Laringotracheite infettiva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La Laringotracheite infettiva (acronimo ILT) è una malattia delle vie aeree superiori di alcune specie volatili di allevamento sostenuta da Herpesvirus.

Epidemiologia e cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Questa patologia è stata descritta per la prima volta nel 1927, in Italia è stata segnalata per la prima volta nel 1965, e successivamente nel 1980. Sono maggiormente interessati il pollo e il fagiano, ma colpisce anche il tacchino, tutte le fasce di età possono essere colpite, ma la sintomatologia classica si manifesta in adulti e animali in accrescimento.

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

L'agente eziologico è un virus della famiglia Herpesviridae, sottofamiglia Herpesvirinae, denominato Galli HV 1, a DNA con envelope, del quale esiste un unico sierotipo con ceppi a diversa virulenza, resistente alle basse temperature ma sensibile a disinfettanti e alte temperature. La trasmissione è di tipo aerogeno: il virus espulso con le secrezioni sotto forma di aerosol nell'aria penetra le mucose della congiuntiva e della trachea.

Patogenesi[modifica | modifica wikitesto]

L'Herpesvirus penetra nelle cellule delle mucose respiratorie e della congiuntiva tramite recettori specifici, replica il DNA nel nucleo, libera il capside nel citoplasma e il virione completo esce prendendo l'envelope dalla membrana cellulare. Il virus si localizza esclusivamente a livello di mucose, non da viremia né trasmissione orizzontale tramite l'uovo, tuttavia come molti Herpesvirus può risalire le vie neuronali e localizzarsi in un ganglio trigeminale dove integra il proprio DNA a quello delle cellule, rimanendo latente, salvo poi riapparire in caso di situazioni stressanti, quali l'ovodeposizione. In questo caso l'animale portatore non manifesta più sintomatologia ma libera il virus infettante nell'ambiente.

Complicanze[modifica | modifica wikitesto]

La laringotracheite può facilmente aprire la strada ad infezioni batteriche secondarie, anche da flora normalmente non patogena.

Anatomia patologica[modifica | modifica wikitesto]

Rilievi di: Macro:

Micro:

  • Essudazione emorragica nella trachea.

Clinica[modifica | modifica wikitesto]

A seconda del ceppo e della condizione immunitaria dell'allevamento, si distingue una forma grave (con morbilità alta fino al 95-100%) e una forma lieve (a morbilità molto bassa).

Segni e sintomi[modifica | modifica wikitesto]

  • Forma grave:
    • Dispnea grave, boccheggio, scuotimento della testa, collo esteso sul corpo
    • Tosse anche intensa
    • Espettorato con muco misto a sangue
    • Sindrome da soffocamento

Esami di laboratorio e strumentali[modifica | modifica wikitesto]

  • Istologia: rilevamento di corpi inclusi intranucleari nelle prime fasi della malattia;
  • Isolamento su membrana corion-allantoidea di uova di pollo o colture cellulari di cellule renali o epatociti di pollo.
  • Esami sierologici: individuazione anticorpi

Diagnosi differenziale[modifica | modifica wikitesto]

Nella forma grave è patognomonico il rilievo di sangue nel muco espettorato. La forma lieve, invece, è clinicamente indistinguibile da altre forme respiratorie: Malattia di Newcastle, Influenza aviaria,ecc.

Diagnosi precoce[modifica | modifica wikitesto]

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

Inesistente o economicamente non sostenibile.

Chirurgico[modifica | modifica wikitesto]

Farmacologico[modifica | modifica wikitesto]

Prognosi[modifica | modifica wikitesto]

Nella forma grave la mortalità si attesta generalmente sul 10-20% ma può arrivare a punte del 70%. La forma lieve decorre con mortalità del 1-2%.

Postumi e Follow up[modifica | modifica wikitesto]

L'animale colpito che supera la malattia diventa portatore asintomatico per il predetto meccanismo di integrazione del genoma virale con quello animale.

Prevenzione[modifica | modifica wikitesto]

La forma migliore di combattere la malattia

  • Profilassi diretta
    • Tutto pieno/tutto vuoto (all-in, all-out)
    • Pulizia e disinfezione delle attrezzature e delle sale
    • Igiene e addestramento del personale
  • Profilassi indiretta

È disponibile un vaccino vivo attenuato che però sembra presentare il pericolo di rivirulentazione, somministrabile individualmente o di gruppo. Per i broiler è indicata la somministrazione a 3-4 settimane di vita, mentre per le galline ovaiole a 4-6 settimane.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Patologia aviare, F.T.W. Jordan, Edagricole 2002.