Last Hustle in Brooklyn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Last Hustle in Brooklyn
Titolo originale Last Hustle in Brooklyn
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1977
Durata 45 min
Regia Spike Lee
Soggetto Spike Lee
Sceneggiatura Spike Lee, Pamm Jackson (collaborazione ai dialoghi)
Produttore Audio-visual Department of the New York
Interpreti e personaggi

Last Hustle in Brooklyn è un cortometraggio del 1977 scritto e diretto da Spike Lee.

È stato girato in Super 8. Nel corto recitano il fratello di Spike Lee, Chris, nella parte di un ragazzo che ruba un paio di scarpe, e il padre Bill, nella parte del testimone del furto, che dichiara che l'opportunismo manifestato dai membri della comunità afroamericana, durante il black out era il risultato di 400 anni di assoggettamento.

Il corto non è mai stato proiettato, in occasione delle retrospettive dedicate al regista, poiché Lee non ha mai chiesto l'autorizzazione per le musiche inserite nella colonna sonora.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il corto narra del black out avvenuto nell'estate del 1977 a New York, mostrando alcune persone che saccheggiano i negozi di Harlem, e alcuni ballerini di strada che si esibiscono nell'hustle, uno stile di ballo di moda quell'estate.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Spike Lee, Kaleem Aftab. Questa è la mia storia e non ne cambio una virgola. Milano, Kowalski editore, 2005.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema