possiede un potenziale di zero in legname, allora non solo non potrà costruire la segheria, ma non potrà neanche costruire gli edifici che ne richiedono la costruzione, ad esempio quelle per reclutare arcieri.

Nella schermata della diplomazia è possibile gestire la propria politica estera. Nella parte sinistra di tale schermata c'è l'elenco di tutte le fazioni ancora in gioco, mentre quelle contrassegnate sono quelle eliminate. Se accanto al nome della fazione c'è un paio di spade incrociate, allora vuol dire che il giocatore è in guerra con quella fazione; se invece c'è una colomba, allora la fazione è alleata del giocatore; se invece c'è una pergamena, allora è arrivato un messaggio da quella fazione. Nella parte destra esistono invece questi pulsanti:

  • Dichiara guerra: Inizia una guerra con la fazione. È possibile entrare nel territorio avversario senza dichiarare apertamente guerra, ma ad ogni turno ciò farà calare di molto le relazioni con quella fazione.
  • Offri pace: Sostituisce il pulsante Dichiara guerra se il giocatore si trova in guerra con quella fazione.
  • Forma alleanza
  • Rompi alleanza: Sostituisce il pulsante Forma alleanza se il giocatore è alleato con quella fazione.
  • Offri tributo: Offre un tributo casuale alla fazione. È possibile che la fazione vuole qualcosa che il giocatore possiede.
  • Vedi offerta: Appare se il giocatore ha ricevuto un messaggio da parte della fazione.
  • Info: Consente di visualizzare le relazioni della fazione selezionata con il resto della mappa.

È possibile visualizzare la mappa non solo nei colori delle tribù, ma anche in base alle relazioni: i territori colorati in rosso sono le fazioni in forte disprezzo per la fazione, mentre quelli verdi sono alleati, o potenziali alleati se non lo sono; gli altri sono in sfumatura di giallo e arancione.

Nella schermata della gestione della città è possibile notare queste funzioni:

  • La data appare nell'angolo superiore sinistro della schermata. È molto importante vedere sempre la data, poiché tutte le costruzioni di edifici e tutti i reclutamenti vengono completati nella primavera di ogni anno.
  • Il nome e il numero della città è presente sulla parte superiore della schermata. La frazione indica il numero delle città sulle città possedute in totale, in ordine di conquista (per esempio, la frazione 2/3 indica che è la seconda su tre città possedute). I triangoli ai lati del rettangolo scorrono le città precedenti e seguenti.
  • L'ovale che copre la maggioranza della schermata rappresenta gli edifici presenti. Sono presenti dei quadrati marroni che in realtà sono spazi vuoti, cioè dei potenziali spazi di costruzione. Mentre le case sono costruite in automatico dai cittadini, le strutture civili e militari sono costruite dal giocatore. Vari edifici civili, come fattorie, miniere, templi e segherie richiedono lavoratori. Più lavoratori la struttura possiede, più risorse produce, o perlomeno maggiore l'effetto. Per assegnare un lavoratore, basta cliccare col tasto sinistro su un edificio civico (se ha posti di lavoro vuoti), mentre per rimuoverlo basta cliccare il tasto destro.
  • Sotto l'ovale è presente il numero di lavoratori disponibili in città, che sono delle icone di omini bianchi; essi servono per fare in modo che gli edifici civici funzionano, ma servono anche per formare nuovi squadroni (ogni lavoratore fornisce uno squadrone, a prescindere dalla tipologia militare). Il numero dei lavoratori disponibili è rappresentato dalla dimensione e taglia della popolazione cittadina, e il numero totale di lavoratori potenziali è rappresentato da sagome di omini neri. Mentre i lavoratori occupati incrementano la produzione, un maggior numero di omini bianchi disponibili incrementa la crescita della popolazione.
  • Nella parte destra della schermata sono presenti gli edifici costruibili nella città. Spostando il cursore su una struttura qualsiasi si può carpirne il costo, la funzione e la manutenzione in risorse, in successione di cibo, metallo e legno. È importante ricordarsi sempre che NESSUNA città può costruire tutti gli edifici, e che se la città ha potenziale 0 rispetto ad una risorsa non può costruire né l'edificio che la produce né quelle che richiedono tale edificio, e quindi neanche le unità che richiedono tali edifici. Uno degli edifici più importanti è il classico centro cittadino, che dal Centro del Villaggio può diventare un Centro del Borgo e poi un Centro Città; costruendo tale struttura aumenta il numero di edifici disponibili ed edificabili. Gli edifici oscurati indicano che le risorse sono insufficienti. È possibile costruire un edificio alla volta per ogni città, e tale ordine viene completato ogni primavera.
  • Nella parte sinistra della schermata sono presenti le unità che si possono reclutare. Le unità oscurate indicano che le risorse non sono sufficienti o non ci sono lavoratori disponibili. È possibile reclutare più volte lo stesso squadrone (vale per tutti gli squadroni), e reclutare fino ad otto squadroni di un qualsivoglia diverso tipo alla volta, finché usciranno dalla città a reclutamento terminato una volta giunta la primavera.
  • Nella parte inferiore è presente una finestra delle risorse, che mostra le risorse che la città produce, quelle che sta usando e il magazzino totale, mentre il numero sovrapposto alle icone delle risorse indica il potenziale di produzione.
  • Nell'angolo inferiore sinistro è presente la guarnigione e l'armata in visita della città. È possibile selezionare l'armata che visita la città tramite un pulsante. È molto importante difendere bene una città, poiché costruire un forte nella città aggiunge uno squadrone (massimo 3) per difendere la città e la migliora anche; bisogna sempre tuttavia dotare le città di almeno un'armata poiché, a prescindere della guarnigione, la città senza un'armata vera e propria viene conquistata senza alcuna resistenza e pertanto la guarnigione appare solamente nell'assistere le difese cittadine, e non combatterà senza un esercito amico nella città.

Fazioni[modifica | modifica wikitesto]

Unificazione d'Italia[modifica | modifica wikitesto]

Conquista della Britannia[modifica | modifica wikitesto]

Conquista della Spagna[modifica | modifica wikitesto]

Conquista della Gallia[modifica | modifica wikitesto]

Conquista della Germania[modifica | modifica wikitesto]

Pacificazione del Nord[modifica | modifica wikitesto]

Campi Elisi[modifica | modifica wikitesto]

  • Romani
  • Tarantiti
  • Zeusiani
  • Nodeniti
  • Mogonii
  • Belinusiani
  • Herani
  • Apolloni
  • Vitrisi
  • Cocidi
  • Minerviani
  • Nettuniti
  • Cernunnosi
  • Adesiani
  • Keridweni
  • Mermiani
  • Daniani
  • Afroditi
  • Ariani
  • Condatiti

Unità[modifica | modifica wikitesto]

  • Ausiliari
  • Arcieri Ausiliari
  • Cavalleggeri bretoni
  • Banda da guerra bretone
  • Celtiberi
  • Nobili celti
  • Banda da guerra celtica
  • Equiti
  • Fanatici
  • Banda da guerra germanica
  • Gladiatori
  • Guerrieri delle colline
  • Opliti
  • Cavalleria greca italiota
  • Legionari
  • Peltasti
  • Contadini
  • Banda da guerra pitta
  • Pretoriani
  • Arcieri tribali
  • Giavellottisti tribali
  • Veliti

Edifici[modifica | modifica wikitesto]

  • Fattoria
    • Grande fattoria
    • Vigneto
  • Villaggio di pescatori
  • Miniera
    • Grande miniera
  • Segheria
    • Grande segheria
  • Alloggio
  • Centro del villaggio
    • Centro del borgo
      • Centro Città
  • Terme
  • Altare
    • Tempio
      • Basilica
  • Campo d'addestramento
  • Corridoio del guerriero
  • Fabbro
  • Recinto / Scuderia
  • Fabbrica d'archi
  • Forte piccolo
    • Forte medio
      • Forte grande
  • Caserma
  • Furiere

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Accoglienza
Recensione Giudizio
Gamezone 6.9/10[2]
Gamevortex 8/10[3]
Entertainment Depot 7.5/10[4]

Il gioco ha ottenuto recensioni positive, in quanto ha ottenuto un punteggio di 6,9 su Gamezone[2], 8 su Gamevortex[3] e 7,5 su Entertainment Depot[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Legion coming to the IPad, su slitherine.co.uk, 19 ottobre 2012. URL consultato il 20 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  2. ^ a b Legion Gold Review, su gamezone.com, 3 giugno 2003.
  3. ^ a b Legion Gold Review, su gamevortex.com, 2002.
  4. ^ a b Legion Gold Review, su entdepot.com, 2002.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi