Lee-Enfield

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lee-Enfield
Short Magazine Lee-Enfield Mk 1 (1903) - UK - cal 303 British - Armémuseum.jpg
Short Magazine Lee-Enfield Mk. I (1903)
Tipo fucile bolt-action
Origine Regno Unito Regno Unito
Impiego
Utilizzatori vedi utilizzatori
Conflitti Prima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
Seconda guerra boera
Rivolta di Pasqua
Guerra d'indipendenza irlandese
Guerra civile irlandese
Guerre indo-pakistane
Guerra civile greca
Guerra d'Indocina
Guerra di Corea
Guerra arabo-israeliana del 1948
Crisi di Suez
Guerra del Vietnam
Troubles
Guerra sino-indiana
Guerra di liberazione bengalese
Guerra in Afghanistan (1979-1989)
Produzione
Progettista James Paris Lee
Data progettazione 1888
Costruttore vedi produzione e produttori
Date di produzione MLE: 1895-1904
SMLE: 1904-presente
Entrata in servizio 1895
Numero prodotto oltre 17.000.000
Varianti vedi modelli e periodi di servizio
Descrizione
Peso SMLE Mk. I: 4,19 kg
SMLE Mk. III: 3,96 kg
SMLE N°4: 4,11 kg
Lunghezza MLE: 1.260 mm
SMLE N°1 Mk. III: 1.132 mm
SMLE N°4 Mk. I: 1.129 mm
LEC: 1.030 mm
SMLE N°5 Mk. I: 1.003 mm
Lunghezza canna MLE: 767 mm
SMLE N°1 Mk. III: 640 mm
SMLE N°4 Mk. I: 640 mm
SMLE N°5 Mk. I: 480 mm
Munizioni .303 Mk. VII SAA
7,62 × 52 mm NATO
Azionamento bolt-action
Cadenza di tiro 20-30 colpi mirati al minuti
Velocità alla volata 744 m/s
Tiro utile 550 m
Gittata massima 3000 m
Alimentazione caricatore interno riempito con 2 stripper clip da 5 colpi
Organi di mira mire metalliche di vario tipo, spesso modificate nei singoli paesi di produzione
ottiche telescopiche nei modelli di precisione
Enfield-Rifles.com[1]
voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia

Il Lee-Enfield è stato il fucile bolt-action d'ordinanza dell'Impero Britannico e del Commolwealth dalla sua adozione nel 1895 fino al suo definitivo ritiro dal servizio attivo nel 1957.

Nato come riprogettazione del Lee-Metford (adottato dall'esercito britannico nel 1888), il Lee-Enfield presto soppiantò i già presenti Martini-Henry, Martini-Enfield e Lee-Metford. L'arma presentava un caricatore da 10 colpi ricaricabile dall'alto tramite stripper clip (a partire dal Mk. I*, prima solo a colpi singoli) con munizioni .303 British. Il Lee-Enfield fu il fucile d'ordinanza di tutte le nazioni del Commonwealth britannico (tra cui Australia, Nuova Zelanza, Sud Africa, Canada e India).

Sebbene rimpiazzato ufficialmente nel 1957 dal più moderno L1A1 SLR, rimase in servizio fino alla metà degli anni '60 (la variante di precisione 7,62 mm L42 addirittura fino agli anni '90).

Come fucile di servizio è ancora in attività in alcune nazioni che facevano parte del Commonwealth, in particolare la polizia del Bangladesh, cosa che rende il Lee-Enfield il secondo fucile al mondo come durata di servizio attivo dopo il Mosin-Nagant russo. La riserva artica delle Forze Armate Canadesi ha utilizzato gli SMLE N°4 fino al 2015, quando si è deciso di rimpiazzarli con armi più moderne[2]. Si stima che la produzione totale di fucili Lee-Enfield superi le 17 milioni di unità.

Il Lee-Enfield prende il suo nome dalla combinazione del cognome del suo progettista, James Paris Lee, e dalla città dello stabilimento in cui la progettazione ebbe luogo, la Royal Small Arms Factory di Enfield. In Australia e Nuova Zelanda l'arma viene chiamata con i nomignoli three-oh-three[3] e three-naught-three in riferimento al calibro.

Progettazione e storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Lee-Enfield deriva dal precedente Lee-Metford, meccanicamente simile ma a polvere nera, su cui venne installato il sistema di chiusura progettato da James Paris Lee e una rigatura introdotta da William Ellis Metford. A differenza ad esempio del G 98 tedesco, il Lee-Enfield arma il percussore in chiusura (e non in apertura) permettendo quindi un azionamento molto più rapido dell'otturatore. Alla velocità contribuiscono poi i tenoni di chiusura posteriori che pongono la leva di sblocco molto vicina alla mano del tiratore.

Il fucile era anche dotato di caricatore bifilare amovibile in acciaio stampato da 10 colpi, molto all'avanguardia per l'epoca. Inizialmente, l'idea di un caricatore amovibile trovò scarsa accoglienza presso gli ufficiali che temevano che i soldati potessero perderli durante le operazioni. I primi modelli di Lee-Metford e Lee-Enfield avevano una catena per tenere in posizione il caricatore sul fucile.

L'otturatore rapido e il caricatore da 10 colpi del Lee-Enfield permettevano ad un soldato addestrato di eseguire il famoso mad minute, ovvero di sparare dai 20 ai 30 colpi mirati al minuto. Il record è tutt'ora detenuto dal sergente Snoxall che nel 1914 piazzò 38 colpi in un cerchio di 30 cm di diametro a 300 iarde (270 m) di distanza[4]. I fucili ad otturatore scorrevole (come lo Steyr-Mannlicher M1895 austriaco) potevano forse essere più rapidi nell'azionamento ma mancavano della semplicità e del capiente caricatore che caratterizzavano il Lee-Enfield. Alcuni rapporti della Prima guerra mondiale parlano di incontri con squadre di mitraglieri che si erano poi invece rivelate squadre di fucilieri molto rapidi ad azionare i loro fucili.

Il Lee-Enfield fu adattato per sparare la munizione flangiata .303 British. Esperimenti con la polvere infume nel Lee-Metford portarono inzialmente a credere possibile una semplice conversione, ma il calore e la pressione generate dalla nuova polvere deterioravano la rigatura elicoidale del Metford dopo appena 6.000 colpi. La soluzione fu quella di introdurre una nuova rigatura poligonale, progettata alla Royal Small Arms Factory di Enfield.

Munizione Mk. VII .303

Modelli e periodi di servizio[modifica | modifica wikitesto]

Modello / Mk. In servizio
Magazine Lee-Enfield 1895 - 1926
Charger Loading Lee-Enfield 1906 - 1926
Short Magazine Lee-Enfield Mk. I 1904 - 1926
Short Magazine Lee-Enfield Mk. II 1906 - 1927
Short Magazine Lee-Enfield Mk. III

Short Magazine Lee-Enfield Mk. III*

1907 - in servizio
Short Magazine Lee-Enfield Mk. V 1922 - 1924
  • 20.000 esemplari prodotti solo per i test
Rifle N°1 Mk. VI 1930 - 1933
  • 1.025 esemplari prodotti solo per i test
Rifle N°4 Mk. I 1931 - in servizio
  • 2.500 esemplari di prova prodotti negli anni '30
  • Produzione di massa a partire dalla metà del 1941
Rifle N°4 Mk. I* 1942 - in servizio
Rifle N°5 Mk. I "Jungle Carbine" 1944 - in servizio (prodotti tra il 1944 e il 1947)
  • BSA (Shirley): 81.329 fucili
  • ROF (Fazakerley): 169.807 fucili
Rifle N°4 Mk. 2 1949 - in servizio
Rifle 7,62 mm 2A 1964 - in servizio
Rifle 7,62 mm 2A1 1965 - in servizio

Magazine Lee-Enfield[modifica | modifica wikitesto]

Il Lee-Enfield fu introdotto nel Novembre 1895 con la denominazione ufficiale di .303 calibre, Rifle, Magazine, Lee–Enfield (MLE). L'anno successivo fu introdotta una variante corta, denominata Lee-Enfield Cavalry (LEC) Carbine Mk. I, con una canna da 540 mm (contro i 770 mm dell'originale). Entrambe le versioni subirono alcune modifiche nel 1899 e furono rinominate Mk. I*. Molti LEC furono convertiti a versioni speicali, principalmente la New Zealand (NZ) Carbine e la Royal Irish Constabulary (RIC) Carbine. Alcuni MLE furono anche convertiti per permettere la ricarica tramite stripper clip e rinominati Charger Loading Lee-Enfield (CLLE).

Short Magazine Lee-Enfield Mk. I[modifica | modifica wikitesto]

Una versione più corta e più leggera dell'originale MLE, denominata Rifle, Short, Magazine, Lee-Enfield (SMLE), fu introdotta il 1 Gennaio 1904. La canna da 640 mm era a metà lunghezza tra le due originali.

La caratteristica più nota di questi SMLE è la canna coperta interamente dalla calciatura, con solo l'attacco per la baionetta sporgente di qualche millimetro, analogamente alla carabina da cavalleria M/1894 svedese. L'arma incorporava il sistema di caricamento a stripper clip[5] (un sistema preso in prestito dalla Mauser) con la guida per il caricamente ricavata sull'otturatore e non fissa sul castello (come sarà poi nei modelli successivi). La canna corta non fu subito apprezzata, in quanto molti temevano avrebber ridotto la precisione dell'arma (che andava poi combinata con la minore distanza tra le mire metalliche), amplificando allo stesso tempo il rinculo.

Short Magazine Lee-Enfield Mk. III[modifica | modifica wikitesto]

Short Magazine Lee–Enfield N°1 Mk.. III
Soldatesse israeliane armate con fucili Lee-Enfield durante la Guerra arabo-israeliana del 1948
La lamella per il caricamento singolo (cut-off) di un SMLE Mk. III. La caratteristica sarà poi eliminata a partire dal Mk. III*

Il Lee-Enfield più noto, denominato SMLE Mk. III, fu introdoto il 26 Gennaio 1907 assieme alla baionetta P'07 e presentava un mirino posteriore semplificato e una guida per le stripper clip ricavata dal castello e non più la complessa guida rotante sull'otturatore. Anche la calciatura venne rivista, così come i caricatori. La camera venne adattata alla nuova munizione spitzer ad alta velocità Mk. VII. Molti dei fucili esistenti furono aggiornati al nuovo standard e sono designati dal punzone Mk. IV Cond. seguito da vari asterischi che definiscono i fucili di partenza.

Durante la Prima guerra mondiale, si giunse alla conclusione che il Mk. III fosse troppo complesso da produrre (con un costo di 3,15 £) e la domanda superava di troppo l'offerta, quindi nel 1915 si introdusse la variante Mk. III* che rimuoveva la lamella per il caricamento singolo e il mirino per il tiro parabolico (volley sight). Fu rimossa anche la possibilità di regolare la mira posteriore in deriva e la leva di azionamento passò da una sfera ad una placca zigrinata. È possibile trovare fucili che incorporino tutti o solo alcuni di questi cambiamenti, in quanto spesso si usarono parti già esistenti in maniera non sempre coerente con il nuovo standard. La lamella per il caricamento singolo fu reintrodotta dopo la guerra e rimossa definitvamente solo nel 1942.

L'incapacità di principali produttori (RSAF Enfield, Birmingham Small Arms Company Ltd e London Small Arms Co. Ltd) di soddisfare le richieste militari, portò alla stipula di contratti per la realizzazione delle parti (quando non degli interi fucili) a compagnie secondarie.

L'SMLE Mk. III* (poi rinominato Rifle N°1 Mk. III* nel 1926) vide servizio intenso anche durante la Seconda guerra mondiale, specialmente nei teatri del Nord Africa, Italia, Pacifico e Birmania. Australia e India continuarono a produrre il fucile per tutto il conflitto e l'arma rimase in uso nelle forze australiane fino alla guerra di Corea e alla successiva sostituzione dell'arma con il nuovo L1A1 negli anni '50. La Lithgow Small Arms Factory cessò la produzione dei Mk. III* nel 1953.

La Rifle Factory di Ishapore in India produceva Mk. III* in .303 British per poi passare alla produzione del modello 2A rinforzato e modificato per sparare la 7,62 × 51 mm NATO mantenendo il classico mirino inglese (che andava però letto in metri e non iarde, data la traiettorie più tesa della nuova munizione) che fu poi ridotto invece da 2000 m a 800 m nel modello 2A1. La produzione è continuata senza interruzioni fino agli anni '80 quando si passò a nuovi modelli sportivi basati sempre sulle meccaniche del Mk. III*.

Gli Enfield-non-Enfield: P'13, P'14 e M1917[modifica | modifica wikitesto]

A causa delle scarse performance del .303 British durante la Seconda guerra boera (1899-1902), i britannici tentarono di rimpiazzare sia la munizione che il fucile. Il problema principale della munizione era la palla ogivale tonda, molto pesante e poco performante balisticamente. Il proiettile Mauser da 7 mm sparato dall'M1895 tedesco aveva velocità superiore e traiettoria più tesa, due qualità che lo rendevano perfetto nei grandi spazi aperti africani. I lavori per il rimpiazzo della munizione cominciarono nel 1910 e portarono alla nascita nel 1912 del .276 Enfield. Si creò quindi un nuovo fucile per sparare il proiettile, denominandolo Pattern 1913 Enfield e basato sull'azione del fucile tedesco Mauser Gewehr 98. Sebbene il .276 avesse migliori proprietà balistiche, i test sul campo del 1913 evidenziarono un rinculo eccessivo, una fiammata troppo vistosa e il rapido danneggiamento della canna a causa del surriscaldamento. Si cercò di trovare un propellente meno aggressivo, ma lo scoppio della Prima guerra mondiale nel 1914 costrinse all'interruzione di tutti i test. Questo fattore giocò a favore del Lee-Enfield che fu quindi usato in tempo di guerra con la nuova munizione Mk. VII[6].

I due fucili Pattern 1914 Enfield e U.S. Rifle M1917 Enfield sono basati sul precedente P'13.

Tra le due guerre: Lee Enfield N°1 Mk. V e Mk. VI[modifica | modifica wikitesto]

Un Lee-Enfield N°4 Mk. I prodotto dalla Longbranch con mirino a diottra

Nel 1926 l'Esercito inglese decise di adottare la nuova nomenclatura: gli SMLE Mk. III divennero Rifle N°1 Mk. III o III*, mentre i vecchi MLE e LEC furono considerati ormai obsoleti e inservibili assieme ai primissimi esemplari i SMLE. Molti Mk. III e Mk. III* furono convertiti per sparare le munizioni .22 LR e rinominati Rifle N°2. I P14 divennero quindi i N°3.

I fucili SMLE erano molto costosi da produrre, a causa dell'alto numero di parti ricavate dal pieno. Negli anni '20 una serie di prove risultarono nella variazione del progetto con lo scopo di attenuare questi problemi riducendo il numero di parti tornite e forgiate. Gli SMLE Mk. V (poi rinominati Rifle N°1 Mk. V) adottavano un nuovo mirino a diottra che fu spostato più vicino al tiratore, sopra il castello. La maggiore distanza tra diottra e lama anteriore garantiva una maggiore precisione sulle varie distanze. In posizione reclinata, la diottra di mira fissa era tarata a 300 iarde (274 m). Solo in eguito fu introdotta ua nuova diottra adue posizioni (che sostituiva completamente la mira a scala) tarata per 300 e 600 m. La lamella per il caricamento singolo fu reintrodotta e fu aggiunto un rinforzo alla canna per l'uso delle baionette.

Tuttavia, questa nuova versione si rivelò ancora più costosa da produrre del Mk. III e non fu mai distribuita all'esercito, fatta eccezione per circa 20.000 fucili prodotto a scopo di prova tra il 1922 e il 1924 dalla RSAF di Enfield. Il Rifle N°1 Mk. VI aggiungeva una canna flottante per garantire una migliore precisione, svincolandola dalla calciatura e permettendogli quindi di espandersi e contrarsi liberamente. Di questo modello furono prodotti circa 1.025 esemplari tra il 1930 e il 1933.

Rifle N°4[modifica | modifica wikitesto]

Lee–Enfield N°4 Mk. I
Lee-Enfield N°4 Mk. 2 con lastrina di caricamente da 5 colpi parzialmente inserita

Verso la fine degli anni '30 sorse la necessità di un nuovo fucile e enl 1941 venne adottato il nuovo Rifle N°4 Mk. I. La meccanica dell'arma ricalcava quella dello sperimentale Mk. VI, sebbene rinforzata e più semplice da produrre. A differenza dei precedenti modelli, la canna dei N°4 sporgeva dalla calciatura. Le mire metalliche vennero riprogettate e presentavano una diottra fissa sulle 300 iarde con la possibilità di un alzo a scala graduato tra 200 e 1300 iarde (ad incrementi di 100 iarde). Il mirino montato posteriormente si rivelò molto più preciso rispetto a quello montato a metà dell'arma, consuetudine di molti bolt-action.

Il N°4 si rivelò più pesante del N°1 Mk. III, principalmente a causa della canna e della nuova baionetta (soprannominata dai soldati pigsticker per la sua forma particolare, simile ad uno spiedo). Solo alla fine della Seconda guerra mondiale venne introdotta una baionetta a lama, inizialmente pensata per lo Sten, seguita poi dalle N°7 e N°9. Nei suoi scritti, tuttavia, George MacDonald Fraser afferma che la vecchia P'07 fosse compatibile con i N°4[7].

Durante il conflitto anche i N°4 incorsero in semplificazioni volte alla produzione di massa, e nacque così nel 1942 il N°4 Mk. I*. L'arma, pur destinata all'esercito inglese, venne prodotta esclusivamente in Nord-America, specificamente dal Long Branch Arsenal in Canada e dalla Savage-Stevens Firearms negli Stati Uniti.

Nell'immediato dopoguerra iniziò la produzione dei N°4 Mk. 2 (i numeri arabi avevano rimpiazzato la numerazione latina a partire dal 1944), dotati di grilletti migliori, calciature in faggio e rinforzi metallici alla calciatura rimossi in favore di viti e rivetti. La placca sul calcio tornò ad essere in bronzo, dopo che durante la guerra si era deciso di realizzarle in Zamak (lega di zinco) per accelerare la produzione. Con l'introduzione del N°4 Mk. 2 si decise di aggiornare al nuovo standard le scorte di N°4 Mk. I e Mk. I* che vennero designati rispettivamente N°4 Mk. I/2 e N°4 Mk. I/3.

Rifle N°5 Mk. I "Jungle Carbine"[modifica | modifica wikitesto]

Jungle Carbine era un termine informale per definire il Rifle No. 5 Mk I[8], derivato diretto del N°4 Mk. I, pensato non tanto per il combattimento nella giungle quanto in risposta alla richiesta di un fucile più corto e leggero per le forze paracadutate in Europa. La fine della guerra, tuttavia, pregiudicò l'uso del fucile che quindi venne usato nel periodo post-bellico, soprattutto in Malesia, dove gli inglesi si trovarono ad affrontare scontri ravvicinati nella giungla. Ed ecco da dove giunge il nomignolo di Jungle Carbine. La produzione cominclò nel Marzo 1944 e fu interrotta nel Dicembre del 1947[9].

La denominazione Jungle Carbine non fu mai ufficializzata[10], sebbene anche i soldati usassero questa denominazione[8][11].

Il N°5 risultava 100 mm più corto e quasi 1 kg più leggero del N°4 da cui derivava. Furono realizzati vuoti di alleggerimento in tutto in castello e sulla canna, la sfera dell'otturatore venne svuotata, i legni delle calciatura scavati ovunque possibile e furono aggiunti un soppressore di fiamma conico e un poggiaspalla di gomma per attutire il rinculo e impedire lo scivolamento del fucile dalla spalla del tiratore[12]. Tuttavia, a differenza dei poggiaspalla moderni, quello del N°5 riduceva la superficie di contatto tra fucile e spalla, aumentando quindi il rinculo, operando all'opposto di come pensato. Anche le mire metalliche del N°5 erano derivate dal N°4 con l'apertura da battaglia tarata a 300 iarde e un alzo a scala abbattibile tarato tra 200 e 800 iarde.

Secondo i test ufficiali, un N°4 produceva una energia di rinculo pari a 13,64 J contro i 19,14 J di un N°5. Dei 5,50 J di differenza, 1,95 J era causato dall'aggiunta del soppressore conico[13].

A causa del soppressore di fiamma, l'arma non poteva montare le baionette standard e ne fu quindi realizzata una apposita a lama, denominata N°5, pensata per avere la duplice funzione di baionetta e coltello da combattimento[14].

Baionetta per un Lee-Enfield N°5 Mk. I

Una versione (o meglio, versioni, dato che furono diversi i candidati per questa posizione) migliorata, denominata N°5 Mk. 2, fu proposta in seguito ma mai adottata, di conseguenza non esistono N°5 Mk. 2 entrati in servizio[15]. Allo stesso modo si stava pensando ad una versione collassabile per i paracadutisti, ma anche questa idea rimase unicamente sulla carta[16].

Uno dei problemi spesso lamentati con i N°5 era quello del wandering zero, ovvero uno 'zero instabile' che impediva di tarare il fucile per poi fare affidamento su detta taratura per i colpi successivi[8]. Alcuni test condottotti alla fine degli anni '40 evidenziarono in effetti problemi di precisione, attribuibili alla non simmetria dei vuoti scavati nel castello per l'alleggerimento e alla presenza del soppressore di fiamma[17], e il governo britannico dichiarò ufficialmente che i problemi della carabina fossero "attribuibili interamente al progetto e non risolvibili" e decretò l'immediata cessazione della produzione alla fine del 1947[18].

Allo stesso tempo, tuttavia, collezionisti e tiratori odierni hanno sempre affermato come nessuna delle carabine in loro possesso abbia problemi di precisione (il già citato wandering zero)[8]. Questo potrebbe essere visto come un indizio che il Regno Unito volesse deliberatamente mettere fuori produzione un fucile bolt-action in un periodo in cui quasi tutti gli altri paesi stavano adottando fucili semiautomatici per i loro eserciti, come M1 Garand, SKS, FN M1949 e MAS-49[8]. Ciononostante, si deve considerare il fatto che il Regno Unito continuò a produrre i N°4 Mk. 2 fino al 1957 (quando l'arma fu sostituita definitivamente dal nuovo L1A1 SLR) e quindi, probabilmente, i N°5 Mk. I dovevano avere qualche problema non riscontrabile nei N°4[19][20].

Sebbene il nomignolo già esistesse, la Golden State Arms Corporation usò la designazione Jungle Carbine per commercializzati tra gli anni '50 e '60 varianti sportive di Lee-Enfield sfruttando il marcho "Santa Fe"[21]. Migliaia di SMLE Mk. III* e N°4 furono importati negli Stati Uniti e convertiti in varianti civili nel formato N°5 Mk. I e rivenduti come Santa Fe Jungle Carbine oppure Santa Fe Mountaineer[21].

Queste varianti hanno portato ad una grande confusione nella distinzione dei veri N°5 inglesi da quelli 'tarocchi' venduti nel dopoguerra con questa nomenclatura[8]. Il modo più semplice per identificare i veri N°5 consiste nel guardare il lato sinistro del castello su cui dovrebbe trovarsi (incisa con penna elettrica) il punzone Rifle N°5 Mk. I[22], mentr i modelli post-bellici non presentano marchi oppure presentano marchi di produttori che in realtà non hanno mai realizzato N°5 (come Savage o Long Branch)[8]. Le armi della Santa Fe sono riconoscibili in quanto marcate con le scritta Jungle Carbine direttamente sulla canna[21].

Alcune compagnie, come la Gibbs Rifle Company producono varianti completamenre ricostruite di Lee-Enfield tra cui spiccano la #7 Jungle Carbine (realizzata a partire dai 2A1 della Ishapore) e le due varianti Bulldog e Tanker, realizzate modificando in maniera creativa degli SMLE o dei N°4[23].

Conversioni e modelli da addestramento[modifica | modifica wikitesto]

Fucili di precisione[modifica | modifica wikitesto]

Il cecchino canadese Harold Marshall armato con un N°4 Mk. I (T) in .303 British
Fucile di precisione L42A1 camerato per il 7,62 × 51 mm NATO

Durante la Seconda guerra mondiale e la Guerra di Corea, diversi Lee-Enfield vennero convertiti per l'uso di precisione. L'esercito australiano modificò 1.612 SMLE N°1 Mk. III* della Lithgow aggiungendo una canna pesante, un appoggio per la guancia e un mirino telescopico P1918 della Prima guerra mondiale, creando la variante SMLE N°1 Mk. III HT (Heavy barrel, Telescopic sight) che rimase in servizio fino agli anni '70.

Sempre durante il conflitto, diversi fucili N°5, selezionati per la loro eccellente precisione in fabbrica, vennero modificati con un appoggio per la guancia e una scina per ottiche N°32 da 3,5 ingrandimenti. Il requisito di precisione consisteva nel piazzare 7 colpi su 7 in un cerchio di 5 pollici (12,7 cm) a 200 iarde (183 m). L'appoggio era fissato tramite viti in bronzo. Il mirino da battaglia posteriore doveva essere limato quasi completamente per poter montare l'ottica. Ogni ottica N°32 era associata ad uno specifico fucile tramite serializzazione[24]. Come per i fucili, anche l'ottica venne aggiornata nel tempo passando dalla N°32 Mk. 1 standard del 1942 alla N°32 Mk. 2 nel 1943 e infine alla N°32 Mk. 3 (precedentemente N°32 Mk. 2/s) nel 1944. Diverse Mk. 3 furono poi ulteriormente aggiornate per l'uso nei nuovi L42A1 in 7,62 mm NATO, con la nuova denominazione Telescope Straight, Sighting L1A1.

La produzione iniziale prevedeva 1.403 conversioni di N°4 degli anni 1931, 1932 e 1933 alla RSAF di Enfield. La conversione occupò il biennio 1941-1942. A questo punto i lavori furono assegnati alla Holland & Holland, famosa per la produzione fucili sportivi, che convertì quasi 26.000 (sebbene questo numero sembri includere anche le conversioni operate dalla RSAF) N°4 Mk. I T e N°4 Mk. I* T. I fucili convertiti dalla H&H presentano il codice S51 sulla calciatura. La BSA di Shirley convertì 100 fucili in .22 LR. Circa 3.000 fucili (prevalentemende prodotti dalla Stevens-Savage) furono parzialmente converiti dalla H&H ma non ricevettero mai né le scine né le ottiche. Il Canada convertì 1.500 fucili nell'arsenale di Long Branch e le forze armate canadesi usarono questi fucili fino agli anni '60. Quando i britannici passarono al 7,62 mm NATO si decise di convertire i N°4 Mk. I T al nuovo calibro rinominandoli L42A1, fucili che rimasero in servizio fino al 1993 quando furono rimpiazzati dal nuovo Accuracy International L96[25].

Fucili da addestramento calibro .22[modifica | modifica wikitesto]

Altri Lee-Enfield vennero convertiti in armi da addestramento calibro .22[26], una munizione che permettesse di insegnare ai cadetti le basi del maneggio delle armi con costi molto contenuti. Inizialmente le conversioni vennero effettuate su fucili obsoleti quali MLM e MLE[27][28] e solo dal primo conflitto mondiale si cominciò ad usare i più recenti SMLE. Queste armi riconvertite presero inizialmente la denominazione .22 Pattern 1914 Short Rifle[29], modificata poi in Rifle N°2 Mk. IV[30] a partire dal 1921. Erano di solito armi a colpo singolo, in origine modificate con delle canne Morris per il proiettile .22L (o anche altri calibri lievemente più grandi). Alcune armi vennero poi modificate ulteriormente con speciali adattatori che consentissero l'alimentazione tramite caricatore. Nel 1914 la Enfield produsse canne e otturatori per i proiettili .22 appositamente per convertire le armi in .303, e in breve questo metodo di conversione divenne il più comune. Un caricatore da 5 colpi (Parker-Hiscock) fu sviluppato e usato nell'ultimo periodo del conflitto, ma fu ritirato presto dal servizio a causa dei numerosi problemi dovuti ad una meccanica troppo complessa e inaffidabile[31]. I N°2 Mk. IV sono identici alla loro controparte in .303 salvo che per la canna calibro .22, il caricatore unicamente estetico e l'otturatore modificato per la nuova munizione.

Dopo la Seconda guerra mondiale, i N°7, N°8 e N°9 furono impiegati come armi da addestramento in tutto il Commonwealth[32]. La British Small Arms presentò anche un prototipo in calibro .22 basato sul nuovo N°5, ma la mancata adozione di quest'ultimo bloccò anche ulteriori possibilità per la sua controparte calibro .22[33].

Il C N°7 Rifle è un fucile ad alimentazione manuale da addestramento basato sul N°4 Mk. I prodotto dalla Long Branch[34].

Moschetti e fucili a canna liscia[modifica | modifica wikitesto]

In vari stati, in periodi diversi e per ragioni differenti, si decise di convertire alcuni Lee-Enfield in fucili a canna liscia.

La SAF di Lithgow in Australia produsse fucili a canna liscia sfruttando l'azione del Mk. III. Denominati Slazenger questi fucili erano camerati per la munizione civile .410. Tali conversioni nacquerò spesso dal divieto imposto da molti stati di possedere armi camerate per munizionamento militare (come il .303). Risultava infatti molto più facile possedere un fucile a canna liscia.

La RFI in India convertì un numero enorme di Mk. III in fucili a colpo singolo camerati per il .410 Indian Musket. Queste conversioni erano pensate per la polizia e le guardie carcerarie, a cui non erano necessarie armi troppo potenti (come quelle in .303). Allo stesso modo, la munizione .410 IM era di difficile reperimento al di fuori delle forze governative e di sicurezza, pertanto avrebbe reso inutile l'eventuale furto di queste armi.

A proposito di quanto scritto sopra si deve considerare che le due munizioni .410 e .410 IM non hanno nulla in comune. La prima viene sfruttata da armi a canna liscia ed è quindi una munizione a pallettoni, mentre la seconda è a tutti gli effetti una variante depotenziata del .303 British, pertanto i fucili indiani mantengono la rigatura della canna. Molti di queste armi indiane, una volta dismesse, furono riconvertite e vendute sui mercati internazionali dove possono essere acquistate e usate con normali proiettili .303. Le versioni non ricamerate, invece, richiedono cariche personalizzate, in quanto la munizione .410 IM non è mai stata distribuita commercialmente e non viene più prodotta dagli anni '50.

Numerosi tentativi sono stati fatti per modificare i fucili in .410 a canna liscia per poter sfruttare un caricatore, rimuovendo il blocco di legno inserito al suo posto e reinserendo un caricatore originale da 10 colpi. Nessun tentativo ha mai avuto successo finora, sebbene alcuni possessori siani riusciti ad adattare alcuni caricatori per i fucili a pompa Savage e Stevens ai loro Lee-Enfield.

Conversioni civili e varianti[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine degli anni '40, la legislazione australiana vietava il possesso di armi camerate per munizioni militari, quindi un gran numero di .303 fu convertito per sparare munizioni wildcat come .303/25, .303/22, .303/22, .303/270 e 7,7 × 54 mm. Fucili sportivi in .303/25 sono piuttosto comuni oggi in Australia, nonostante una cronica scarsità di munizioni dali anni '80. Quando nel 1975 il divieto venne annullato, molti riconvertirono i loro SMLE al calibro originale. Nell'immediato dopoguerra, la SAF di Lithgow convertì molti fucili in .22LR, commercializzandoli poi con il nome di Slazenger (lo stesso usato per le conversioni in .410).

Nei primi anni '50 la Essentian Agencies Ltd di Toronto produsse una serie di fucili "da sopravvivenza" basati sui N°4, ma accorciati e alleggeriti. I fucili con numero seriale sotto 6000 erano destinati al mercato civile, quelli sopra il 6000 erano invece parte di un ordine piazzato dal governo canadese.

L59A1[modifica | modifica wikitesto]

Il fucile L59A1 era una conversione dei N°4 ad arma da parata, impossibile da rimettere in funzione. Fu introdotto in servizio negli anni '70. Parallelamente era in sviluppo anche una conversione per i N°1 (da denominare L59A2) ma il progetto fu abbandonato a causa delle difficoltà tecniche e dello scarso numero di esemplari ancora in circolazione nelle mani dei cadetti.

La necessità di quest'arma sorse dalla preoccupazione sulla vulnerabilità delle scorte di armi delle scuole cadetti, in particolare dopo i raid dell'IRA degli anni '50 e '60. Le precedenti conversioni non vennero ritenute sufficientemente sicure e si era convinti della possibilità di riportarle in condizione di sparare. Gli L59A1 vennero quindi creati con modifiche estese, saldando la canna al castello, rimuovendo i blocchi per l'otturatore (che quindi non entra in chiusura completa), tagliando la punta del percussore e chiudendo il foro stesso del percussore sull'otturatore. Gli otturatori vennero placcati nel rame per renderli facilmente identificabili e si aprirono numerose fessure sulle canne. Infine, i calci venivano contrassegnati con bande bianche e la sigla DP.

Commando e fucili automatici[modifica | modifica wikitesto]

La versione "classica" della De Lisle, con calciatura in legno completa
  • Carabina De Lisle: una variante da commando di un Mk. III* calibro .45 ACP dotata di silenziatore integrale pensata proprio per l'uso dietro le linee nemiche in operazioni clandestine.
  • M1915 Howell Automatic Rifle: il primo tentativo di conversione del Lee-Enfield in un fucile semiautomatico[35]. L'arma si rivelò affidabile ma incredibilmente scomoda da impugnare. Vicino alla volata veniva praticato un foro sulla canna per il reindirizzamento dei gas e un tubo correva lungo tutto il fucile fino alla leva di apertura dell'otturatore. Qui il pistone (che correva nel tubo e forzava contro una molla di ritorno) terminava con un dispositivo a camma che nel primo segmento di arretramento del pistone forzava la rotazione e lo sblocco dell'otturatore per poi portare indietro con sè tutto l'otturatore espellendo il bossolo e camerando una nuova munizione una volta tornato in posizione. Il sistema di funzionamento dell'arma, con l'otturatore in apertura automatica (piuttosto violenta oltretutto), impediva al tiratore (più per ragioni di sicurezza che altro) di tenere la testa nel punto classico dell'arma e le mire furono riprogettate con disassamento sulla sinistra dell'arma, così che il tiratore non dovesse neanche appoggiare la testa al fucile durante l'uso. Allo stesso modo, per impedire ferite alla mano del tiratore, si fissò all'impugnatura un grip verticale in metallo con uno "scudo" che impediva al tiratore di spostare accidentamente in alto la mano sul percorso del pistone poco sopra. Per questi motivi l'arma venne ritenuta poco adatta all'uso sul campo e si ripiegò sul suo uso come arma anti aerea.
  • M1941 Rieder Automatic Rifle: un tentativo di conversione del Lee-Enfield per rendere l'arma completamente automatica (senza selettore). Progettato in Sud Africa, il dispositivo Rieder poteva essere montato senza usare alcuno strumento. Nonostante rapporti abbastanza positivi (escluso il rapido surriscaldamento della canna dopo appena un centinaio di colpi sparati) il kit non entrò mai in produzione di massa in quanto gli Stati Uniti stavano ormai fornendo grandi quantitativi di Lee-Enfield, rendendo dunque superflua qualunque conversione.
  • M1941 Charlton Automatic Rifle: la conversione più famosa, ideata dal neozelandese Philip Charlton nel 1941 come tentativo di sostituire Bren e Lewis in un periodo in cui la loro mancanza era piuttosto sentita. Durante la Seconda guerra mondiale, la maggior parte delle forze terrestri neozelandesi erano dispiegate in Nord Africa. Quando il Giappone entrò in guerra nel 1941, la Nuova Zelanda si trovava senza mitragliatrici per una eventuale difesa in caso di invasione e il governo decise di finanziare vari progetti di conversione per i fucili Lee-Enfield[36]. Il risultato finale fui il Charlton Automatic Rifle (basato sull'obsoleto MLE), consegnato alle truppe a partire dal 1942. Le conversioni ammontano a poco più di 1.500 esemplari (compresi alcuni esemplari prodotti dalla Electrolux a partire dagli SMLE Mk. III* della Lithgow). Le armi differivano esteticamente (quelle neozelandesi avevano un'impugnatura anteriore e un bipiede, quelle australiane no) ma non meccanicamente. La maggior parte di queste conversioni finirono distrutte dopo la guerra e i pochi esemplari sopravvivono oggi in collezioni private e/o musei.
    Charlton Automatic Rifle
  • M1943 Howard-Francis Machine Carbine: questo prototipo fu pensato per convertire i N°1 Mk. III in una carabina leggera semiautomatica camerata per il 7,63 × 25 mm Mauser. L'arma presentava problemi sia nell'alimentazione che nell'estrazione e non superò mai la fase di prototipo, nonostante l'idea fosse più che valida e la precisione più che sufficiente.
  • M1944 Ekins Automatic Rifle: un ultimo tentativo australiano di convertire il Lee-Enfield in un fucile automatico[36]. L'arma presentava un sistema analogo a quello visto nel progetto di Howell, ma usava caricatori standard da 10 colpi.

Conversioni in 7,62 × 51 mm NATO[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni '60, si decise di convertire un certo numero N°4 in 7,62 × 51 mm NATO come parte di un programma volto a mantenere i Lee-Enfield come armi di riserva[37]. I fucili così convertiti furono designati L8 e dotati di nuova canna, estrattore e caricatore per accogliere la nuova munizione[38]. L'aspetto del nuovo fucile è identico al N°4 tranne per il caricatore e la canna. La famiglia comprende L8A1 (N°4 Mk. 2), L8A2 (N°4 Mk. I/2), L8A3 (N°4 Mk. I/3), L8A4 (N°4 Mk. I) e L8A5 (N°4 Mk. I*).

La Sterling Armaments di Dagenham produsse anche uno speciale kit di conversione per la vendita civile. La differenza con il modello militare era costituita dall'estrattore. Se nella versione della Enfield l'eiettore si trovava nel caricatore sotto forma di lamella metallica, nel kit della Stirling esso era costituito da un pistoncino a molla inserito nella parete del castello.

I risultati dei test condotti non furono così soddisfacenti e si decise di interrompere eventuali future conversioni. Tuttavia, gli errori commessi permisero di affinare la tecnica e la conversione ebbe invece successo nei modelli N°4 (T) di precisione che, una volta convertiti, furono denominati L42A1[39].

Alla fine degli anni '60, la RSAF di Enfield entrò nel mercato civile producendo una replica del N°4 in 7,62 mm NATO. L'arma (in due varianti principali) venne messa in commercio con i nomi di Enfield Envoy, intesa per tiratori sportivi, e Enfield Enforcer, rivolta alle forze di polizia ed equipaggiata con ottica Pecar.

Ishapore 2A/2A1[modifica | modifica wikitesto]

Ishapore 2A1

Ad un certo punto, dopo la guerra sino-indiana del 1962, la Ishapore Rifle Factory in India cominciò la produzione di un nuovo fucile conosciuto come Rifle 7,62 mm 2A, basato sul Mk. III* ma camerato per la nuova munizione 7,62 × 51 mm NATO. Esternamente l'arma è pressoché identica all'originale, le uniche differenze sono le ali di protezione del mirino anteriore e il caricatore più squadrato (che contiene 12 colpi invece che 10).

I castelli dei fucili della Ishapore sono realizzati con un acciaio migliore per poter resistere alla maggiore pressione della nuova munizione e l'estrattore è modificato per la nuova munizione non flangiata. Nel decennio 1965-1975 (in cui si pone l'interruzione della produzione) le mire vennero modificate passando dalle 2000 iarde originali (molto ottimistica come gittata) ai 2000 m come compensazione per la traiettoria più tesa della nuova munizione. Si arrivò però alla conclusione che una taratura fino a 2.000 m fosse inutile e si passò a 800 m nel nuovo modello, denominato Rifle 7,62 mm 2A1.

Spesso si parla dei 2A e 2A1 indiani come di "conversioni in .308". Se tecnicamente i fucili sono camerati per il .308, il termine 'conversione' è sbagliato in quanto queste armi sono state prodotte da zero e non ottenute per riconversione di vecchi esemplari. L'uso di munizioni commerciali .308 è poi sconsigliato, in quanto alcuni caricamente disponibili al pubblico generano pressioni più alte della controparte militare 7,62 mm NATO, rendendo quindi potenzialmente pericolosa l'arma.

Australian International Arms N°4 Mk. IV[modifica | modifica wikitesto]

AIA M10-B2 Match Rifle
Fucile da competizione M10-B2

La Australian International Arms di Brisbane ha prodotto anche una riproduzione moderna del N°4 Mk. II, commercializzata con il nome di AIA N°4 Mk. IV (o M10-B2). Le parti venivano prodotte da svariate industrie e poi assemblate a Brisbane. L'arma usava il classico 7,62 × 51 mm NATO ma era alimentata tramite i caricatori dell'M14 opportunamento modificati. Questa variante era stata pensata per i tiratori moderni e si poteva quindi montarvi un'ottica senza bisogno di alterare in alcun modo il castello[40]. L'azienda rese disponibile anche il modello AIA M10-A1, basato sul N°5 Mk. I e alimentato tramite i caricatori dell'AK-47 sovietico in 7,62 × 39 mm.

Nonostante l'importazione dei caricatori di M14 e AK-47 (opportunamento limitati alla capacità di 10 colpi) fosse legale, il governo australiani cercò sempre di limitarne la circolazione. Ad oggi, è necessario uno speciale permesso per la detenzione e anche in questo caso, le autorità australiane possono rifiutare l'importazione di tali caricatori se non viene fornita una valida giustificazione[41].

Produzione e produttori[modifica | modifica wikitesto]

In totale, oltre 16 milioni di Lee-Enfield erano stati prodotti in diversi continenti quando la produzione in Gran Bretagna cessò nel 1956. I macchinari della Royal Ordnance Factory di Fazarkeley furono venduti alla Pakistan Ordnance Factory di Rawalpindi e la produzione N°4 continuò. Al totale contribuì anche la Rifle Factory Ishapore in India, che continuò la produzione di Lee-Enfield in .303 e 7,62 mm NATO fino agli anni '80 e produce tutt'ora un fucile basato sulla meccanica Lee-Enfield camerato però per la munizione .315[42]. La Birmingham Small Arms Company di Shirley e la SAF di Lithgow in Australia terminarono la produzione dei Mk. III* con un ultimo lotto di 1.000 fucili nel 1956. Solo durante la Prima guerra mondiale, nel solo Regno Unito furono prodotti 3.800.000 Lee-Enfield da RSAF, BSA e LSA.

I punzoni sull'impugnatura di un Mk. III* del 1918 prodotto dalla London Small Arms Co. Ltd. Il marchio G.R. sotto la corona sta per George Rex e si riferisce al sovrano in carica nell'anno di produzione

Lista di produttori[modifica | modifica wikitesto]

I punzoni trovati su MLE, CLLE, e SMLE Mk. I - Mk. III* e varianti sono:

Punzone Produttore Paese
Enfield Royal Small Arms Factory (Enfield) Regno Unito
Sparkbrook Royal Small Arms Factory (Sparkbrook) Regno Unito
BSA Co Birmingham Small Arms Co. Ltd Regno Unito
LSA Co London Small Arms Co. Ltd Regno Unito
Lithgow Lithgow Small Arms Factory Australia
GRI Ishapore Rifle Factory India Britannica
RFI Ishapore Rifle Factory India

I punzoni SSA e NRF possono essere individuati anche su SMLE Mk. III* della Prima guerra mondiale. Le sigle indicano rispettivamente la Standard Small Arms e la National Rifle Factory. Questi fucili sono stati assemblati con parti provenienti da diversi produttori e riflettono il metodo che venne usato durante il conflitto per accelerare la produzione di SMLE nel Regno Unito. I Mk. III* sono gli unici fucili assemblati in questo modo.

GRI sta per Georgius Rex, Imperator ovvero 'Re Giorgio, Imperatore (d'India)', ad indicare un fucile prodotto durante la dominazione inglese. RFI sta invece per Rifle Factory, Ishapore ed indica un fucile realizzato dopo l'ottenimento dell'indipendenza da parte dell'India nel 1947.

Per i N°4 Mk. I, N°4 Mk. I* e N°4 Mk. 2 vale invece:

Punzone Produttore Paese
ROF (F) Royal Ordnance Factory (Fazakerley) Regno Unito
ROF (M) Royal Ordnance Factory (Maltby) Regno Unito
B Birmingham Small Arms Co. Ltd Regno Unito
M47 (M47C) Birmingham Small Arms Factory (Shirley) Regno Unito
Long Branch Small Arms Limited Canada
US PROPERTY [S] Savage Arms Stati Uniti
POF Pakistan Ordnance Factories Pakistan

I Lee-Enfield (N°4 Mk. I e N°4 Mk. I*) prodotti dalla Savage in America sono tutti marcati con la scritta US PROPERTY. Queste armi furono tutte fornite al Regno Unito come parte del programma di aiuti durante la Seconda guerra mondiale. Nessun Lee-Enfield fu mai adottato dall'esercito statunitense: i punzoni servivano solo ad identificare il fatto che i fucili rimanevano di proprietà degli Stati Uniti e che erano stati semplicemente prestati e non venduti[43].

Un certo numero di fucili inglesi, soprattutto Martini-Henry e Martini-Enfield, ma anche Lee-Enfield, sono stati prodotti da piccole officine nella regione del passo Khyber tra Pakistan e Afghanistan.

Le "copie del passo Khyber", come vengono identificate queste armi, sono spesso ottenute come copia di un "fucile mastro", che a sua volta può essere una copia del passo Khyber e pertanto presentano punzonature poco convenzionali come la N di Enfield rovesciata. La qualità di queste armi varia da esemplare a esemplare, passando da fucili indistinguibili dagli originali inglesi ad altri che invece sono pericolosi da usare. Le copie del passo Khyber non sono costruite con attenziona tale da permettere l'uso sicuro di munizioni con caricamenti moderni (se ne sconsiglia l'uso in generale con qualunque munizione).

Le copie del passo Khyber si riconoscono generalmente per alcuni fattori:

  • frequenti errori di scrittura nella punzonature (come la N rovesciata già citata);
  • punzone V.R. (Victoria Regina) associato a date successive al 1901. La regina Vittoria morì nel 1901, quindi i fucili prodotti dopo questa data dovrebbero presentare i punzoni E.R. (Edwardius Rex per Edoardo VII e Edoardo VIII) oppure G.R. (Georgius Rex per Giorgio V e Giorgio VI);
  • Spelling errors in the markings; as noted the most common of which is a reversed "N" in "Enfield");
  • Lavorazioni non rifinite, con metallo soffice o indebolito, legni non trattati e punzoni non incisi con attenzione.

Polizia e forze speciali[modifica | modifica wikitesto]

Un Mujaheddin afghano con un Lee-Enfield nell'Agosto del 1985
Ranger canadesi a Nunavut, Giugno 2011

Il Lee-Enfield (inteso come famiglia di armi) è il secondo fucile bolt-action al mondo per durata di servizio (superato solo dal Mosin-Nagant russo). Ancora oggi, il Lee-Enfield è usato da diverse forze di polizia nel Commonwealth. In Canada gli ultimi Lee-Enfield sono usciti dal servizio attivo nel 2016. Soldati indiani armati di Lee-Enfield erano una costante lungo le ferrovie dopo gli attacchi del 2006 e 2008. L'arma è ancora rintracciabile nelle mani di polizia e forze di seconda linea in Pakistan e Bangladesh. La polizia pakistana, tuttavia, ha rimpiazzato il Lee-Enfield il prima linea con le variani dell'AK-47 negli anni '80, a seguito della grande disponibilità di armi sia legali che tramite mercati clandestini. In Giordania, il Lee-Enfield è stato usato dalla polizia fino al 1971, mentre nell'esercito il rimpiazzo era già avvenuto nel 1965. In Iraq e Egitto, il Lee-Enfield fu invece rimpiazzato dagli AK-47 alla fine degli anni '50, anche se le forze di polizia mantennero l'arma in servizio fino alla fine degli anni '70.

Nel Regno Unito, gli esemplari calibro .22 N°8 sono ancora in uso presso le unità di cadetti[44]. Allo stesso modo il Lee-Enfield è ancora arma ufficiale da parata in Sud Africa[45].

Quando i russi invasero l'Afghanistan, migliaia di Mujaheddin erano armati con i Lee-Enfield[46] forniti dalla CIA durante l'Operazione Cyclone tramite il Pakistan. L'agente CIA Gust Avrakotos strinse con l'Egitto un accordo che prevedeva la produzione di munizioni .303 specificamente per quel conflitto. Solo in seguito, Michael Vickers, nuovo incaricato per l'operazione, sostituì i vecchi Lee-Enfield con armi più moderne e facilmente reperibili.

Le copie del passo Khyber sono ancora prodotte, dato che i fucili bolt-action rimangono estremamente efficaci nel deserto, dove la precisione su lunga distanza surclassa la necessità di fuoco rapido. I Lee-Enfield sono ancora popolari nella regione, nonostante l'abbondante presenza di armi più recenti come SKS e AK-47[47]. Diversi fucili sono stati usati dagli insorti talebani contro le forze NATO in Afghanistan.

Foto recenti sulla guerra civile in Nepal mostrano le forze governative armate di SMLE Mk. III e III* per combattere i ribelli maoisti (anch'essi armati di Lee-Enfield)[48].

La polizia della Isole Salomone e vanatu continua a mantenere scorte di Mk. IV[49]. Anche la polizia di Tonga conserva diversi fucili donati dalla Nuova Zelanda[49].

Un SMLE nelle mani dei ribelli Maoisti in Nepal nel 2005

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Conversione turca in 7,92 × 57 mm di un Lee-Enfield catturato durante la Prima guerra mondiale
Membri della Milice française, armati di fucili N°4 e mitragliatrici Bren

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.enfield-rifles.com/
  2. ^ David Pugliese, Military draws blanks in bids for rifles Firms don't want to give up secrets, in The Ottawa Citizen (Ottawa), 17 ottobre 2011. URL consultato il 26 gennaio 2012 (archiviato il 26 gennaio 2012).
  3. ^ Military Production at Lithgow SAF
  4. ^ Ian Skennerton, Arms and Militaria, Bulletin Board, skennerton.com. URL consultato il 28 gennaio 2009.
  5. ^ LOC § 11715
  6. ^ The .256 British: a Lost Opportunity by Anthony G Williams
  7. ^ Fraser, George MacDonald. McAuslan in the Rough (New York: Alfred A. Knopf, Inc.), 1974, page 179.
  8. ^ a b c d e f g Wilson (2006)
  9. ^ Skennerton (2007), p.246
  10. ^ Skennerton (1994), p.5
  11. ^ Skennerton (1994) p.7
  12. ^ Skennerton (1994), p.7
  13. ^ Lee Enfield No.5 "jungle carbine"
  14. ^ Skennerton (2007), p. 406
  15. ^ Skennerton (2007) p.245
  16. ^ Skennerton (2007) p. 204
  17. ^ Skennerton (1994) p.8
  18. ^ Skennerton (1994), p.8
  19. ^ Skennerton (2007), p.559
  20. ^ Skennerton (2001), p.5
  21. ^ a b c Skennerton (2007) p.380
  22. ^ Skennerton (2007) p.499
  23. ^ Skennerton (2007), p.382
  24. ^ Mark A. IV Keefe, British Lee–Enfield No. 4 (T) Sniper Rifle, in American Rifleman, August, National Rifle Association, 2007, pp. 88.
  25. ^ Enfield Enforcer, Amstevens.fsnet.co.uk. URL consultato il 28 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2009).
  26. ^ SHOT Backwards Design Company, Lee–Enfield and other Training Rifles and Associated Equipment, Rifleman.org.uk. URL consultato il 14 febbraio 2012.
  27. ^ SHOT Backwards Design Company, Lee–Enfield Rifle RF Short Mks.I and II (II), Rifleman.org.uk. URL consultato il 14 febbraio 2012.
  28. ^ Skennerton (2007), pp.481–483
  29. ^ SHOT Backwards Design Company, Lee–Enfield Rifle .22RF Pattern 14, Rifleman.org.uk. URL consultato il 14 febbraio 2012.
  30. ^ [1] [collegamento interrotto]
  31. ^ SHOT Backwards Design Company, Lee–Enfield Pattern 18 - ".303 cum .22" (II), Rifleman.org.uk. URL consultato il 14 febbraio 2012.
  32. ^ SHOT Backwards Design Company, Lee–Enfield and other Training Rifles and Associated Equipment, Rifleman.org.uk. URL consultato il 14 febbraio 2012.
  33. ^ SHOT Backwards Design Company, Lee–Enfield Rifle No.5 .22RF, Rifleman.org.uk. URL consultato il 14 febbraio 2012.
  34. ^ SHOT Backwards Design Company, The Lee–Enfield Rifle C. No.7 (Canadian), Rifleman.org.uk. URL consultato il 14 febbraio 2012.
  35. ^ Forgotten Weapons, M1915 Howell Automatic Rifle Enfield Conversion, 28 marzo 2017. URL consultato il 29 marzo 2017.
  36. ^ a b Special Service Lee Enfields: Commando and Auto Models by Ian Skennerton. Published by Ian D Skennerton, PO Box 80, Labrador 4215, Australia, 2001. ISBN 0-949749-37-0. Paperback, 48 pp, 50 plus b & w drawings and photos, 210 × 274 mm
  37. ^ Blogger: Aanmelden, Anonymous-generaltopics.blogspot.com. URL consultato il 14 febbraio 2012.
  38. ^ Skennerton (2007), pp.255–259
  39. ^ Skennerton (2007), pp.260–264
  40. ^ Improved Enfield Rifles, Australian International Arms Rifles/Lawrance Ordnance. URL consultato il 28 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 3 agosto 2008).
  41. ^ Firearms Act, SCHEDULE 2, Part (8)(b), accessed 11 January 2010
  42. ^ .315" Sporting Rifle, Indian Ordnance Factories. URL consultato il 28 gennaio 2009.
  43. ^ Skennerton (2007), Chapter 15
  44. ^ Lee–Enfield Rifle No.8 for the British Forces, UK N.R.A Historic Arms Resource Centre. URL consultato il 30 gennaio 2009.
  45. ^ Kgabo Mashamaite, The SANDF opens the 2012 Rand Easter Show, South African Department of Defence, 8 aprile 2012. URL consultato il 20 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2016).
  46. ^ Modern Warfare, Published by Mark Dartford, Marshall Cavendish (London) 1985
  47. ^ Infantry: No Known Cure For The AK-47 Disease, Strategypage.com, 12 aprile 2010. URL consultato il 14 febbraio 2012.
  48. ^ Nepalese army begins arms storage, BBC, 10 aprile 2007. URL consultato il 28 gennaio 2009.
  49. ^ a b c d e David Capie, Under the Gun: The Small Arms Challenge in the Pacific, Wellington, Victoria University Press, 2004, pp. 66-67, ISBN 978-0-86473-453-2.
  50. ^ Miller, David (2001). The Illustrated Directory of 20th century Guns. Salamander Books Ltd. ISBN 1-84065-245-4.
  51. ^ Anistoriton: An Essay, Anistor.gr. URL consultato il 14 febbraio 2012.
  52. ^ Afghan War Rugs: A Sub-group with Iranian Influence, Rugreview.com. URL consultato il 14 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2012).
  53. ^ Photo from Getty Images, Daylife.com, 24 luglio 2008. URL consultato il 14 febbraio 2012.
  54. ^ a b Hogg, Ian (2002). Jane's Guns Recognition Guide. Jane's Information Group. ISBN 0-00-712760-X.
  55. ^ Ad Gevar, Vis records [ Id: 114 ], Arma Dania. URL consultato il 28 febbraio 2017.
  56. ^ David Jordon, The History of the French Foreign Legion: From 1831 to Present Day, The Lyons Press, 2005, p. 159, ISBN 1-59228-768-9.
  57. ^ Ian Sumner, The French Army 1939–45, Osprey Publishing, 1998, p. 14, ISBN 1-85532-707-4.
  58. ^ Paul Scarlata, Small arms of the Deutscher Volkssturm part I, su http://www.thefreelibrary.com/, Shotgun News, 20 gennaio 2011. URL consultato il 6 luglio 2015.
    «The Volkssturm even received some No. 1 Mk. III* Lee-Enfields that had been abandoned by the British during their evacuation from Dunkirk or captured in North Africa.».
  59. ^ Heber, Dr Thorsten (2008), Kennblätter fremden Geräts: Heft 1, Handwaffen, Books on Demand, ISBN 978-3837040425 p. 85 (in German)
  60. ^ Enfield Rifles From Italian Navy, Euroarms. URL consultato il 14 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2012).
  61. ^ a b Enfauser, Turk Mauser. URL consultato il 14 febbraio 2012.
  62. ^ Philip Alpers, The Politics of Destroying Surplus Small Arms: Inconspicuous Disarmament, a cura di Aaron Karp, Abingdon-on-Thames, Routledge Books, 2010, pp. 168-169, ISBN 978-0-415-49461-8.
  63. ^ France at War - Portugal in the Great War, Worldwar1.com. URL consultato il 14 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 3 giugno 2007).
  64. ^ Neil Grant, Rhodesian Light Infantryman 1961-80, pp. 14, 28.
  65. ^ ปืนพระราม 6 ( ปืนเสือป่า ) หมายเลข 1, Thailandoutdoor.com. URL consultato il 14 febbraio 2012.
  66. ^ Weapons of the 107th: Lee–Enfield Mk.III, oryansroughnecks.org. URL consultato l'11 settembre 2009.
  67. ^ Leonard G. Shurtleff, Doughboy's Rifle: (It wasn't necessarily a Springfield), su Doughboy Center: The Story of the American Expeditionary Forces, The Great War Society, 2003. URL consultato l'11 settembre 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • UK-NRA – Historic Arms Resource Centre – Enfield and Lee–Enfield Training Rifles Reference Pages
  • § 11715, List of Changes in British War Material ("LoC"), H.M. Stationer's Office (HMSO), periodical
  • John Enright, Centrefires in Australia—1948 and On, Australian Shooter's Journal, February 1998.
  • Clarrie Griffiths, 1948? Yes, I Remember..., Australian Shooter's Journal, February 1998.
  • Ian V. Hogg, The Complete Illustrated Encyclopedia of the World's Firearms, A&W Publishers, 1978, ISBN 978-0-89479-031-7.
  • Christos Sazanidis, Τα όπλα των Ελλήνων (Arms of the Greeks), Thessaloniki (Greece), Maiandros, 1995.
  • Ian Skennerton, The Lee–Enfield, Gold Coast QLD (Australia), Arms & Militaria Press, 2007, ISBN 0-949749-82-6.
  • Ian Skennerton, Small Arms Identification Series No. 19: Australian S.M.L.E. Variations, Gold Coast QLD (Australia), Arms & Militaria Press, 2004a, ISBN 0-949749-49-4.
  • Ian Skennerton, Small Arms Identification Series No. 18: 7.62mm L42A1 Sniper, L39A1, 2A & Lee–Enfield Conversions, Labrador, QLD, Arms & Militaria Press, 2004b, ISBN 0-949749-48-6.
  • Ian Skennerton, Small Arms Identification Series No. 12: Special Service Lee–Enfields (Commando & Auto Models), Gold Coast QLD (Australia), Arms & Militaria Press, 2001, ISBN 0-949749-29-X.
  • Ian Skennerton, Small Arms Identification Series No. 14: .303 Lewis Machine Gun, Gold Coast QLD (Australia), Arms & Militaria Press, 2001, ISBN 0-949749-42-7.
  • Ian Skennerton, Small Arms Identification Series No. 7: .303 Magazine Lee–Metford and Magazine Lee–Enfield, Gold Coast QLD (Australia), Arms & Militaria Press, 1997, ISBN 0-949749-25-7.
  • Ian Skennerton, Small Arms Identification Series No. 4: .303 Rifle, No. 5 Mk I, Gold Coast QLD (Australia), Arms & Militaria Press, 1994a, ISBN 0-949749-21-4.
  • Ian Skennerton, Small Arms Identification Series No. 2: .303 Rifle, No. 4, Marks I & I*, Marks 1/2, 1/3 & 2, Gold Coast QLD (Australia), Arms & Militaria Press, 1994b, ISBN 0-949749-20-6.
  • Ian Skennerton, Small Arms Identification Series No. 1: .303 Rifle, No. 1, S.M.L.E. Marks III and III*, Gold Coast QLD (Australia), Arms & Militaria Press, 1994c, ISBN 0-949749-19-2.
  • Ian Skennerton, The Lee–Enfield Story, Gold Coast QLD (Australia), Arms & Militaria Press, 1993, ISBN 1-85367-138-X.
  • Spencer.C Tucker, The European Powers in the First World War. An Encyclopedia, New York (USA), Routledge, 2013, ISBN 0-8153-0399-8.
  • W.H.B. Smith, 1943 Basic Manual of Military Small Arms (Facsimile Edition), Harrisburg PA (USA), Stackpole Books, 1979, ISBN 0-8117-1699-6.
  • War Office, Textbook of Small Arms 1929, London, Dural (NSW): H.M.S.O/Rick Landers, 1999 [1929].
  • Royce Wilson, SMLE: The Short Magazine Lee–Enfield Mk III, Australian Shooter Magazine, September 2007.
  • Royce Wilson, Jungle Fever: The Lee–Enfield .303 Rifle, Australian Shooter Magazine, May 2006.
  • Royce Wilson, Straight Up With a Twist: The Martini–Enfield .303 Rifle, Australian Shooter Magazine, August 2007.
  • Lee Enfield No1 Mk.V

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra