Lega Italiana per la Lotta ai Tumori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT) è un ente pubblico su base associativa nato a Roma nel 1922.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Persegue le proprie finalità sul territorio nazionale attraverso una rete di 106 sezioni provinciali, 389 ambulatori e oltre 20 000 volontari.

Dal 2000 la Lilt è presieduta dall'oncologo Francesco Schittulli, già presidente della Provincia di Bari[1].

Attività[modifica | modifica wikitesto]

La LILT opera senza fini di lucro e ha come compito istituzionale primario la prevenzione oncologica.

Il suo impegno è dedicato principalmente a:

  • prevenzione primaria: attività di formazione e sensibilizzazione soprattutto su abitudini e stili di vita (alimentazione, fumo, attività sportiva).
  • prevenzione secondaria: diagnosi precoce, visite ed esami.
  • supporto al malato e alla sua famiglia: riabilitazione post-chirurgica e fisioterapica, assistenza agli ammalati, ospitalità per gli ammallati ed i loro accompagnatori, campagne informative sul quadro tecnico-legislativo.
  • supporto infrastrutturale al servizio sanitario: sostegno alla ricerca, formazione dei volontari.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Opera sotto l'alto patronato del Presidente della Repubblica, sotto la vigilanza del Ministero della Salute e si articola in comitati regionali di coordinamento. Nel 2003 ha ricevuto la Medaglia d'Oro al Merito della Salute Pubblica dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gian Antonio Stella,Sergio Rizzo, Licenziare i padreterni: L'Italia tradita dalla casta, Rizzoli, 2009, ISBN 978-88-586-1931-5. (consultabile anche online)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Medicina