Legatum Institute

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Legatum Institute
TipoEuroscetticismo - think tank
Fondazione2007
FondatoreChristopher Chandler (main donor)
Sede centraleRegno Unito Londra
Sito web

Il Legatum Institute è una organizzazione indipendente di Londra, diretta dalla baronessa Philippa Stroud.[1][2][3][4][5][6]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Legatum è stata fondata da Christopher Chandler.[7][8][9]

Legatum Prosperity Index[modifica | modifica wikitesto]

L'istituto pubblica il Legatum Prosperity Index annualmente[10] La prima pubblicazione risale al 2007.[11][12][13][14]

L'istituto inoltre elabora il Global People Movements, sulla migrazione.[15]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ THE LEGATUM INSTITUTE FOUNDATION, su beta.companieshouse.gov.uk, Companies House. URL consultato il 26 febbraio 2018.
  2. ^ Legatum Institute Foundation, su beta.charitycommission.gov.uk, Charity Commission. URL consultato il 26 febbraio 2018.
  3. ^ Conservative peer Baroness Stroud to become chief executive of Legatum Institute, su cityam.com, City A.M., 12 settembre 2016. URL consultato il 25 febbraio 2018.
  4. ^ Jon Springer, Legatum's 2014 Prosperity Index: Asia Positives For Entrepreneurship, Indonesia, Mongolia, su forbes.com, Forbes, 14 novembre 2014. URL consultato il 26 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2018).
  5. ^ Will Martin, The 19 countries with the world's best healthcare systems, su uk.businessinsider.com, Business Insider, 14 febbraio 2018. URL consultato il 25 febbraio 2018.
  6. ^ Thomas Colson, The 17 best-governed countries in the world, su uk.businessinsider.com, Business Insider, 13 novembre 2016. URL consultato il 25 febbraio 2018.
  7. ^ Cynthia O'Murchu, Malta grants EU citizenship to Legatum backer, in Financial Times, 29 gennaio 2017. URL consultato il 29 gennaio 2018.
  8. ^ Marcus Leroux, Christopher Chandler: billionaire behind Legatum think tank has unrivalled access to Brexit MPs, in The Times, 14 ottobre 2017. URL consultato il 29 gennaio 2018.
  9. ^ Matthew Elliott: What the man behind Vote Leave did next, su ibtimes.co.uk. URL consultato il 4 marzo 2018.
  10. ^ The 2012 Legatum Prosperity Index, su prosperity.com, Legatum Institute. URL consultato il 14 ottobre 2012.
  11. ^ List of thinktanks in the UK, su theguardian.com, The Guardian, 30 settembre 2013. URL consultato l'11 novembre 2015.
  12. ^ Sonali Kohli, How the US stacks up to the world’s most prosperous country, su qz.com, Quartz, 6 novembre 2014. URL consultato l'11 novembre 2015.
  13. ^ India more prosperous than China: Legatum Prosperity Index, su indiainfoline.com, IIFL. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  14. ^ India reduces gap with China on prosperity: Study, su timesofindia.indiatimes.com, The Times of India. URL consultato il 26 febbraio 2018.
  15. ^ The Legatum Institutes Global People Movements programme is developing a pioneering method of analysing the trends shaping today’s migration patterns, su keepthefaith.co.uk, Keep The Faith Magazine, n.d.. URL consultato il 1º marzo 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN135135734 · ISNI (EN0000 0000 9220 0632 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2010011977
  Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia