Legge elettorale italiana del 1860

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Legge elettorale italiana del 1860
Titolo esteso Legge 17 dicembre 1860, n. 4513
Stato abrogata
Tipo legge Legge
Legislatura VII
Schieramento Destra storica
Date fondamentali
Promulgazione 17 dicembre 1860
A firma di Vittorio Emanuele II di Savoia
Abrogazione 1882
Testo
Rimando al testo

La legge elettorale italiana del 1860 fu una legge elettorale maggioritaria adottata dal Regno di Sardegna e utilizzata dal Regno d'Italia per le elezioni dal 1861 (VIII legislautra) fino alle elezioni del 1880 (XIV legislatura).

Contesto storico[modifica | modifica wikitesto]

A seguito delle nuove annessioni seguite alla spedizione dei Mille, fu attuata una riforma della legge elettorale del Regno di Sardegna del 1859.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La legge era un maggioritario a doppio turno: accedevano a ballottaggio i due candidati che al primo turno avessero ottenuto più voti. La base elettorale (unicamente maschile) era censitaria: potevano votare solo quei cittadini che pagassero almeno 40 lire di tasse all'anno, oppure 20 lire se potevano dimostrare alle urne di saper leggere e scrivere. Per tutti era richiesta la maggiore età fissata a 25 anni. Erano però ammessi anche magistrati, professori e ufficiali. Nell'Italia unita, questo sistema permetteva di far votare appena il 2% della popolazione del Regno. Il Senato del Regno, invece, era di nomina regia.

La legge rimase in vigore anche dopo l'unità d'Italia fino a quando il IV governo Depretis la sostituì con una nuova legge che abbassò la soglia censitaria e sostituì i collegi elettorali uninominali con dei collegi plurinominali.

La nuova legge fu impiegata per la prima volta nelle elezioni del 1882.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]