Laurent Ulrich

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Laurent Bernard Marie Ulrich
arcivescovo della Chiesa cattolica
Mgr Ulrich (cropped).jpg
Mons. Ulrich il 27 marzo 2022.
Coat of arms of Mgr Laurent Ulrich.svg
La joie de croire
 
TitoloParigi
Incarichi attuali
Incarichi ricoperti
 
Nato7 settembre 1951 (70 anni) a Digione
Ordinato presbitero2 dicembre 1979
Nominato arcivescovo6 giugno 2000 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato arcivescovo10 settembre 2000 dall'arcivescovo Louis-Marie Billé (poi cardinale)
 

Laurent Bernard Marie Ulrich (Digione, 7 settembre 1951) è un arcivescovo cattolico francese, dal 26 aprile 2022 arcivescovo metropolita di Parigi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Digione, sede vescovile, il 7 settembre 1951.

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Frequenta gli studi superiori di filosofia presso l'Università della Borgogna a Digione, e li conclude con la maîtrise in filosofia. Iscrittosi al seminario universitario Saint-Irénée di Lione, ottiene la licenza in teologia alla Facoltà di teologia delle Facultés Catholiques de Lyon.[1]

Il 2 dicembre 1979 è ordinato presbitero per la diocesi di Digione.

Dopo l'ordinazione è nominato vicario parrocchiale nel settore di Beaune, dove rimane dal 1980 al 1984, quando diviene decano aggiunto. L'anno seguente riceve l'incarico di vicario episcopale per la formazione permanente, per la pastorale sacramentaria e liturgica e, dal 1986, anche per i laici e i religiosi impegnati pastoralmente.[1]

Nel settembre 1990, lasciando i precedenti incarichi, diventa vicario generale della diocesi di Digione e delegato per l'apostolato dei laici.[2]

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 giugno 2000 papa Giovanni Paolo II lo nomina arcivescovo metropolita di Chambéry e vescovo di San Giovanni di Moriana e Tarantasia;[2] succede a Claude Feidt, precedentemente nominato arcivescovo metropolita di Aix. Il 10 settembre successivo riceve l'ordinazione episcopale, nella cattedrale di Chambéry, dall'arcivescovo di Lione Louis-Marie Billé, co-consacranti il suo predecessore Claude Feidt e il vescovo di Digione Michel Louis Coloni. Durante la stessa celebrazione prende possesso dell'arcidiocesi.

Il 1º febbraio 2008 papa Benedetto XVI lo nomina vescovo di Lilla, mantenendo il titolo personale di arcivescovo;[1] succede all'arcivescovo Gérard Defois, dimessosi per raggiunti limiti di età. Il 29 marzo dello stesso anno, nell'ambito delle riforma delle circoscrizioni ecclesiastiche francesi, diventa primo arcivescovo metropolita di Lilla.[3]

Dal 5 novembre 2007 al 30 giugno 2013 è vicepresidente della Conferenza episcopale di Francia.

Il 26 aprile 2022 papa Francesco lo trasferisce alla sede metropolitana di Parigi,[4] vacante dopo la rinuncia di Michel Aupetit. Il 7 maggio seguente lo stesso pontefice lo nomina anche ordinario per i fedeli di rito orientale in Francia. Il 23 maggio seguente prende possesso dell'arcidiocesi, nella chiesa di Saint-Sulpice.[5]

Genealogia episcopale e successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

La genealogia episcopale è:

La successione apostolica è:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Rinunce e nomine. Rinuncia dell'Arcivescovo-Vescovo di Lille (Francia) e nomina del successore, su press.vatican.va, 1º febbraio 2008. URL consultato il 26 aprile 2022.
  2. ^ a b Rinunce e nomine. Nomina dell'Arcivescovo di Chambéry e Vescovo di Saint-Jean-de-Maurienne e Tarentaise (Francia), su press.vatican.va, 6 giugno 2000. URL consultato il 26 aprile 2022.
  3. ^ Rinunce e nomine. Elevazione di Lille (Francia) a Chiesa Metropolitana e nomina del primo Arcivescovo Metropolita, su press.vatican.va, 29 marzo 2008. URL consultato il 26 aprile 2022.
  4. ^ Rinunce e nomine. Nomina dell'Arcivescovo Metropolita di Paris (Francia), su press.vatican.va, 26 aprile 2022. URL consultato il 26 aprile 2022.
  5. ^ (FR) Installation de Mgr Laurent Ulrich comme archevêque de Paris, su paris.catholique.fr. URL consultato il 26 aprile 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Arcivescovo metropolita di Chambéry, San Giovanni di Moriana e Tarantasia Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Claude Feidt 6 giugno 2000 – 8 dicembre 2002 -
Predecessore Arcivescovo di Chambéry, San Giovanni di Moriana e Tarantasia Successore Archbishop CoA PioM.svg
- 8 dicembre 2002 – 1º febbraio 2008 Philippe Ballot
Predecessore Vicepresidente della Conferenza episcopale di Francia Successore Mitra heráldica.svg
- 5 novembre 2007 – 30 giugno 2013 Pascal Delannoy
Pierre-Marie Carré
con l'arcivescovo Hippolyte Simon
Predecessore Vescovo di Lilla
(titolo personale di arcivescovo)
Successore BishopCoA PioM.svg
Gérard Denis Auguste Defois
(arcivescovo-vescovo)
1º febbraio – 29 marzo 2008 -
Predecessore Arcivescovo metropolita di Lilla Successore ArchbishopPallium PioM.svg
- 29 marzo 2008 – 26 aprile 2022 sede vacante
Controllo di autoritàVIAF (EN313497548 · ISNI (EN0000 0000 0079 5684 · LCCN (ENno2015006939 · GND (DE1062686284 · BNF (FRcb121606235 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2015006939