Lampo (cacciatorpediniere 1900)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lampo
Cacciatorpediniere Lampo 1899.jpg
Una foto del Lampo
Descrizione generale
Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg
Tipo cacciatorpediniere
Classe Lampo
Proprietà Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg Regia Marina
Costruttori Schicau, Elbing
Impostazione 16 maggio 1899
Varo 7 ottobre 1899
Entrata in servizio 23 giugno 1900
Radiazione 18 marzo 1920
Destino finale demolito
Caratteristiche generali
Dislocamento normale 320 t
a pieno carico 354 t
Lunghezza 60 m
Larghezza 6,5 m
Pescaggio 2,6 m
Propulsione 4 caldaie
2 motrici alternative
potenza 6.000 hp
2 eliche
Velocità 30 nodi (56 km/h)
Autonomia 2000 miglia a 12 nodi
Equipaggio 59 tra ufficiali, sottufficiali e marinai
Armamento
Artiglieria 1 pezzo da 76/40 mm
5 pezzi da 57/43 mm
Siluri 2 tubi lanciasiluri da 356 mm
Note
dati riferiti all’entrata in servizio

dati presi principalmente da Sito ufficiale della Marina Militare italiana e Warships 1900-1950

voci di cacciatorpediniere presenti su Wikipedia

Il Lampo è stato un cacciatorpediniere della Regia Marina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Lampo, capoclasse della prima vera classe di cacciatorpediniere della Regia Marina (il predecessore Fulmine, infatti, era un'unità singola a carattere perlopiù sperimentale) fu il secondo cacciatorpediniere costruito per la Marina italiana.

La nave partecipò alla guerra italo-turca.

All'inizio della prima guerra mondiale l'unità, inquadrata nella VI Squadriglia Cacciatorpediniere (Ostro, Euro, Dardo, Strale), aveva base a Tripoli, insieme al gemello Ostro; comandava la nave il capitano di corvetta Castiglioni[1]. Essendo ormai un'unità anziana e superata, ebbe impiego piuttosto scarso, come del resto le navi gemelle.

Nel 1915-1918 fu modificato ed imbarcò attrezzature per posare 12 mine, per lanciare bombe di profondità e per rimorchiare torpedini antisommergibile[2].

Radiato nel 1920[2][3], fu avviato alla demolizione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina