Leandro Mercado

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Leandro Mercado
Leandro Mercado 2012 SBK Donington.jpg
Mercado sulla ZX-10R del team Pedercini nel 2012
Nome Leandro Denis Mercado
Nazionalità Argentina Argentina
Motociclismo IlmorX3-003.png
Carriera
Carriera in Superbike
Esordio 2012
Miglior risultato finale
Gare disputate 40
Punti ottenuti 151
 

Leandro Denis Mercado (Córdoba, 15 febbraio 1992) è un pilota motociclistico argentino.

Vincitore della Superstock 1000 FIM Cup nel 2014.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver iniziato la carriera agonistica in competizioni nazionali, nel 2008 passa a correre negli Stati Uniti, finendo al terzo posto in classifica nella Red Bull US Rookies Cup. L'anno dopo prende parte con una Kawasaki ZX-6R del team Attack Performance a gare delle classi Daytona SportBike e Supersport; in quest'ultima, dopo essersi piazzato in terza posizione nella divisione Est del campionato, vince il titolo nazionale nella gara finale a Daytona.[1]

Nel 2010 passa al Campionato Italiano Velocità con una Kawasaki del team BWG Racing nella classe Stock 600, dove si piazza al settimo posto finale; durante l'anno fa il proprio esordio anche nel campionato europeo come wild card nelle tre prove disputatesi in Italia, cogliendo un quinto posto a Misano e la 25ª posizione in classifica.

Nel 2011 viene ingaggiato dal Team Pedercini, che lo presenta al via della Superstock 1000 FIM Cup e della classe Stock 1000 del CIV con una Kawasaki ZX-10R; nel mondiale conclude la stagione al 16º posto con una quinta posizione a Silverstone come miglior risultato in gara, mentre finisce sesto nel campionato italiano con due podi all'attivo, entrambi ottenuti al Mugello.

Nel 2012 rimane nella stessa squadra per partecipare al campionato mondiale Superbike, ma è costretto a saltare il primo appuntamento a Phillip Island a causa di un infortunio. Partecipa comunque a otto gran premi totalizzando nove punti.

Continua a correre con il team Pedercini anche nel 2013 ma passa alla Superstock 1000 FIM Cup, nella quale si posiziona al quarto posto in classifica con una vittoria e quattro podi all'attivo. Sempre nel 2013 chiude al secondo posto in classifica nel campionato Italiano Velocità classe Superbike.

Nel 2014 passa al team Barni Racing in sella ad una Ducati 1199 Panigale R, sempre nella Coppa del Mondo Superstock 1000. Vince il titolo con 117 punti in sette gare, frutto di due vittorie ed altri due piazzamenti a podio.

Nel 2015 rimane nella squadra del 2014, ma passa al campionato Mondiale Superbike in sella ad una Ducati 1199 Panigale R, finendo a punti tutte le gare tranne una. Chiude la stagione all'ottavo posto nel mondiale con 142 punti ottenuti.

Nel 2016 passa al team Aruba.it Racing-Ducati che lo schiera nella Superstock 1000 FIM Cup, con compagno di squadra Michael Ruben Rinaldi. Sfiora il suo secondo titolo di categoria, chiudendo secondo in campionato con 111 punti, a sole quattro lunghezze dal vincitore [2] con tre vittorie nei singoli gran premi su otto gare in calendario.

Nel 2017 torna nel campionato mondiale Superbike, firma infatti per il team IODARacing che gli affida un'Aprilia RSV4 RF. In questa stagione è costretto a saltare la gara inaugurale in Australia a causa di una frattura di tre costole e ad una falda di pneumotorace, dovute ad una caduta rimediata mentre si allenava con la moto da cross. [3]

Risultati in gara[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale Superbike[modifica | modifica wikitesto]

2012 Moto Flag of Australia.svg Flag of Italy.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of the United States.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of the Czech Republic.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Russia.svg Flag of Germany.svg Flag of Portugal.svg Flag of France.svg Punti Pos.
Kawasaki Inf Inf 14 Rit 10 15 AN 16 Rit Rit Rit 17 19 16 Rit 18 Rit NP 9 26º
2015 Moto Flag of Australia.svg Flag of Thailand.svg Flag of Spain.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Portugal.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Spain.svg Flag of France.svg Flag of Qatar.svg Punti Pos.
Ducati 12 11 10 10 8 7 11 14 7 8 11 13 8 9 11 Rit 9 9 15 15 14 10 9 12 9 6 142
2017 Moto Flag of Australia.svg Flag of Thailand.svg Flag of Spain.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Germany.svg Flag of Portugal.svg Flag of France.svg Flag of Spain.svg Flag of Qatar.svg Punti Pos.
Aprilia Inf Inf 0
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Non disputata/Non valida Non qual./Non part. Squalificato Ritirato

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]