Late Registration

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Late Registration
ArtistaKanye West
Tipo albumStudio
Pubblicazione30 agosto 2005
Durata70:25
Dischi1
Tracce21
Genere[1]Pop rap
Pop soul
EtichettaRoc-A-Fella, Def Jam
ProduttoreThe Carter Administration (esecutivo), Gee Roberson (esecutivo), Jon Brion (anche esecutivo), Kanye West (anche esecutivo), Kyambo "Hip Hop" Joshua (esecutivo), Devo Springsteen, Just Blaze, Warryn Campbell
Registrazione2003–2005
Chalice Recording Studios (Hollywood, CA)
Grandmaster (Hollywood, CA)
Record Plant (Hollywood, CA)
Sony Music Studios (New York, NY)
Certificazioni
Dischi d'oroGiappone Giappone[2]
(vendite: 100 000+)
Dischi di platinoAustralia Australia[3]
(vendite: 70 000+)

Canada Canada (2)[4]
(vendite: 200 000+)
Danimarca Danimarca[5]
(vendite: 20 000+)
Irlanda Irlanda (2)[6]
(vendite: 30 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda (2)[7]
(vendite: 30 000+)
Regno Unito Regno Unito (2)[8]
(vendite: 600 000+)

Stati Uniti Stati Uniti (3)[9]
(vendite: 3 100 000+)
Kanye West - cronologia
Album precedente
(2004)
Album successivo
(2006)
Singoli
  1. Diamonds from Sierra Leone
    Pubblicato: 31 maggio 2005
  2. Gold Digger
    Pubblicato: 5 luglio 2005
  3. Heard 'Em Say
    Pubblicato: 8 novembre 2005
  4. Touch the Sky
    Pubblicato: 7 marzo 2006
  5. Drive Slow
    Pubblicato: 6 giugno 2006
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Metacritic[10] 85/100
AllMusic[11] 5/5 stelle
Entertainment Weekly[12] B+
The Guardian[13] 5/5 stelle
NME[14] 8/10
Pitchfork[15] 9.5/10
Rolling Stone[16] 5/5 stelle

Late Registration è il secondo album del rapper statunitense Kanye West, pubblicato il 30 agosto 2005 dalle etichette discografiche Roc-A-Fella Records e Def Jam Recordings.

L'album è stato registrato per un anno circa tra gli studi di New York e Hollywood, in collaborazione con il produttore discografico e compositore statunitense Jon Brion. L'album presenta le collaborazioni di Adam Levine, Lupe Fiasco, Jamie Foxx, Common, Jay-Z, Brandy Norwood, Nas ed altri. La produzione si appresta ad essere più sfarzosa ed elaborata rispetto a quella del precedente The College Dropout, la quale utilizzava un metodo di campionatura e di orchestrazione. I testi spaziano dalle vicende personali di West a temi politici, come la povertà, il traffico di droga, il razzismo, la sanità ed il commercio dei diamanti di sangue.

Nella sua prima settimana dopo la pubblicazione, Late Registration ha debuttato alla prima posizione della Billboard 200, vendendo 860.000 copie. Raggiunse alla fine vendite per olte 3.1 milioni di copie nei soli Stati Uniti e venne certificato triplo platino dalla RIAA.[17] Cinque singoli sono stati estratti dall'album per promuoverne l'uscita, tra cui le hit Touch the Sky, Heard 'Em Say e Gold Digger, ultima delle quali raggiungse la prima posizione della Billboard Hot 100. Sono stati prodotti anche dei videoclip per ogni singolo estratto, nel mentre West supportava l'album con un tour promozionale, il quale poi venne pubblicato nell'album dal vivo Late Orchestration.

Late Registration fu anche un successo di critica. Vinse il Grammy Award al miglior album rap ed ottenne una candidatura a miglior album dell'anno ai Grammy Awards 2006. È inoltre apparso in numerose classifiche annuali delle maggiori riviste di settore. Rolling Stone lo ha nominato come il miglior album del 2005, e l'ha incluso successivamente al 118º posto nella lista dei 500 migliori album di tutti i tempi.[18]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Wake Up Mr. West – 0:41 (Gerry Goffin, Michael Masser, Kanye West)
  2. Heard 'Em Say (feat. Adam Levine) – 3:23 (Kanye West, Adam Levine, Goffin, Michael Masser)
  3. Touch the Sky (feat. Lupe Fiasco) – 3:57 (Kanye West, Curtis Mayfield, Justin Smith, Wasalu Muhammad Jaco)
  4. Gold Digger (feat. Jamie Foxx) – 3:28 (Kanye West, Ray Charles, Renald Richard)
  5. Skit #1 – 0:33
  6. Drive Slow (feat. Paul Wall e GLC) – 4:32 (Kanye West, GLC, Paul Slayton)
  7. My Way Home (feat. Common) – 1:43 (Kanye West, Gil Scott-Heron, Lonnie Rashid Lynn)
  8. Crack Music (feat. The Game) – 4:31 (Kanye West, Jayceon Taylor, Willard Meeks)
  9. Roses – 4:05 (Kanye West, Bill Withers)
  10. Bring Me Down (feat. Brandy) – 3:18 (Kanye West, Anthony Williams)
  11. Addiction – 4:27 (Lorenz Hart, Richard Rodgers, Kanye West)
  12. Skit #2 – 0:31
  13. Diamonds from Sierra Leone (Remix feat. Jay-Z) – 3:53 (Kanye West, DeVon Harris, Don Black, John Barry)
  14. We Major (feat. Nas e Really Doe) – 7:28 (Kanye West, Larry Smith, Maureen Reid, Nasir Jones, Really Doe, Williams, Warryn Campbell)
  15. Skit #3 – 0:24
  16. Hey Mama – 5:05 (Kanye West, Donal Leace)
  17. Celebration – 3:18 (Kanye West)
  18. Skit #4 – 1:18
  19. Gone (feat. Cam'ron e Consequence) – 5:33 (Kanye West, Cameron Giles, Dexter Mills, Chuck Willis)
  20. Diamonds from Sierra Leone – 3:58 (Kanye West, Devon Harris, Don Black, John Barry)
  21. Late (traccia nascosta) – 3:50 (Kanye West)
UK edition
  1. We Can Make It Better (feat. Talib Kweli, Q-Tip, Common e Rhymefest) – 3:52 (Kanye West, Kamaal Fareed, Talib Kweli Greene, Che Smith, Burt Bacharach, Hal David)
  2. Late (traccia nascosta) – 3:50 (Kanye West)
Japanese and Australian Tour editions
  1. Back to Basics (feat. Common) – 1:39 (Kanye West, Lonnie Lynn, Duke Ellington, Irving Mills, Manny Kurt)
  2. We Can Make It Better (feat. Talib Kweli, Q-Tip, Common e Rhymefest) – 3:52 (Kanye West, Kamaal Fareed, Talib Kweli Greene, Che Smith, Burt Bacharach, Hal David)
  3. Late (traccia nascosta) – 3:50 (Kanye West)

Campionature[modifica | modifica wikitesto]

  • Wake Up Mr. West ed Hard Em Say contengono estratti di Someon That I Used to Love, eseguita da Natalie Cole.
  • Touch The Sky contiene campioni di Move On Up, eseguita da Curtis Mayfield.
  • Gold Digger contiene campioni di I Got a Woman, eseguita da Ray Charles.
  • Drive Slow contiene campioni di Wildflower, eseguita da Hank Crawford.
  • My Way Home contiene campioni di Home Is Where the Hatred Is, eseguita da Gil Scott-Heron.
  • Crack Music contiene campioni di Since You Came in My Life, eseguita dal New York Community Choir.
  • Roses contiene campioni di Rosie, eseguita da Bill Withers.
  • Addiction contiene campioni di My Funnie Valentine, eseguita da Etta James.
  • Diamonds From Sierra Leone contiene campioni di Diamonds Are Forever, eseguita da Shirley Bassey.
  • We Major contiene campioni di Action, eseguita da Orange Krush.
  • Hey Mama contiene campioni di Today Won't Come Again, eseguita da Donal Leace.
  • Celebration contiene campioni di Heavenly Dream, eseguita da The Kay Gees.
  • Gone contiene campioni di It's Too Late, eseguita da Otis Redding.
  • Late contiene campioni di I'll Erase Away Your Pain, eseguita dai The Whatnauts.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Crediti adattati dal libretto del CD.[19]

Musicisti[modifica | modifica wikitesto]

  • Eric Gorfain – violino (tracce 10, 17, 19)
  • Daphne Chen – violino (tracce 10, 17, 19)
  • Victoria Lanier – violino (tracce 10, 17, 19)
  • Julie Rogers – violino (tracce 10, 17, 19)
  • Alyssa Park – violino (tracce 10, 17, 19)
  • Audrey Solomon – violino (tracce 10, 17, 19)
  • Terry Glenny – violino (tracce 10, 17, 19)
  • Susan Chatman – violino (tracce 10, 17, 19)
  • Marisa Kuney – violino (tracce 10, 17, 19)
  • Amy Wickman – violino (tracce 10, 17, 19)
  • Marda Todd – viola (tracks 10, 17, 19)
  • Piotr Jandule – viola (tracce 10, 17, 19)
  • Tom Tally – viola (tracce 10, 17, 19)
  • David Sage – viola (tracce 10, 17, 19)
  • Richard Dodd – violoncello (tracce 10, 17, 19)
  • Matt Cooker – violoncello (tracce 10, 17, 19)
  • Armen Ksadjikian – violoncello (tracce 10, 17, 19)
  • Victor Lawrence – violoncello (tracce 10, 17, 19)
  • Jason Torreano – contrabasso (tracce 10, 17)
  • Francis Senger – contrabasso (tracce 10, 17)
  • Denise Briese – contrabasso (tracce 10, 17)
  • Gary Grant – tromba, flicorno (tracce 10, 17)
  • Dan Fornero – tromba, flicorno (tracce 10, 17)
  • Andrew Martin – trombone (tracce 10, 17)
  • Stephen Holtman – trombone (tracce 10, 17)
  • Bruce Otto – bass trombone (tracce 10, 17)
  • Rick Todd – corno francese (tracce 10, 17)
  • Brad Warnaar – corno francese (tracce 10, 17)
  • Ervin "EP" Pope – tastiere (tracce 9, 17)
  • Keenan "Keynote" Holloway – basso (tracce 9, 17)
  • Tom Craskey – tastiere (tracce 13, 20)
  • Dave Tozer – chitarra (tracce 13, 20)
  • Michel Gondrybatteria (tracce 13, 20)
  • A-Trakscratching (traccia 4)
  • Tony "Penafire" Williams – voce aggiuntiva (tracce 2, 6, 8, 9, 14)
  • John Legend – voce aggiuntiva (tracce 16, 17)
  • DeRay Davis – voce aggiuntiva (traccia 1)
  • Plain Pat – voce aggiuntiva (traccia 4)
  • Don C. – voce aggiuntiva (traccia 4)
  • Keyshia Cole – voce aggiuntiva (traccia 8)
  • Charlie Wilson – voce aggiuntiva (traccia 8)
  • Strings – voce aggiuntiva (traccia 11)

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

  • Anthony Killhofer – registrazione (tracce 3, 4, 6, 8,-14, 16, 17, 19, 20)
  • Andrew Dawson – registrazione (tracce 1-4, 6-8, 16, 17, 21)
  • Tom Biller – registrazione (2, 4, 11-14, 16, 17), registrazione strings (tracce 10, 17, 19, 20)
  • Richard Reitz – registrazione (traccia 5)
  • Mike Dean – missaggio (tracce 2-4, 6, 7)
  • Craig Bauer – missaggio (tracce 9-12)
  • Manny Marroquin – missaggio (tracce 13, 20)
  • Nate Connelly – assistenza all'ingegneria (tracce 2-4, 6, 9, 10, 14, 21)
  • Mike Mo – assistente all'ingegneria (tracce 2-4, 6, 10, 14)
  • Matt Green – assistente all'ingegneria (tracce 3, 4, 8, 10, 16, 17)
  • Taylor Dow – assistente all'ingegneria (tracce 2, 7, 16, 17, 19)
  • James Auwater – assistente all'ingegneria (tracce 9-12)
  • Ryan Neuschafer – assistente all'ingegneria (tracce 9-12)
  • Jon Brionarrangiamento (tracce 10, 17, 19)
  • Eric Gorfain – orchestrazione (tracce 10, 17, 19)
  • Vlado Meller – mastering

Design[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche settimanali[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2004) Posizione
massima
Australia[20] 14
Austria[20] 53
Belgio[20] 43
Canada[21] 1
Danimarica[20] 11
Europa[21] 6
Finlandia[20] 18
Francia[20] 36
Germania[20] 24
Irlanda[20] 2
Italia[20] 65
Nuova Zelanda[20] 11
Norvegia[20] 4
Regno Unito[22] 2
Scozia[23] 3
Stati Uniti[21] 1
Stati Uniti (Pop)[21] 6
Stati Uniti (R&B/Hip-Hop)[21] 1
Stati Uniti (Rap)[21] 1
Svezia[20] 11
Svizzera[20] 9

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2005) Posizione
Australia[24] 83
Mondiale[25] 14
Regno Unito[26] 43
Stati Uniti[27] 21
Stati Uniti (R&B/Hip-Hop) 11
Stati Uniti (Rap) 3

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pier Eugenio Torri, Kanye West - Late Registration, OndaRock, 20 maggio 2005. URL consultato il 2 giugno 2018.
    «A completare l'opera hip-pop, gli ospiti invitati alla corte di Kanye West [...] Due squadre, due intenti: il pop-soul e il mainstream rap meno banale».
  2. ^ Japanese album certificatons - Kanye West - Late Registraion, RIAJ. URL consultato il 26 novembre 2018.
  3. ^ ARIA Charts - Accreditations - 2006 Albums, su aria.com.au. URL consultato il 16 febbraio 2016.
  4. ^ Music Canada, su musiccanada.com. URL consultato il 16 febbraio 2016.
  5. ^ Danish album certifications, su ifpi.dk. URL consultato il 26 novembre 2018.
  6. ^ The Irish Charts - All there is to know, su irishcharts.ie. URL consultato il 16 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2009).
  7. ^ "New Zealand album certifications – Kanye West – Late Registration" [collegamento interrotto], su nzmusicawards.co.nz. URL consultato il 16 febbraio 2016.
  8. ^ "British album certifications – Kanye West – Late Registration", su bpi.co.uk. URL consultato il 16 febbraio 2016. Scrivi Late Registration in Keywords. Seleziona Title in Search by. Seleziona album in By Format. Seleziona Platinum in By Award. Clicca Search
  9. ^ "American album certifications – Kanye West – Late Registration"., su riaa.com. URL consultato il 16 febbraio 2016.
  10. ^ (EN) Reviews for Late Registration by Kanye West, Metacritic. URL consultato il 27 novembre 2018.
  11. ^ (EN) Andy Kellman, Late Registration, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 27 novembre 2018.
  12. ^ (EN) David Browne, Late Registration, Entertainment Weekly, 29 agosto 2005. URL consultato il 27 novembre 2018.
  13. ^ (EN) Alexis Petridis, Kanye West, Late Registration, The Guardian, 19 agosto 2005. URL consultato il 27 novembre 2018.
  14. ^ (EN) Hattie Collins, Kanye West: Late Registration, New Musical Express, 5 settembre 2005. URL consultato il 27 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2005).
  15. ^ (EN) Sean Fennessey, Kanye West: Late Registration, Pitchfork, 29 agosto 2005. URL consultato il 27 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 14 gennaio 2009).
  16. ^ (EN) Rob Sheffield, Late Registration, Rolling Stone, 25 agosto 2005. URL consultato il 27 novembre 2018.
  17. ^ Marco Cibola, Kanye West: How the Rapper Grew From "Dropout" to "Yeezus"., Billboard, 14 giugno 2013. URL consultato il 28 novembre 2018.
  18. ^ Rolling Stone: 500 Greatest Albums of All Time: 2012 Edition, Rolling Stone. URL consultato il 28 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2018).
  19. ^ Late Registration (Media notes). Kanye West. Roc-A-Fella Records. 2005.
  20. ^ a b c d e f g h i j k l m acharts.co, https://acharts.co/album/14044. URL consultato il 27 novembre 2018.
  21. ^ a b c d e f billboard.com, https://www.billboard.com/artist/276709/kanye+west/chart. URL consultato il 27 novembre 2018.
  22. ^ Official Albums Chart Top 100, officialcharts. URL consultato il 27 novembre 2018.
  23. ^ Official Scottish Albums Charts Top 100, officialcharts. URL consultato il 27 novembre 2018.
  24. ^ ARIA Charts - End of Year Charts - Top 100 Albums 2005, ARIA. URL consultato il 28 novembre 2018.
  25. ^ Top 50 Global Best Selling Albums for 2005 (PDF), Bundesverbad Musikindustrie. URL consultato il 28 novembre 2018.
  26. ^ Herman Verkade, The Official UK Albums Charts of 2005 (PDF), UkChartsPlus. URL consultato il 28 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 25 febbraio 2009).
  27. ^ 2005 Years End Charts - The Billboard 200 Titles, Billboard. URL consultato il 28 novembre 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]