Learco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Learco (disambigua).
Learco
The Insane Athamas Killing Learchus, While Ino and Melicertor Jump into the Sea LACMA 65.37.123.jpg
Learco mentre viene ucciso dal padre Atamante
Nome orig.Λέαρχος
SessoMaschio
Luogo di nascitaBeozia

Learco (in greco antico: Λέαρχος, Elle) è una figura della mitologia greca, figlia di Atamante re di Beozia e di Ino[1].

Fu fratello di Melicerte[1].

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Fu ucciso ancora fanciullo dal padre che era stato fatto impazzire da Era[2] come punizione di aver accolto e allevato Dionisio[3], figlio illegittimo di Zeus avuto da Semele[4], sorella di Ino.
Il padre, accecato dalla pazzia, scambiò il piccolo Learco per un leoncino (o secondo altre versioni per un cerbiatto) e lo uccise, mentre la madre si gettò da una rupe con l'altro figlio Melicerte. Ovidio insiste su alcuni particolari patetici della sua storia, come quello che il bambino aveva spontaneamente allungato le braccia verso il padre per abbracciarlo, non sapendo che egli era impazzito e voleva ucciderlo[5].

Dante Alighieri cita la sua storia come esempio di pazzia nell'Inferno[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Pseudo-Apollodoro, Biblioteca, libro I. 9. 1 su theoi.com (In inglese).
  2. ^ Ovidio era un latino quindi chiama la dea Era con il nome di Juno (Giunone)
  3. ^ Ovidio era un latino quindi chiama Dionisio con il nome di Baccus (Bacco)
  4. ^ Ovidio, Le metamorifosi, libro libro III, 509 (Penteo e Bacco) su theoi.com (In inglese)
  5. ^ Ovidio, Le metamorfosi', libro IV, 512 (Atamante ed Ino) su theoi.com (In inglese)
  6. ^ Dante Alighieri, Inf. XXX, 7-12.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca