Legamento inguinale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Legamento inguinale
Gray319.png
Legamento inguinale: dalla SIAS al tubercolo pubico
Ligamento Inguinale.jpg
Posizione del legamento inguinale
Anatomia del Gray(EN) Pagina 411
Nome latinoLegamentum inguinale
OrigineSpina iliaca anteriore superiore
InserzioneTubercolo pubico
Identificatori
TAA04.5.01.009
FMA19855

Il legamento inguinale (o ligamento inguinale; anche: ligamento di Falloppio o ligamento di Poupart) si trova nella regione inguinale e risulta formato sia da fasci propri che da fasci derivanti dalla aponeurosi del muscolo obliquo esterno.

Il legamento origina dalla spina iliaca antero superiore e si porta obliquamente latero-medialmente e cranio-caudalmente (verso il tubercolo pubico) determinando alcune strutture di notevole interesse: nella sua parte media alcuni suoi fasci vanno ad inserirsi sulla eminenza ileo-pettinea formando in tal modo la lacuna dei muscoli (o lacuna neuromuscolare) lateralmente (attraverso la quale passa il muscolo ileo-psoas e il nervo femorale), e la lacuna dei vasi medialmente, attraverso cui decorrono i vasi e destinati all'arto inferiore (in senso latero-mediale: arteria e vena femorali, vasi linfatici, e un importante linfonodo detto del Cloquet o linfonodo sentinella).

Nella parte terminale esso si inserisce sulla cresta pettinea formando il legamento lacunare (del Gimbernat) e si continua nel legamento pettineo (di Cooper). Il legamento inguinale costituisce il pavimento concavo del canale omonimo e il margine superiore del triangolo femorale (di Scarpa).

Strutture passanti dietro il legamento inguinale. Visione frontolaterale della pelvi destra

Riassumendo, esso consta di:

  • una faccia superiore, che dà attacco alle fibre del muscolo obliquo interno e trasverso dell'addome e forma la parete inferiore del canale inguinale.
  • una faccia inferiore, che aderisce alla fascia dei muscoli grande psoas e iliaco. Dalla sua porzione mediale origina il legamento lacunare di Gimbernat.
  • un margine anteriore, continuazione dell'aponeurosi del muscolo obliquo esterno.
  • un margine posteriore, che aderisce alla fascia trasversale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Anastasi G. e altri, "Trattato di anatomia umana" Edi Ermes 2006

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]