Legge Anselmi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Legge Anselmi
Titolo estesoNorme di attuazione dell'articolo 18 della Costituzione in materia di associazioni segrete e scioglimento della associazione denominata Loggia P2
Statoin vigore
Tipo leggelegge parlamentare
LegislaturaVIII
Proponentedisegno di legge presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana Giovanni Spadolini, di concerto col Ministro di Grazia e Giustizia Clelio Darida
Schieramentoapprovata con voto trasversale
Date fondamentali
Promulgazione25 gennaio 1982
A firma diSandro Pertini
Testo
Rimando al testoLegge 25 gennaio 1982, n. 17

La legge numero 17 del 25 gennaio 1982 ("Norme di attuazione dell'articolo 18 della Costituzione in materia di associazioni segrete e scioglimento della associazione denominata Loggia P2"), anche nota come legge Anselmi, è un atto legislativo approvato dalla Camera dei deputati e dal Senato della Repubblica, promulgato dal Presidente della Repubblica, Sandro Pertini durante il governo Spadolini I[1]. È stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 28 gennaio 1982, numero 27.[2][3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]