Lascia ch'io pianga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Manoscritto autografo del 1711, con le prime battute dell'aria

Lascia ch'io pianga è una celebre aria per soprano composta da Georg Friedrich Händel.

Musica[modifica | modifica wikitesto]

La melodia dell'aria era stata usata inizialmente come danza asiatica nell'Almira (1705).[1] La musica è stata usata poi nell'aria Lascia la spina, cogli la rosa, affidata al Piacere nell'oratorio Il trionfo del tempo e del disinganno (1707).[2] Handel ha successivamente riutilizzato l'aria nel secondo atto del Rinaldo (1711), con un nuovo testo, affidato al personaggio di Almirena e rivolto al suo carceriere Argante. Il Rinaldo è stato un grande successo per Handel, per cui l'aria è comunemente associata a tale opera ed è principalmente nota nella forma che ha in quest'ultima.

L'aria nel Rinaldo è scritta in fa maggiore, nel ritmo di sarabanda con un metro di 32 e una indicazione d'andamento di Largo. La strumentazione prevede violini I e II, viola e basso continuo, e una esecuzione dura mediamente cinque minuti. L'aria si è affermata come pezzo da concerto, interpretata e incisa da molti grandi artisti, e compare in diversi film.[3]

Testo[modifica | modifica wikitesto]

La prima versione dell'aria, nel Trionfo, è nel libretto di Benedetto Pamphilj:

Lascia la spina,
cogli la rosa;
tu vai cercando
il tuo dolor.

Canuta brina
per mano ascosa,
giungerà quando
nol crede il cor.

La seconda e più celebre versione, nel Rinaldo, è nel libretto di Giacomo Rossi:

Lascia ch'io pianga
mia cruda sorte,
e che sospiri
la libertà.

Il duolo infranga
queste ritorte,
de' miei martiri
sol per pietà.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dean and Knapp, pp. 176–78.
  2. ^ Anthony Hicks, Rinaldo, Oxford Music Online. URL consultato il 28 gennaio 2011.
  3. ^ Haynes, Bruce, The End of Early Music, Oxford University Press US, 2007, p. 25. ISBN 0-19-518987-6

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Winton Dean e J. Merrill Knapp, Handel's Operas: 1704–1726, Oxford, Oxford University Press, 1995, ISBN 978-0-19-816441-8.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica