Legge sull'estradizione di Hong Kong

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Legge sull'estradizione di Hong Kong
Regional Emblem of Hong Kong.svg
Titolo estesoLegge (emendamento) sui criminali latitanti e assistenza giudiziaria in materia penale 2019
StatoCina Cina
Tipo leggeLegge ordinaria sull'estradizione
LegislaturaConsiglio legislativo di Hong Kong
ProponenteJohn Lee
Date fondamentali
PromulgazioneNo; ritirata il 23 ottobre 2019
Testo
Rimando al testo(EN) Fugitive Offenders and Mutual Legal Assistance in Criminal Matters Legislation (Amendment) Bill 2019 (PDF), su Consiglio legislativo di Hong Kong. URL consultato il 15 settembre 2021.

La legge sull'estradizione di Hong Kong è stato un disegno di legge proposto in materia di estradizione per modificare la "Ordinanza sui criminali latitanti" in relazione agli accordi speciali di consegna e alla "Ordinanza sull'assistenza giudiziaria in materia penale" in modo che potessero essere presi accordi per l'assistenza legale reciproca tra Hong Kong e qualsiasi luogo al di fuori di Hong Kong.[1] Il disegno di legge è stato proposto dal governo di Hong Kong nel febbraio 2019 per istituire un meccanismo per il trasferimento di latitanti non solo per Taiwan, ma anche per la Cina continentale e Macao, attualmente escluse dalle leggi esistenti.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'introduzione del disegno di legge ha causato molte critiche a livello nazionale e all'estero da parte di professionisti in materia, organizzazioni di giornalisti, gruppi imprenditoriali e governi stranieri che temevano l'erosione della magistratura di Hong Kong e delle sue garanzie integrate, nonché danni al clima imprenditoriale della regione. In gran parte, questa paura è stata attribuita alla nuova capacità della Cina, attraverso questo disegno di legge, di arrestare i dissidenti politici a Hong Kong. Ci sono state diverse proteste contro il disegno di legge a Hong Kong e in altre città all'estero. Il 9 giugno, i manifestanti, stimati in numero da centinaia di migliaia a più di un milione, hanno marciato per le strade e hanno chiesto al Capo esecutivo di Hong Kong Carrie Lam di dimettersi.[3][4] Il 15 giugno, Lam ha annunciato che avrebbe sospeso la proposta di legge.[5] Le proteste chiedevano il ritiro completo del disegno di legge e successivamente l'attuazione del suffragio universale, promesso e garantito nella legge fondamentale di Hong Kong.

Il 4 settembre, dopo tredici settimane di proteste, Lam ha ufficialmente promesso di ritirare il disegno di legge con la ripresa della sessione legislativa dopo la pausa estiva.[6][7] Il 23 ottobre, il Segretario alla sicurezza John Lee, che aveva originariamente introdotto il disegno di legge, ne ha annunciato il ritiro formale da parte del governo.[8][9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Fugitive Offenders and Mutual Legal Assistance in Criminal Matters Legislation (Amendment) Bill 2019 (PDF), su Consiglio legislativo di Hong Kong. URL consultato il 15 settembre 2021.
  2. ^ (EN) Fears over Hong Kong-China extradition plans, su BBC, 13 dicembre 2019. URL consultato il 15 settembre 2021.
  3. ^ (EN) Hong Kong pushes bill allowing extraditions to China despite biggest protest since handover, su Reuters, 10 giugno 2019. URL consultato il 15 settembre 2021.
  4. ^ (EN) Beijing Digs in on Hong Kong Extradition Bill, su The Wall Street Journal, 10 giugno 2019, ISSN 0099-9660 (WC · ACNP). URL consultato il 15 settembre 2021.
  5. ^ (EN) Hong Kong leader will suspend unpopular extradition bill indefinitely, su Los Angeles Times, 15 giugno 2019. URL consultato il 15 settembre 2021.
  6. ^ (EN) Hong Kong leader withdraws extradition bill, sets up platform to examine protest causes, su South China Morning Post, 4 settembre 2019. URL consultato il 15 settembre 2021.
  7. ^ (EN) As it happened: Hong Kong protesters dismiss formal withdrawal of extradition bill as ‘band-aid on rotting flesh’, su South China Morning Post, 4 settembre 2019. URL consultato il 15 settembre 2021.
  8. ^ (EN) Hong Kong extradition bill officially killed, but move unlikely to end unrest, su SBS News, 23 ottobre 2019. URL consultato il 15 settembre 2021.
  9. ^ (EN) Hong Kong Extradition Bill officially withdrawn, su ABC News, 23 ottobre 2019. URL consultato il 15 settembre 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]