Lago della Perla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lago della Perla
Perla Lago wiki.jpg
Il lago della Perla e la Costa Rossa
Stato Italia Italia
Regione Piemonte
Comune Limone Piemonte
Idrografia
Origine naturale

Il lago della Perla (2036 m) è un lago alpino situato nell'alta valle Vermenagna (provincia di Cuneo, Piemonte), nelle Alpi Liguri.

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Il lago è quotato sulle mappe IGM e IGC (Istituto Geografico Centrale) ma non è nominato; il toponimo deriva dal vicino colle della Perla (m 2083), che pone in comunicazione la valle Vermenagna con la valle Roya o val Roia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Lo specchio d'acqua ha una forma irregolare, con dimensioni medie (75 metri di distanza tra le sponde più lontane, 45 m tra le sponde più vicine) ma profondità piuttosto modesta: per questo motivo le sue dimensioni risentono in misura significativa degli andamenti stagionali, in particolare di periodi siccitosi. Occupa una conca amena, tra praterie interrotte da vegetazione arbustiva: nelle sue acque si riflettono la cima della Perla (m 2183) e la cima del Becco (m 2300), già sul confine francese.

Accesso[modifica | modifica wikitesto]

Si raggiunge con una lunga camminata[1] (15 km, ritorno compreso, per 2 ore e 40 minuti di salita), superando 440 m di dislivello (comprese le perdite di quota) partendo dal colle di Tenda, seguendo la carrareccia ex-militare in direzione Monesi. i Il percorso non presenta alcuna difficoltà e la strada è percorribile anche in mountain-bike e con mezzi motorizzati; durante l'estate, la circolazione di questi ultimi è interdetta in alcuni giorni della settimana.

Cartografia[modifica | modifica wikitesto]

IGC, carta n.8, 1:50000, Alpi Marittime e Liguri

IGC, carta n.114, 1:25000, Limone Piemonte, Vallée des Merveilles, Saint Dalmas de Tende

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Claudio Trova - Piemonte, escursioni per tutti - Vol.2, dall'Appennino Ligure al colle del Sestriere - Edizioni del Capricorno, Torino, 2011, pag. 33-35..