Laura Fasiolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Laura Fasiolo
Laura Fasiolo datisenato 2014.jpg

Senatrice della Repubblica Italiana
Durata mandato 1º luglio 2014 –
22 marzo 2018
Legislature XVII
Gruppo
parlamentare
Partito Democratico
Coalizione Italia. Bene Comune
Circoscrizione Friuli-Venezia Giulia
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Democratico
Titolo di studio Laurea in Filosofia
Università Università degli Studi di Trieste
Professione Dirigente Scolastico

Laura Fasiolo (Gorizia, 28 luglio 1947) è una politica italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il diploma di maturità classica presso il Liceo Ginnasio Statale Dante Alighieri di Gorizia e la laurea in filosofia all'Università di Trieste, ha ricoperto per molti anni il ruolo di dirigente scolastica.

Componente della Commissione Regionale per le Pari Opportunità del Friuli-Venezia Giulia nella gunta di Riccardo Illy, è stata coordinatrice del forum istruzione del PD del Friuli-Venezia Giulia.

Impegnata nell'integrazione disabili, facendo parte del Glip Provinciale e coordinato per un anno il GLH, si è fortemente impegnata sul tema dell'internazionalità, ha coordinato iniziative scolastiche europee, promosso scambi culturali e stage di studenti e docenti con Paesi europei ed extraeuropei, promosso gemellaggi e scambi studenteschi tra scuole. Ha pubblicato su varie riviste scolastiche nazionali sul tema autonomia scolastica, disabilità, pari opportunità, valutazione e bullismo, avendo partecipato sul tema a stages internazionali.

Elezione a senatrice[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2012 si candidata alle primarie dei parlamentari del Partito Democratico nella circoscrizione Friuli-Venezia Giulia al Senato nelle elezioni politiche del 2013 e subentra ad Isabella De Monte, eletta al parlamento europeo. Impegnata in Commissione Permanente Agricoltura, Istruzione, Femminicidio e violenza di genere, Sicurezza sul Lavoro e malattie professionali, in Comitato bicamerale immigrazione-Schengen, in Commissione per i Diritti Umani.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]