Lady Oscar (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lady Oscar
Lady Oscar film.jpg
Titolo originaleLady Oscar
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneGiappone, Francia
Anno1978
Durata124 min
Generestorico, drammatico
RegiaJacques Demy
SoggettoRyoko Ikeda
SceneggiaturaJacques Demy
ProduttoreAgnès Varda, Mataichiro Yamamoto
FotografiaJean Penzer
MontaggioPaul Davies
MusicheMichel Legrand
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Lady Oscar è un film del 1979 di produzione franco-nipponico, ispirato al manga Lady Oscar di Riyoko Ikeda.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Oscar Françoise de Jarjayes è la giovane erede del Generale de Jarjayes che avrebbe voluto un maschio per proseguire la tradizione militare di famiglia. Non rassegnato, il generale comunque addestra Oscar come se fosse un uomo, al punto da farla diventare capo delle guardia della regina Maria Antonietta. Da ragazzina Oscar si era innamorata del nipote della sua tutrice, il giovane Andrè Grandier. Tuttavia la rivoluzione è alle porte e Oscar e Andrè finiranno per trovarsi in due schieramenti opposti.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Diretto dal regista francese Jacques Demy, il film vede protagonista nel ruolo di Oscar Catriona MacColl, nota in Italia per aver spesso avuto il ruolo da protagonista nelle pellicole di Lucio Fulci. Lo stesso personaggio è interpretato da bambina da una giovanissima Patsy Kensit. Il film è uno dei pochissimi realmente girati nella reggia di Versailles.

La linea di cosmetici giapponesi Shiseido, uno degli sponsor della produzione del film, in seguito utilizzò la MacColl come testimonial dei propri prodotti.

Nonostante la produzione francese, il film non fu mai distribuito nelle sale transalpine e soltanto in tempi recenti ha avuto una distribuzione in home video.

Per l'edizione italiana del film fu richiamato l'intero cast dei doppiatori dell'anime, per cavalcare l'onda del successo della serie animata e dare più risalto alla pellicola.[senza fonte]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]