Le Grazie (Colle di Val d'Elsa)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le Grazie
frazione
Le Grazie – Veduta
Il santuario delle Grazie
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
ProvinciaProvincia di Siena-Stemma.svg Siena
ComuneColle di Val d'Elsa-Stemma.png Colle di Val d'Elsa
Territorio
Coordinate43°25′02″N 11°06′03″E / 43.417222°N 11.100833°E43.417222; 11.100833 (Le Grazie)Coordinate: 43°25′02″N 11°06′03″E / 43.417222°N 11.100833°E43.417222; 11.100833 (Le Grazie)
Altitudine241 m s.l.m.
Abitanti1 770[1]
Altre informazioni
Cod. postale53034
Prefisso0577
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Le Grazie
Le Grazie

Le Grazie è una frazione del comune italiano di Colle di Val d'Elsa, nella provincia di Siena, in Toscana.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

La frazione è situata poco fuori dall'abitato di Colle di Val d'Elsa, a ovest rispetto al centro fuori Porta Nova, lungo la strada regionale 68 di Val Cecina che conduce a Volterra, con deviazioni per Casole d'Elsa e San Gimignano. Le Grazie confina a nord con Borgatello, a est con il capoluogo, a sud con Quartaia e ad ovest con Campiglia dei Foci.

Urbanisticamente congiunta alla periferia occidentale di Colle, dista circa 30 km da Siena, e comprende anche le località di Faulino, Le Mosse e Paganico. Dipendenti dalla frazione Le Grazie sono anche i piccoli centri di Boscona e Sant'Andrea.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La frazione ebbe origine da un oratorio fatto costruire dai fratelli Iacopo e Luparello Luci nel XV secolo,[2] che acquisì con il tempo maggiore importanza e venne trasformato in convento nel 1501 da Giovanni Luci, nipote di Luparello.[3] Il convento ospitò i mendicanti padri amedeisti fino al 1570, dopodiché passò per decisione ai padri dell'ordine di Sant'Agostino della congregazione di Lecceto.[3] In seguito alle soppressioni leopoldine de 1783, il convento fu convertito in parrocchia, la cui giurisdizione si estendeva sul territorio di campagna a occidente della Porta Nova e che comprendeva anche il borgo di Sant'Andrea a Strada.

Nel corso del XX secolo la frazione ha conosciuto una forte urbanizzazione, a seguito della realizzazione di un'area residenziale nei pressi del santuario e del saldamento con la perfieria occidentale di Colle. Con i suoi circa 1 800 abitanti[1] costituisce la seconda frazione più popolosa del comune, dopo Gracciano dell'Elsa.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

L'elemento di maggiore interesse della frazione è sicuramente il santuario di Santa Maria delle Grazie, risalente al XIV secolo e dotato di un chiostro in parte rimaneggiato.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Parrocchia Le Grazie, su chiesacattolica.it. URL consultato il 18 gennaio 2018.
  2. ^ AA.VV., Miscellanea storica della Valdelsa, Castelfiorentino, Società storica della Valdelsa, Giovannelli e Carpitelli, 1899, p. 41.
  3. ^ a b Michele Cioni, La Valdelsa. Guida storico-artistica, Firenze, Lumachi, 1911, p. 46.
  4. ^ Guide d'Italia. Toscana, Milano, Touring Club Italiano, 2012, p. 616.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guide d'Italia. Toscana, Milano, Touring Club Italiano, 2012, p. 616.
  • AA.VV., Miscellanea storica della Valdelsa, Castelfiorentino, Società storica della Valdelsa, Giovannelli e Carpitelli, 1899.
  • Luigi Biadi, Storia della città di Colle in Val d'Elsa, Firenze, G. B. Campolmi, 1859.
  • Michele Cioni, La Valdelsa. Guida storico-artistica, Firenze, Lumachi, 1911.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]