Lech Majewski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lech Majewski (pronuncia [maˈjɛfski], ‘Ma-yev-ski’[1]) (Katowice, 30 agosto 1953) è un regista, scrittore e pittore polacco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Katowice, in Polonia, Majewski ha studiato all'Accademia di Belle Arti di Varsavia. Negli anni Settanta ha studiato alla Scuola Nazionale di Cinema a Łódź, seguendo il corso di regia di Wojciech Has. Nei primi anni Ottanta, dopo aver completato The Knight, quando fu introdotta in Polonia la legge marziale, Majewski emigrò in Inghilterra e poi negli Stati Uniti, dove abitò per la maggior parte del periodo comunista.

Oggi, Majewski ha la doppia cittadinanza: statunitense e polacca e viaggia spesso fra questi e altri paesi.

Nel 2006, il Museum of Modern Art a New York propose una retrospettiva completa dei lavori di Majewski. Per quell'occasione, Majewski realizzò il film Glass Lips.

Nel 2012 è uscito in Italia il suo nuovo lavoro I colori della passione, con Rutger Hauer, Charlotte Rampling e Michael York, ispirato al dipinto Salita al Calvario (Bruegel), di Pieter Bruegel il Vecchio.

Momentaneamente sta lavorando a un film ispirato a Dante Alighieri, come ha dichiarato un'intervista a Gherardo Vitali Rosati [2].

Filmografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Film Series: Cigarettes and cinema in The Peak. URL consultato il 15 febbraio 2007.
  2. ^ Arriva in Italia I colori della Passione, di Lech Majewski, parla il regista