Larks' Tongues in Aspic (brano musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Larks' Tongues in Aspic
ArtistaKing Crimson
Autore/iKing Crimson
GenereRock progressivo
Edito daIsland Records, Warner Bros., Virgin Records
Pubblicazione
IncisioneLarks' Tongues in Aspic
Data1973
Durata7:12

Larks' Tongues in Aspic è un brano musicale del gruppo musicale britannico King Crimson, uscito nell'album Larks' Tongues in Aspic (1973).

La canzone[modifica | modifica wikitesto]

La canzone, dai toni epici, è divisa in due parti: la prima all'inizio e la seconda alla fine dell'album: la prima parte inizia con una lunga introduzione di percussione realizzata da Jamie Muir per poi passare successivamente a una sezione hard rock alla quale provvede Robert Fripp. Dopo alcuni minuti il violino di David Cross diventa più prominente fino all'inizio della successiva Book of Saturday. La seconda parte della canzone è invece caratterizzata dalla chitarra e richiama alcuni spezzoni provenienti dalla prima parte.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Cover dei Dream Theater[modifica | modifica wikitesto]

Larks Tongues in Aspic Pt. 2
ArtistaDream Theater
Tipo albumSingolo
Pubblicazione5 giugno 2009
Durata6:32
Album di provenienzaBlack Clouds & Silver Linings - Special Edition
GenereProgressive metal
EtichettaRoadrunner
ProduttoreJohn Petrucci, Mike Portnoy
Registrazioneottobre 2008–marzo 2009, Avatar Studios, New York (New York)
FormatiDownload digitale
Dream Theater - cronologia
Singolo successivo
(2011)

Nel 2009 il gruppo musicale progressive metal statunitense Dream Theater realizzò una cover della seconda parte di Larks' Tongues in Aspic, la quale è stata pubblicata il 5 giugno 2009 come il quinto singolo estratto dall'edizione deluxe del decimo album in studio Black Clouds & Silver Linings.[1]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Larks Tongues in Aspic Pt. 2 – 8:10

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Altri musicisti

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Larks Tongues In Aspic, Pt. 2 - Single, iTunes. URL consultato il 20 giugno 2013.