Laticauda (pecora)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Laticauda
SpecieOmbremouton.png Pecora
Altri nomiBarbaresca campana, Bastarda arianese, Beneventana, Casalinga, Casereccia, Coda chiatta, Nostrana
Localizzazione
Zona di origineMeticciamenti tra la Barbaresca del Nord-Africa e la pecora dell'Appennino Campano[1]
Diffusionecirca 3.000 capi in provincia di Avellino, Benevento e Caserta
Aspetto
Altezza71 cm (femmina) - 82 cm (maschio) cm
Peso69 kg (femmina) - 95 kg (maschio) kg
Vellobianco, poco serrato
Allevamento
Utilizzoda latte, con un’elevata attitudine alla caseificazione (Pecorino di laticauda, Carmasciano), in misura minore da carne

La pecora laticauda, letteralmente "Pecora dalla coda larga", è una razza ovina presente sull'Appennino campano.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Presente sull'Appennino campano, nelle province di Avellino, Benevento e Caserta.

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Circa 50.000 capi, allevata in piccoli greggi che generalmente non superano i 20 capi (allevamento di tipo poderale-familiare).

Caratteristiche produttive[modifica | modifica wikitesto]

L'attitudine produttiva è quella da latte, con caseificazione (pecorino di laticauda, Carmasciano).

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Taglia medio-grande, con altezze al garrese mediamente di 71–82 cm, rispettivamente, per femmine e maschi, e pesi mediamente di 69–95 kg, rispettivamente, per femmine e maschi. La testa è pesante e senza corna, orecchie grandi e collo lungo. Il tronco è lungo e largo, il torace alto e profondo, ha arti lunghi e coda grassa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]