Le straordinarie avventure di Mr. West nel paese dei bolscevichi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Le straordinarie avventure di Mr. West nel paese dei bolscevichi
Aleksandra Khokhlova 1924.jpg
Aleksandra Chochlova in una scena del film
Titolo originaleНеобычайные приключения мистера Веста в стране Большевиков
Neobyčajnye priključenija mistera Vesta v strane Bolševikov
Paese di produzioneUnione Sovietica
Anno1924
Durata74 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,33:1
film muto
Generecommedia
RegiaLev Kulešov
Casa di produzioneGoskino
FotografiaAleksandr Levickij
Interpreti e personaggi

Le straordinarie avventure di Mr. West nel paese dei bolscevichi (Neobyčajnye priključenija mistera Vesta v strane Bolševikov) è un film del 1924 diretto da Lev Kulešov.[1] È noto come uno dei primi film di propaganda sovietica ad affrontare la percezione degli Stati Uniti d'America verso l'Unione Sovietica.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Le straordinarie avventure di Mr. West nel paese dei bolscevichi

L'americano John West, presidente dell'YMCA, sta pianificando un viaggio nella neonata Unione Sovietica per diffondere le idee dell'associazione. Sua moglie è molto preoccupata di quei bolscevichi vestiti di stracci e pellicce di cui ha letto sui giornali e quindi, per proteggersi, West parte insieme al suo amico cowboy Jeddy.

Tuttavia, appena arrivato, la sua valigetta viene rubata, perde di vista Jeddy e viene preso di mira da una banda di truffatori, tra cui da una contessa decaduta: facendo leva sull'ingenuità e le paure di West, i criminali inscenano un rapimento travestiti da barbarici bolscevichi, per poi "salvarlo" dalle grinfie di quest'ultimi nei panni di controrivoluzionari, spillandogli migliaia di dollari.

Alla fine, a salvare West è la vera polizia bolscevica, mentre Jeddy ha nel frattempo conosciuto una ragazza americana che vive a Mosca. West fa un giro turistico della città, scoprendo che il governo non ha distrutto tutte le attrazioni culturali (visita infatti l'Università di Mosca e il Teatro Bol'šoj), come invece avevano insinuato i truffatori. Dopo aver ammirato una parata militare, West conclude che la visione americana dell'Unione Sovietica è sbagliata e telegrafa alla moglie, chiedendole di buttare i giornali e appendere un ritratto di Lenin nel suo studio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Jay Leyda, Kino: A History of the Russian and Soviet Film, Crows Nest, Allen & Unwin, 1960, pp. 171-173.
  2. ^ (EN) RusFilm 2003, su rusfilm.pitt.edu, University of Pittsburgh, 2003. URL consultato il 1º novembre 2008 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2012).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]