Laura Carusino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Laura Carusino Vignera (Melzo, 20 ottobre 1979) è un'attrice e conduttrice televisiva italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laura Carusino è nata a Melzo, Milano il 20 ottobre. Nel 2004 si è diplomata alla scuola di teatro Arsenale di Milano, dove ha studiato voce, dizione e canto sotto la direzione di Annig Raimondi. Nel 2005 si è laureata presso il DAMS dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia, specializzandosi in teatro e drammaturgia. In seguito ha conseguito il master in Ideazione e produzione audiovisivi presso l'Università Cattolica di Milano.[1] Dal 2001 al 2007 è nel cast di musical di successo: Grease, Compagnia della Rancia, Joseph, Rock Opera, Jesus Christ Superstar, Compagnia della Rancia, Scooby Doo, M.A.S. Dal 2010 è la conduttrice del programma televisivo L'albero azzurro su Rai YoYo.[2] Dal 2015 al 2017 è Stella Marina nel programma Le Storie di Gipo su Rai Yoyo. Nel 2016 e 2017 conduce Junior Eurovision Song Contest per Rai Gulp[3]. Dal 2016 al 2018 conduce lo Speciale Lucca Comics and Games per Rai Gulp e dal 2019 è il volto degli speciali web di Rai Ragazzi e Suuuper! per Rai Play.

Come autrice di libri per bambini ha pubblicato Isetta, la nuvoletta, 2018 Edizioni Paoline, Eglefino Cha Cha Cha, 2019 ed. Lavieri e I Dolci di Pina, 2020 edizioni Sassi Junior.

Inoltre, è stata corista per il gruppo musicale Le Vibrazioni e per il cantante Marco Carta[1].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Festival Villa Basilica - Premiati 2018 - Laura Carusino Vignera, su festivalvillabasilica.it. URL consultato il 14 settembre 2018.
  2. ^ Francesco Chignola, Laura Carusino e «L’albero azzurro»: l’intervista, TV Sorrisi e Canzoni, 27 luglio 2017.
  3. ^ Alex Pigliavento, Junior Eurovision 2017: l’intervista a Laura Carusino, su eurofestivalnews.com, 18 novembre 2017.