Legge elettorale italiana per il Parlamento europeo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Legge elettorale italiana per il Parlamento europeo
Titolo estesoLegge 24 gennaio 1979, n. 18 Elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all'Italia
StatoItalia Italia
Tipo leggeLegge ordinaria
LegislaturaVII
Date fondamentali
Promulgazione24 gennaio 1979
A firma diSandro Pertini
Testo
Rimando al testoin Gazzetta Ufficiale

La legge elettorale italiana per il Parlamento europeo, denominata ufficialmente legge 24 gennaio 1979, n. 18, è una legge della Repubblica Italiana che disciplina il sistema elettorale per l'elezione dei rappresentanti italiani presso il Parlamento europeo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Approvata dalla Camera il 18 gennaio e pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 30 gennaio 1979,[1] è la più vecchia legge elettorale vigente in Italia (seppure modificata con l'introduzione di una soglia di sbarramento e con garanzie per la parità di genere), dopo che le riforme degli anni novanta hanno modificato le normative dello stesso genere relative agli altri quattro livelli politico-amministrativi.

È improntata allo spiccato principio di proporzionalismo puro che, all'epoca della sua ideazione, informava la maggior parte delle leggi elettorali italiane.

Con legge 20 febbraio 2009, n. 10 il Parlamento italiano ha introdotto una soglia di sbarramento del 4%, cui hanno votato a favore tutti i cinque partiti dotati di un proprio gruppo parlamentare.[2]

La legge prevede la possibilità di esprimere il voto di preferenza: ogni elettore può indicare fino a tre candidati della lista circoscrizionale votata. Nell'aprile 2014 la normativa riguardante i voti di preferenza è stata modificata per rafforzare la rappresentanza di genere: la terza preferenza è annullata qualora l'elettore indichi tre candidati dello stesso sesso. A partire dalle seconde elezioni dopo l'entrata in vigore della legge, previste nel 2019, qualora l'elettore esprima più preferenze, e tutte per candidati dello stesso sesso, saranno annullate la seconda e la terza preferenza.[3][4]

Circoscrizioni[modifica | modifica wikitesto]

Le circoscrizioni italiane per le elezioni europee.

Il territorio nazionale italiano è suddiviso in 5 circoscrizioni plurinominali assegnatarie di un numero di seggi variabili a seconda della popolazione.[5] Ogni circoscrizione comprende molteplici regioni, secondo il seguente elenco:

  1. Italia nord-occidentale (Valle d'Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia);
  2. Italia nord-orientale (Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna);
  3. Italia centrale (Toscana, Umbria, Marche, Lazio);
  4. Italia meridionale (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria);
  5. Italia insulare (Sicilia, Sardegna).

Il complesso delle circoscrizioni elettorali forma il collegio unico nazionale.

La ripartizione dei seggi si effettua dividendo il numero degli abitanti della Repubblica per il numero dei rappresentanti spettante all'Italia nel Parlamento europeo (nella legislatura 2004-2009 erano 78, nella legislatura 2009-2014 sono scesi a 72 e poi 73 nella legislatura 2014-2019) e distribuendo i seggi in proporzione alla popolazione di ogni circoscrizione, risultante dell'ultimo censimento generale, sulla base dei quozienti interi e dei più alti resti. (articolo 2, comma 4, legge n.18/1979)

Secondo il decreto del 1º aprile 2009 (G.U. del 3 aprile 2009), l'assegnazione dei seggi alle circoscrizioni è la seguente:

  • I. Italia nord-occidentale: 19
  • II. Italia nord-orientale: 13
  • III. Italia centrale: 14
  • IV. Italia meridionale: 18
  • V. Italia insulare: 8

Con l'ingresso in vigore della legge n. 2/2011 è stato attribuito 1 seggio in più rispetto ai 72 spettanti per le precedenti europee del 2009.

Questa la ripartizione dei 73 seggi per le europee 2014 sulla base dei risultati dell'ultimo censimento del 2011:

  • Italia nord-occidentale (Piemonte, Valle d'Aosta, Liguria, Lombardia): 20
  • Italia nord-orientale (Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna): 14
  • Italia centrale (Toscana, Umbria, Marche, Lazio): 14
  • Italia meridionale (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria): 17
  • Italia insulare (Sicilia, Sardegna): 8

Presentazione delle liste e sottoscrizioni[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la convocazione dei comizi elettorali tramite decreto del Presidente della Repubblica su deliberazione del Consiglio dei Ministri, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale non oltre il cinquantesimo giorno antecedente quello della votazione, vengono subito costituiti (entro tre giorni) l'Ufficio elettorale nazionale presso la Corte di Cassazione (entro tre giorni) e i cinque Uffici elettorali circoscrizionali presso le corti d'appello di Milano, Venezia, Roma, Napoli e Palermo (entro cinque giorni). Successivamente, si costituiranno in ogni provincia gli uffici elettorali provinciali presso il tribunale del capoluogo.

Presentazione dei contrassegni per le elezioni europee 2019

Tra il 49º e il 48º giorno antecedente al voto, i partiti e movimenti politici devono depositare i propri contrassegni di lista presso il Ministero dell'interno: in caso di approvazione degli stessi, i partiti o movimenti sono autorizzati a stilare gli elenchi dei candidati e, nei casi previsti, a iniziare a raccogliere le firme necessarie alla presentazione ufficiale delle liste dei candidati.

La legge 22 aprile 2014, n. 65[6] impone che le liste siano presentate per ciascuna circoscrizione tra il 40º ed il 39º giorno prima della data delle elezioni. Esse vanno accompagnate da un numero tra 30.000 e 35.000 sottoscrizioni, con almeno il 10% raccolte in ognuna delle regioni di ogni circoscrizione (che si traduce, ad esempio, nel 5% dei votanti alle ultime elezioni regionali per una regione come la Valle d'Aosta[7]). Sono esentati dalla raccolta delle firme le liste dei gruppi politici presenti in Parlamento o che abbiano eletto almeno un parlamentare alla Camera o che abbiano eletto un rappresentante nelle precedenti elezioni europee con proprio simbolo o all'interno di un simbolo composito.

Il deposito delle liste sottoscritte avviene presso le cancellerie delle Corti d'Appello di Milano, Venezia, Roma, Napoli e Palermo, ove hanno sede gli Uffici elettorali circoscrizionali.

Funzionamento[modifica | modifica wikitesto]

La legge in oggetto, salvo la citata modifica del 2009, è improntata ad un principio proporzionale ancor più perfetto di quello della legge elettorale per la Camera in vigore nel 1979.

Il calcolo dei seggi attribuiti ad ogni lista avviene semplicemente a livello centrale nel collegio unico nazionale, per tramite del metodo Hare-Niemeyer dei quozienti naturali e dei più alti resti. Determinato il numero di seggi spettanti ad ogni partito, fino al 2009 gli stessi erano suddivisi fra le singole liste circoscrizionali con lo stesso principio proporzionale puro: ne conseguiva il ruolo meramente procedurale delle circoscrizioni per quanto riguarda il numero di seggi assegnati alle liste a livello nazionale, e quindi poteva occorrere la possibilità della variazione del numero complessivo dei rappresentanti delle singole ripartizioni.[8].

A partire dalle elezioni europee del 2014, tuttavia, l'eventualità dello "slittamento" dei seggi da una circoscrizione all'altra non può più verificarsi. Infatti, il Consiglio di Stato, accogliendo il ricorso dell'eurodeputato Giuseppe Gargani, ha ritenuto di salvaguardare il principio della rappresentanza territoriale. Per l'attribuzione dei seggi nelle circoscrizioni si applica, dunque, la legge elettorale della Camera dei Deputati[9].

Per le liste delle minoranze linguistiche francese, tedesca e slovena, è prevista la possibilità di collegamento con una lista di orizzonte nazionale: in tal caso i voti della lista linguistica andranno ad incrementare quelli della lista nazionale, ottenendo uno dei suoi seggi qualora un candidato linguistico ottenga almeno 50 000 suffragi.[10]

Sempre secondo il modello politico vigente nel 1979, tale legge prevede il voto di preferenza plurimo per i candidati della lista: ogni elettore può esprimere il proprio gradimento fino a tre candidati (numero variabile a seconda della circoscrizione), e gli stessi vengono proclamati eletti, nel limite degli scranni ottenuti da ogni lista circoscrizionale, secondo la graduatoria di consensi ottenuta. Le preferenze vanno espresse a candidati di genere diverso, pena l'annullamento della seconda o terza preferenza.[11] Nel caso fossero presenti nella medesima lista candidati con uguale cognome, va obbligatoriamente segnato sulla scheda anche il nome di colui al quale si desidera offrire la preferenza.

Diritto di voto[modifica | modifica wikitesto]

Il voto è permesso ad ogni cittadino italiano che abbia compiuto il 18º anno di età e che sia iscritto nelle liste elettorali. Sono anche elettori i cittadini degli Stati membri dell'Unione europea che, a seguito di formale richiesta presentata entro tre mesi dalla elezione, abbiano ottenuto l'iscrizione nella lista elettorale del comune italiano di residenza. Invece, per essere eletto al Parlamento europeo come membro della delegazione italiana, occorre aver compiuto 25 anni entro il giorno delle elezioni. Sono anche eleggibili cittadini degli altri Stati membri dell'Unione che siano in possesso dei requisiti di eleggibilità previsti dalle leggi italiane e che non siano decaduti da tale diritto nel loro Stato membro di origine.

Gli elettori italiani residenti all'estero in un paese dell'Unione europea possono partecipare alle elezioni del Parlamento europeo con tre modalità alternative[12]:

  1. scegliendo di votare la scheda nazionale del paese estero in cui si trovano (in tal caso devono formalizzare la richiesta e vengono inclusi nell'elenco del comune estero di residenza); oppure
  2. recandosi in Italia; oppure
  3. recandosi presso il seggio istituito dal consolato italiano di competenza portando il certificato elettorale ricevuto per posta: in questo caso viene consegnata all'elettore la scheda di una delle cinque circoscrizioni elettorali europee in Italia.


Incompatibilità[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono incompatibilità di due tipi:

La disciplina processuale, in merito alla conseguente decadenza, varia in corrispondenza dei due tipi di incompatibilità[13].

Rinvio alla Corte Costituzionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio 2014 la legge è stata inviata alla Corte costituzionale dal Tribunale di Venezia, in riferimento a una possibile incostituzionalità della soglia di sbarramento del 4% introdotta nel 2009 (articolo 21, primo comma),[14] ma il 14 maggio 2015, con la sentenza 110/2015, la questione è stata dichiarata inammissibile dalla Corte.[15]

Successivamente, nell'agosto 2016, il Consiglio di Stato ha di nuovo rinviato[16] la legge alla Corte Costituzionale, sempre in riferimento alla soglia di sbarramento, ma con presupposti dell'azione del tutto diversi rispetto ai due pronunciamenti precedenti della Corte.[17] Secondo Felice Besostri, del resto, l'uguaglianza tra le condizioni della competizione elettorale europea è oramai resa necessaria dal fatto che il trattato di Lisbona comporta che i parlamentari europei eletti in Italia “non rappresentano l’Italia o il suo popolo, ma i cittadini Ue che esercitano il diritto di voto nel suo territorio, che costituisce una circoscrizione elettorale dell’Unione Europea”[18].

La Corte costituzionale, con la sentenza n. 239/2018, ha tuttavia giudicato non fondate tali obiezioni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Modificata il 22 aprile 2014 legge 65. Modificata per ultimo dal Parlamento il 18 febbraio 2009, Legge 20 febbraio 2009, numero 10 "Modifiche alla legge 24 gennaio 1979, numero 18, concernente l'elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all'Italia", pubblicata nella Gazzetta Ufficiale numero 44 del 23 febbraio 2009 [1].
  2. ^ Modifiche alla legge concernente l'elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all'Italia: al Senato, favorevoli 230, contrari 15, astenuti 11; alla Camera, favorevoli 517, contrari 22. Il provvedimento ha goduto del sostegno di PdL, PD, Lega, IdV e UDC.
  3. ^ Legge 22 aprile 2014, n. 65.
  4. ^ Elezioni europee 2014 - Manuale elettorale, su camera.it. URL consultato il 27 maggio 2014 (archiviato il 4 maggio 2014).
  5. ^ Nel 2004 si programmò una ripartizione di 23 seggi per il Nordovest, di 15 per il Nordest, di 16 per il Centro, di 17 per il Sud, e di 7 per le Isole.
  6. ^ Gazzetta Ufficiale, su www.gazzettaufficiale.it. URL consultato il 27 febbraio 2019.
  7. ^ Regionali 2018 - Affluenza definitiva, su elezioni.regione.vda.it. URL consultato il 27 febbraio 2019.
  8. ^ Nella pratica, si è verificata una sistematica sotto-rappresentazione della circoscrizione Isole.
  9. ^ Dossier del Senato relativo alla Decisione 2018/994 del Consiglio dell’UE. (PDF), su senato.it.
  10. ^ L'applicazione di questo comma si è tradotto tradizionalmente nell'elezione di un rappresentante dell'SVP collegato con la DC o con partiti di centro-sinistra.
  11. ^ Elezioni europee 2014 - Manuale elettorale
  12. ^ Legge 30 gennaio 1979, n. 18, articolo 25, in materia di "Elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all'Italia"
  13. ^ La decadenza dell'eurodeputato passa da Roma o da Bruxelles? in Diritto e giustizia, 10 aprile 2004.
  14. ^ Europee 2014, legge alla Consulta. Besostri: Cancellato lo spettro del voto utile da ilfattoquotidiano.it
  15. ^ Sentenza 110/2015, Corte costituzionale della Repubblica Italiana, 17 giugno 2015. URL consultato il 13 dicembre 2016.
  16. ^ [2]
  17. ^ [3]
  18. ^ Laura La Portella, LA SOGLIA DI SBARRAMENTO PER LE ELEZIONI EUROPEE CONTRASTA CON IL PRINCIPIO DI UGUAGLIANZA, 5 ottobre 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto