Leem Lubany

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Leem Lubany (in arabo: ليم لوباني; Nazareth, 31 agosto 1996) è un'attrice palestinese, meglio nota per avere interpretato il ruolo di Nadia nel film Omar di Hany Abu-Assad.

Biografia e carriera[modifica | modifica wikitesto]

Lubany è originaria di Nazareth, in Galilea. Iniziò a studiare danza classica quando era molto piccola, per poi passare al canto all'età di 13 anni. Durante i suoi studi al liceo steineriano di Harduf, senza nessuna esperienza pregressa né formazione attoriale, ottenne il fortunato ruolo di Nadia nel film palestinese Omar, candidato ai Premi Oscar 2014 come miglior film in lingua straniera.[1] Il regista Hany Abu-Assad disse di averla scelta per la sua capacità di comunicare innocenza e onestà.[2]

Dopo il successo di Omar, ha recitato nel film arabo Viaggio da paura, e nel cast principale di Rock the Kasbah al fianco di Bill Murray, dove interpreta una ragazza afgana con straordinarie doti canore.[3]

A livello televisivo, Lubany è fra i protagonisti della serie statunitense Condor, ispirata alla sceneggiatura del thriller I tre giorni del Condor, di Sydney Pollack.[4]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • Condor – serie TV, 10 episodi (2018)

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Leem Lubany è stata doppiata da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Laura Kim, Omar Press Book (PDF), Toronto International Film Festival. URL consultato il 17 febbraio 2018.
  2. ^ (EN) Andreas Wiseman, Hany Abu-Assad, Omar, Screendaily, 10 settembre 2013. URL consultato il 17 febbraio 2018.
  3. ^ Francesca Pierleoni, Rock the Kasbah, Bill Murray invade l'Afghanistan, ANSA, 3 novembre 2015. URL consultato il 17 febbraio 2018.
  4. ^ (EN) Denise Petski, ‘Condor’: William Hurt & Bob Balaban To Topline Audience Network Series, Deadline, 12 agosto 2017. URL consultato il 17 febbraio 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]