Lee Young-ae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Lee Young Ae)
Lee nel 2006.

Lee Young-ae[1] (Seul, 31 gennaio 1971) è un'attrice sudcoreana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La sua popolarità è cresciuta in modo esponenziale grazie alla sua performance nel popolare drama coreano Dae Jang-geum[2][3][4]. È stata premiata come migliore attrice ai Blue Dragon Film Awards del 2005 e ai Baeksang Art Awards del 2006 per la sua interpretazione nel film di Park Chan-wook Lady Vendetta[5][6].

Oltre alla carriera di attrice, ha anche aiutato varie associazioni di beneficenza, pubblicando le sue esperienze in un'autobiografia del 2001, il cui ricavato è stato devoluto in beneficenza[7]. Nel 2004 è stata nominata Ambasciatrice di buona volontà dall'UNICEF.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 agosto 2009 Lee ha sposato l'imprenditore Jeong Ho-young negli Stati Uniti d'America[8]. Il 20 febbraio 2011 ha partorito due gemelli, un maschio e una femmina, al Jeil Hospital di Jung-gu[9].

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nell'onomastica coreana il cognome precede il nome. "Lee" è il cognome.
  2. ^ (EN) Sleepless in Seoul, su english.chosun.com, 5 dicembre 2003.
  3. ^ (EN) Chinese Mainland in Thrall to 'Daejanggeum'. URL consultato il 12 gennaio 2018.
  4. ^ (EN) Thousands Come Out to Meet Lee Young-ae in Japan. URL consultato il 12 gennaio 2018.
  5. ^ (EN) 'Lady Vengeance' Bags Korea’s Top Movie Honors. URL consultato il 12 gennaio 2018.
  6. ^ (EN) Lee Young-ae Snaps String of Bad Luck at Movie Awards. URL consultato il 12 gennaio 2018.
  7. ^ YESASIA: Online Shopping for Japanese, Korean, and Chinese Movies, TV Dramas, Music, Games, Books, Comics, Toys, Electronics, and more! - Free Shipping - North America Site, su us.yesasia.com. URL consultato il 12 gennaio 2018.
  8. ^ (EN) Actress Lee Young-ae Secretly Married in U.S, The Chosun Ilbo, 26 agosto 2009.
  9. ^ (EN) Lee Young Ae gives birth to twins, su allkpop.com, 20 febbraio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN71678605 · ISNI (EN0000 0003 7456 7205 · LCCN (ENno2008093536 · BNF (FRcb150442215 (data)