Lamborghini Espada

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lamborghini Espada
Lamborghini Espada Oldtimer Show 2008.jpg
Descrizione generale
Costruttore Italia  Lamborghini
Tipo principale Coupé
Produzione dal 1968 al 1978
Esemplari prodotti 1.217[1]
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4670 mm
Larghezza 1820 mm
Altezza 1190 mm
Massa 1480 kg
Altro
Stile Marcello Gandini
per Bertone
Oldtimer Show 2008 - 065 - Lamborghini Espada (rear).jpg

La Lamborghini Espada è un'autovettura prodotta dalla Lamborghini tra il 1968 ed il 1978. La prima 4 posti della Casa di Sant'Agata Bolognese era alta appena 1,20m, nonostante ciò, era una vera auto di lusso comoda per 4 passeggeri, una Gran Turismo che puntava ad una clientela che desiderava comodità e velocità.

Il contesto[modifica | modifica wikitesto]

La sua carriera durò dieci anni, dal 1968 al 1978, infatti fu la Lamborghini più venduta di sempre prima della Countach, con 1.226 esemplari, rappresentando il modello più redditizio per i bilanci del costruttore emiliano la cui proprietà nel 1972 passerà da Ferruccio Lamborghini allo svizzero Georges-Henri Rossetti. Nell'ultimo anno di produzione della Espada, la casa italiana entrerà in amministrazione controllata prima di essere salvata da Patrick Mimran.

Il nome viene dal termine spagnolo “espada” che indica l’unico torero che, nella corrida, sia armato della spada.

Prima della Espada: Marzal e Pirana[modifica | modifica wikitesto]

La Lamborghini Marzal al Salone di Ginevra 2018

La storia della Lamborghini Espada comincia nel 1967, prima della partenza del GP di Monaco di Formula 1, quando il principe Ranieri III di Monaco compie il tradizionale giro d’onore della pista a bordo di una strana coupé accompagnato da sua moglie, la principessa Grace Kelly.

Il principe era al volante di una insolita Gran Turismo, più lunga del normale e molto moderna, soprattutto per le linee tese e le ampie superficie vetrate. Si trattava della Lamborghini Marzal, un prototipo a 4 posti commissionato Ferruccio Lamborghini per il Salone di Ginevra a Nuccio Bertone, il quale affidò il compito a Marcello Gandini.

Il risultato fu una vettura 4 posti, con una spiccata linea a cuneo, portiere ad ala di gabbiano con finestrini in 2 parti sopra e sotto la linea di cintura, frontale affilato con fari rettangolari e motore posteriore 6 cilindri in linea.

Il successo fu tale che Ferruccio Lamborghini decise di metter in produzione la vettura sul telaio della 400 GT con motore V12.

Con alcune modifiche estetiche Bertone riuscì a "civilizzare" la futuribile linea della Marzal, garantendo al contempo sportività, originalità e abitabilità. Grazie all'adozione di soluzioni estetiche che però mantenevano pressoché invariato lo stile della bassissima coupé venne creato un altro prototipo, questa volta su base E-Type, la Jaguar Pirana, che ricalcava meglio la disposizione definitiva degli organi meccanici nel modello di produzione con il motore anteriore.

La versione definitiva della Espada[modifica | modifica wikitesto]

Rispetto alla Marzal le originali portiere ad ali di gabbiano in favore di 2 tradizionali e ribaltava lo schema meccanico portando il motore posteriore all'anteriore. Ciò fu necessario sia per liberare spazio per le poltrone posteriori e offrire un bagagliaio capiente che per adattarsi al pianale della 400 GT. Le linee tese della coupè fastback definitiva ricalcavano quelle dei prototipi pur accresciute nelle dimensioni esterne.

La grafica del nome sul montante posteriore

Il frontale con 4 fari rotondi incassati in una grande griglia nera sopra un piccolo paraurti cromato era molto aggressivo, il logo della casa di Sant’Agata Bolognese era collocato sul lungo cofano insieme a due prese d’aria NACA. La fiancata era divisa in due da una modanatura nera opaca, sul parafango anteriore erano presenti due aperture per lo sfogo dell’ari calda, le lunghe portiere si aprivano in maniera tradizionale, la linea dei finestrini posteriori apribili a compasso anziché discendere saliva gradualmente verso il tetto, dietro di essi venne aperta una griglia per lo sfogo dell’aria viziata dall’abitacolo. Completavano il tutto la mostrina con il nome dell’auto attraversato da una spada da matador e le grandi ruote in lega leggera Campagnolo, identiche a quelle della Miura.

Il posteriore tronco era caratterizzato dal lunotto separato in due parti, quella superiore apribile e quella inferiore fissa, da un sottile paraurti cromato e da quattro aggressivi scarichi sportivi ANSA.

La meccanica è la stessa della coupé 400 GT Touring, con l’inevitabile allungamento di 15 cm del passo necessario per fare posto ai 4 occupanti; operazione di cui si occupano, in sede progettuale, niente meno che Gian Paolo Dallara e Paolo Stanzani.

Il motore V12 è il 3929 cm³ alimentato da sei carburatori Weber doppio corpo, progettato da Giotto Bizzarrini e poi sviluppato da Paolo Stanzani. La potenza sulla prima serie è 325 CV, sulla seconda sale a 350 CV e sulla terza a 375 CV, perciò la velocità massima passò da 245 a 260 km/h. Il cambio è un Lamborghini manuale a 5 marce.

Gli interni di una Espada

Le prestazioni erano entusiasmanti nonostante fosse più lenta e meno agile e reattiva di 400GT e Islero a causa del peso e dell’interasse più lungo. La vettura aveva sospensioni totalmente indipendenti. I freni erano a disco sulle 4 ruote.

Oltre alle prestazioni il suo pezzo forte erano gli interni, con un abitacolo spazioso integralmente rivestito in pelle, legno e morbida moquette di pregio il tutto in un ambiente infinitamente più spazioso e luminoso rispetto a quello della Miura e anche della 400GT. Le quattro poltrone individuali regalavano il comfort adeguato ai suoi facoltosi ed esigenti clienti. I sedili anteriori sono comodi eppure molto avvolgenti seppur separati in mezzo da un grande tunnel. Anche dietro non ci sono solo due posti sacrificati, ma vere e proprie poltrone singole. Grazie a ciò, se non si è molto alti, si viaggia piuttosto comodi anche dietro.[2] Erano di serie l'impianto di aria condizionata e i finestrini elettrici. A richiesta si potevano avere gli specchietti retrovisori esterni, la vernice metallizzata, cinture di sicurezza, ruote a raggi e autoradio con mangianastri.

La Bertone proponeva anche l'allestimento Vip con frigobar e televisore Brionvega Algol (collocato tra i sedili anteriori). La versione per il mercato USA è caratterizzata da due grandi paraurti in gomma nera e motore depotenziato, in ossequio alle normative statunitensi

La produzione[modifica | modifica wikitesto]

L'autotelaio della Espada al Museo Ferruccio Lamborghini

Le scocche della Espada, come quelle della Miura, vennero costruite nello stabilimento Bertone di Grugliasco, completate con l'assemblaggio finale e il collaudo su strada a Sant'Agata bolognese.

L'Espada ottenne subito un grande successo. Ne furono realizzate tre serie: Serie I (fino al gennaio 1970), in 176 unità, Serie II (fino al 1972), 578 unità e Serie III (fino al 1978), in 472 unità.

Sulla Serie II venne aumentata la potenza a 350CV, e vennero montati un nuovo volante, nuova plancia, nuova strumentazione, nuova griglia del radiatore e freni a disco autoventilanti. Vennero offerti come optional servosterzo e cerchi in lega con fissaggio a 5 bulloni.

Sulla Serie III presentata al Salone di Torino del 1972 venne aumentata fino a 375 CV e vennero assottigliati i paraurti cromati. Inoltre, per la prima volta su una Lamborghini, era possibile avere un cambio automatico, un’unità Chrysler a 3 marce.

L'Espada uscì di listino nel 1978 e non venne sostituita da alcun modello in base all'orientamento della proprietà di quel periodo (Georges-Henri Rossetti) la cui strategia di mercato era di "confinare" il marchio Lamborghini al settore delle sportive estreme a 2 posti (come la celebre Countach).

Nel 2008, al Salone di Parigi, Lamborghini cercò di evocare i concetti della Espada con il prototipo Estoque, dotato però di 4 porte; tuttavia non verrà mai prodotto in serie. Stesso destino per la concept Asterion, 2+2 del 2014.

Per vedere una nuova Lamborghini 4 posti prodotta in serie bisognerà attendere la Urus, lanciata pochi mesi fa, con 4 porte e una carrozzeria SUV molto più alta.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche tecniche - Lamborghini Espada (1968)
AutoClássico Porto 2017 motor Lamborghini DSCN6698 (23771171168).jpg
Configurazione
Carrozzeria: coupé 2 porte Posizione motore: anteriore longitudinale Trazione: posteriore
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 4730 × 1860 × 1180 Diametro minimo sterzata: 11.5 m
Interasse: 2650 mm Carreggiate: anteriore 1490 - posteriore 1490 mm Altezza minima da terra: 125 mm
Posti totali: 4 Bagagliaio: 250 Serbatoio: 93
Masse / in ordine di marcia: 1705 kg
Meccanica
Tipo motore: V12 di 60°, monoblocco e testate in lega leggera, albero motore su 7 supporti di banco Cilindrata: alesaggio e corsaː 82 x 62 mm; totale 3929 cm³
Distribuzione: due alberi a camme in testa per bancata mossi da catena, 2 valvole per cilindro disposte a v di 70° Alimentazione: 6 carburatori orizzontali doppio corpo Weber 40 DCOE 20-21
Prestazioni motore Potenza: 325 CV (poi 350 e 375CV) a 7500 giri/min / Coppia: 40 Kgm a 4000 giri/min
Accensione: due bobine e spinterogeno, candele Bosch W 235 P 21 oppure Champion N6 Y Impianto elettrico: a 12V, alternatore da 550W (poi 770w)
Frizione: monodisco a secco a comando idraulico Cambio: Lamborghini a 5 marce sincronizzate
Telaio
Corpo vettura monoscocca in acciaio
Sterzo a vite e rullo con piantone sdoppiato
Sospensioni anteriori: a ruote indipendenti, bracci trapezoidali trasversali, molle elicoidali, ammortizzatori idraulici telescopici, barra stabilizzatrice / posteriori: a ruote indipendenti, bracci triangolari, molle elicoidali, ammortizzatori idraulici telescopici, barra stabilizzatrice
Freni anteriori: a disco autoventilanti / posteriori: a disco Girling autoventilanti
Pneumatici 215/70 VR 15X / Cerchi: Campagnolo in magnesio 7x15"
Prestazioni dichiarate
Velocità: 250 km/h Accelerazione: 1000m da fermoː 26.995 s; 0-400mː 14.996 s
Fonte dei dati: Quattroruote Ottobre 1970

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luca Grandini, Un dodici per quattro, in Ruoteclassiche, Editoriale Domus, Agosto 2009, pp. 24-31.
  2. ^ Carlo Alberto Gabellieri, "Lamborghini Espada", Auto d'Epoca, giugno 1991

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili