Lamprophiidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lamprophiidae
Lamprophiscapensis.jpg
Lamprophis capensis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Reptilia
Sottoclasse Diapsida
Ordine Squamata
Sottordine Serpentes
Infraordine Caenophidia
Superfamiglia Colubroidea
Famiglia Lamprophiidae
Fitzinger, 1843
Sottofamiglie

I Lamprofidi (Lamprophiidae Fitzinger, 1843) sono una famiglia di serpenti, diffusi prevalentemente in Africa.[1]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia è diffusa prevalentemente nel continente africano, con 18 generi endemici del Madagascar (Alluaudina, Brygophis, Compsophis, Dromicodryas, Elapotinus, Heteroliodon, Ithycyphus, Langaha, Leioheterodon, Liopholidophis, Madagascarophis, Micropisthodon, Mimophis, Pararhadinaea, Parastenophis, Phisalixella, Pseudoxyrhopus e Thamnosophis) [1]. Alcune specie (p.es. Malpolon spp., Micrelaps spp., Psammophis spp.) estendono il loro areale all'Europa meridionale, al Medio Oriente e al subcontinente indiano.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Tradizionalmente questo raggruppamento veniva considerato una sottofamiglia (Lamprophiinae) della famiglia Colubridae.

Recentemente è stata elevata al rango di famiglia a sé stante[2], suddivisa a sua volta in 7 sottofamiglie che raggruppano i seguenti generi e specie:[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Family: Lamprophiidae, in The Reptile Database. URL consultato il 18 luglio 2014.
  2. ^ Pyron RA, Burbrink FT, Colli GR, Montes de Oca AN, Vitt LJ, Kuczynski CA, Wiens JJ, The phylogeny of advanced snakes (Colubroidea), with discovery of a new subfamily and comparison of support methods for likelihood trees (PDF), in Molecular Phylogenetics and Evolution, vol. 58, 2010, pp. 329–342 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2013).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Rettili Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili