Lady Gaga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Lady GaGa)
Lady Gaga
Lady Gaga al Super Bowl 50
Lady Gaga al Super Bowl 50
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Pop[1]
Dance pop[1]
Dance[1]
Periodo di attività 2008 – in attività
Strumento voce, pianoforte, sintetizzatore, keytar, chitarra
Etichetta Interscope, Streamline, Kon Live, Cherrytree
Album pubblicati 8
Studio 5
Raccolte 3
Sito web
Lady Gaga logo.png
(EN)

« I'm not real. I'm theatre. »

(IT)

« Io non sono reale. Sono teatro. »

(Lady Gaga ai VMA 2011[2])

Lady Gaga, nome d'arte di Stefani Joanne Angelina Germanotta (New York, 28 marzo 1986), è una cantautrice, attrice e attivista statunitense.

Il nome d'arte dell'artista è ispirato al brano Radio Ga Ga dei Queen.[3] Conosciuta per i modi eccentrici e stravaganti, l'artista è sotto contratto con la Interscope Records ed ha debuttato nel 2008 con l'album The Fame, promosso dai singoli di successo planetario Just Dance e Poker Face e cui ha fatto seguito l'EP The Fame Monster, uscito l'anno seguente, dal quale sono stati estratti i singoli Bad Romance, Alejandro e Telephone, anch'essi segnati da grande successo a livello mondiale. Nel 2011 è uscito il secondo album di inediti Born This Way, promosso dall'omonimo singolo, divenuto il più veloce della storia nelle vendite su iTunes con oltre un milione di copie vendute in cinque giorni.[4] Nel 2013 è stato pubblicato Artpop, da cui proviene il singolo Applause, mentre l'anno seguente è stato pubblicato Cheek to Cheek, album in studio inciso in collaborazione con Tony Bennett. Nel 2016 esce il suo quinto album in studio e quarto album da solista Joanne, promosso dal singolo Perfect Illusion.

Durante la sua carriera ha vinto sei Grammy Awards per la musica e, nel gennaio 2016, un Premio Golden Globe come Miglior attrice in una serie televisiva o film per la TV per il suo ruolo nella quinta stagione della serie antologica American Horror Story.[5] Nello stesso mese ha inoltre ricevuto la sua prima candidatura ai Premi Oscar nella categoria Miglior canzone per Til It Happens to You, presente nel documentario The Hunting Ground.[6]

Globalmente la cantante ha venduto 27 milioni di album e più di 146 milioni di singoli,[7] di cui 10 milioni di album e oltre 45 milioni di singoli venduti solamente negli Stati Uniti d'America secondo quanto stilato dalla rivista statunitense Billboard,[8] risultando tra gli artisti con maggiori vendite nella storia. Nel 2014 il suo singolo Bad Romance è stato certificato dieci volte disco di platino dalla RIAA, ricevendo il Digital Diamond Award per le oltre 10 milioni di copie vendute digitalmente, rendendo Lady Gaga la prima artista femminile nella storia a ricevere tale riconoscimento;[9] tale riconoscimento è stato conferito successivamente anche a un altro singolo della cantante, Poker Face.[10]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Stefani Joanne Angelina Germanotta è nata il 28 marzo 1986 al Lenox Hill Hospital di New York.[11] Il padre, Joseph Germanotta, è un imprenditore statunitense di origini siciliane (come confermato dalla stessa cantautrice durante una tappa del The Born This Way Ball Tour, tenutasi a Milano), con radici familiari nel comune di Naso in provincia di Messina,[12] mentre la madre, Cynthia Bissett, è una casalinga statunitense di origini franco-canadesi. Lady Gaga ha anche una sorella minore di nome Natali.[13] Cresciuta nell'Upper West Side di Manhattan, ha frequentato la scuola cattolica per sole ragazze Convent of the Sacred Heart School;[14] Lady Gaga si è descritta come una studentessa «molto dedita, molto studiosa, molto disciplinata» ma «un po' insicura».[15][16] Durante gli anni degli studi ha anche subìto diversi atti di bullismo.[17]

La passione di Lady Gaga per i musical durante il liceo l'ha portata a interpretare protagoniste di diverse produzioni, come Adelaide in Guys and Dolls e Philia in A Funny Thing Happened on the Way to the Forum.[18] A quindici anni è apparsa brevemente nell'episodio Piccoli boss crescono della serie televisiva I Soprano,[19] mentre verso il 2005, all'età di 19 anni, appare nel programma televisivo di MTV Boiling Points. Nel 2014 ha confessato che alla stessa età è stata stuprata da un uomo più grande di lei di circa 20 anni e di non averne parlato con nessuno per la vergogna. Inizialmente ha superato il trauma bevendo, ma successivamente è andata in terapia per cercare di superare lo shock subìto.[20][21]

Dopo il liceo, incoraggiata dalla madre, Lady Gaga è riuscita ad entrare alla Tisch School of the Arts di New York, abbandonandola poco dopo per dedicarsi completamente alla sua carriera musicale.[22] Lasciata quindi la casa dei suoi genitori, ha iniziato a esibirsi nei club del Lower East Side, dove viveva con gruppi musicali chiamati Mackin Pulsifer e SGBand. Intenta a trovare un proprio stile musicale, ha deciso di fare qualcosa di nuovo e provocatorio sulla scena underground e rock and roll newyorkese, ovvero la musica pop.[23] Il padre ha raccontato di essere rimasto sconvolto quando ha scoperto che la figlia si era messa in mostra in un bar burlesque, esibendosi al fianco di drag queen e spogliarellisti,[24] tanto da darle un ultimatum: le avrebbe pagato l'affitto dell'appartamento in Stanton Street solo per qualche mese, dopodiché avrebbe dovuto provvedere da sola o, in caso contrario, sarebbe tornata a studiare all'università.[25]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi (2005-2007)[modifica | modifica wikitesto]

Lady Gaga al Lollapalooza del 2007

Nell'estate del 2005 Germanotta ha registrato un paio di brani insieme al cantante rap Grandmaster Melle Mel, per un audio libro per bambini, chiamato The Portal in the Park.[26] Nel settembre dello stesso anno ha fondato la Stefani Germanotta Band, composta da amici della cantante: Calvin Pia era il chitarrista, il bassista era Eli Silverman e il batterista Alex Beckham. Il gruppo faceva promozione in diversi bar e, tramite questi concerti, ha guadagnato diversi sostenitori, attirando l'attenzione del produttore musicale Joe Vulpis, il quale ha permesso alla cantante la registrazione di due EP, Words e Red and Blue. Questi due album sono stati venduti in quantità limitata nei concerti del gruppo e a New York.[27]

Un giorno il produttore Rob Fusari ha incaricato Wendy Starland (sua scout) di trovare una ragazza che potesse diventare la frontman di un gruppo musicale. Nel giugno del 2006 la scout ha incontrato Germanotta e, malgrado non corrispondesse agli standard prefissati da Fusari, ha parlato di lei con il produttore perché la considerava "interessante".[28] Dopo due settimane di incertezze, Fusari ha deciso di fissare un appuntamento con lei.[29] Successivamente, per rendere commerciale l'ancora ventenne Stefani Germanotta, Fusari ha deciso di organizzare una riunione con il proprio staff. Durante l'incontro, un membro ha parlato dei Queen e di Radio Ga Ga e per questo motivo alla fine della riunione hanno deciso che il nome d'arte di Stefani Germanotta sarebbe stato Lady Gaga.[30]

Lady Gaga (a destra) al Lollapalooza del 2007 con Lady Starlight

Lady Gaga, trovandosi quindi costretta a cercare una casa discografica, firmò nel 2006 un contratto con la Def Jam. Dopo soli tre mesi tuttavia la casa discografica decise di recidere il contratto. Il capo della Def Jam, L.A. Reid, ha poi sostenuto a tal proposito di aver commesso "il più grande errore della sua vita".[31]

Per tutto il 2007 Gaga ha collaborato assiduamente con la DJ e ballerina Lady Starlight. Le due hanno iniziato ad esibirsi in vari concerti e manifestazioni newyorkesi come il Mercury Lounge e il Rockwood Music Hall. Nell'agosto 2007 le due sono state invitate a partecipare al festival musicale Lollapalooza, dove hanno intrattenuto un pubblico di circa 200 persone.[32]

Fusari ha intanto continuato a lavorare con Lady Gaga e nel 2008 ha inviato alcune canzoni a Vincent Herbert della Interscope Records. Grazie a lui, nel gennaio dello stesso anno, Lady Gaga venne messa sotto contratto dalla casa discografica, venendo assunta come cantautrice.[23] Ha scritto testi di brani per la Konvict Muzik, l'etichetta di Akon, e per artisti come Fergie, Pussycat Dolls, Britney Spears e New Kids on the Block.

The Fame (2008-2009)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: The Fame.
Primo concerto al di fuori degli USA: Lady Gaga a Michalsky StyleNite di Berlin Fashion Week, luglio 2008

Verso febbraio del 2008 Lady Gaga ha presentato alla sua casa discografica, la Interscope, il brano Just Dance.[33] I produttori hanno apprezzato il brano e per questo hanno deciso di girare un video musicale in una casa a Los Angeles.[33][34] L'8 aprile 2008 il singolo è stato pubblicato, ma il successo è arrivato nel 2009, quando ha raggiunto la prima posizione in sette paesi, tra cui la Billboard Hot 100 statunitense.[23] Mondialmente, Just Dance ha venduto 7,7 milioni di copie nel 2009, risultando il quarto brano più venduto di quell'anno.[35]

La prima apparizione televisiva di Lady Gaga è avvenuta nel maggio del 2008, sulla rete televisiva Logo, durante la premiazione dei NewNowNext Awards, organizzata dal canale.[36] Gaga, in questa occasione, si è esibita con Just Dance. Nel luglio del 2008, invece, ha partecipato al Gay pride di San Francisco in cui si è esibita con LoveGame, Beautiful, Dirty, Rich e Just Dance.[37]

Il 19 agosto dello stesso anno ha pubblicato il suo album d'esordio, The Fame, il quale ha venduto 15 milioni di copie fino al 2010.[38] Il 16 settembre è stato pubblicato il secondo singolo non ufficiale, con lo scopo di promuovere la serie TV Dirty Sexy Money, intitolato Beautiful, Dirty, Rich proveniente dal suo album d'esordio, per il quale è stato girato anche un video, diretto da Melina Matsoukas.

Il secondo singolo ufficiale estratto da The Fame è invece Poker Face, un successo inaspettato che è riuscito a bissare il successo del primo, raggiungendo la numero uno nelle classifiche mondiali di oltre venti Paesi e diventando il secondo singolo della cantante a raggiungere la prima posizione nella Billboard Hot 100.[23] Il singolo è risultato il più venduto del 2009 con 9,8 milioni di copie vendute.[35] Poker Face l'ha fatta vincere nella categoria Miglior brano dance ai Grammy Awards 2010 e le ha procurato due candidature nelle categorie Brano dell'anno e Musica dell'anno.

Lady Gaga durante il The Fame Ball Tour

Tra inizio ottobre e fine novembre 2008 ha iniziato una serie di concerti assieme ai colleghi della Interscope New Kids on the Block, riunitisi quell'anno, partecipando inoltre al loro album The Block nel brano Big Girl Now. Il 16 dicembre 2008, la casa discografica della cantante ha distribuito per il mercato digitale un brano musicale natalizio inciso da Lady Gaga e Space Cowboy, intitolato Christmas Tree.[39]

Dopo aver annunciato Poker Face, la cantante è stata ingaggiata come artista di apertura nei concerti dei New Kids on the Block, delle Pussycat Dolls e dei Take That.[40][41][42] Finita l'apertura, andava nei locali per guadagnare soldi extra da spendere per i progetti della Haus of Gaga.[43]

Il 3 febbraio ha pubblicato il suo terzo singolo Eh, Eh (Nothing Else I Can Say), mentre il mese seguente è stata la volta del quarto singolo LoveGame, il cui videoclip ha suscitato molte polemiche in alcuni paesi, finendo per essere censurato.

Il 12 marzo 2009 ha preso il via il suo primo tour mondiale, The Fame Ball Tour, prodotto sul modello del collettivo Haus of Gaga. Inoltre, per promuovere il suo CD, si è esibita anche in diversi programmi televisivi sia statunitensi che esteri, tra cui Quelli che il calcio ad aprile 2009.[44]

La cantante avrebbe dovuto inoltre collaborare con Kanye West per un tour negli Stati Uniti d'America intitolato Fame Kills Tour.[45] Il progetto è stato tuttavia annullato.[46] Lady Gaga si è poi esibita ai MuchMusic Video Award 2009, vincendo anche il premio come "Miglior video di un artista internazionale" con il video di Poker Face.[47]

Il 6 luglio 2009 è stato pubblicato come quinto singolo il brano Paparazzi esclusivamente per il mercato inglese, irlandese e italiano. Anche il video di questo singolo ha suscitato molte polemiche a causa della presenza di varie scene cruente. Nello stesso periodo Lady Gaga ha duettato con Michael Bolton in Murder My Heart, incluso nell'album One World One Love del cantante, e ha ottenuto nove candidature agli MTV Video Music Awards 2009, vincendo il premio come "Miglior nuova artista".[48] In questo evento, ha sconvolto con una performance di Paparazzi: durante l'esibizione, Gaga ha inscenato il suo suicidio per la fama appendendosi a una corda e facendo colare dal reggiseno del sangue finto.[49] Successivamente ha partecipato anche agli MTV Europe Music Awards 2009, vincendo il premio come "Migliore rivelazione dell'anno".

The Fame Monster (2009-2010)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: The Fame Monster.

Dopo il successo del suo album d'esordio The Fame, la cantante ha pubblicato il 23 novembre 2009 l'EP di otto tracce The Fame Monster, pubblicato anche in formato doppio CD insieme al primo LP di Lady Gaga, The Fame.

Il primo singolo pubblicato da The Fame Monster è stato Bad Romance, presentato in anteprima il 3 ottobre 2009 al Saturday Night Live, dove la cantante ha dato vita a uno sketch comico al fianco di Madonna. Durante l'annuncio del singolo, alla sfilata primavera/estate di Alexander McQueen, il sito che ha mandato in diretta lo streaming è andato in tilt.[50] Grazie al video di Bad Romance, Lady Gaga è diventata la prima artista a ottenere oltre un miliardo di visualizzazioni dei suoi video su YouTube.[50] Il brano ha iniziato ben presto la scalata al successo nelle classifiche mondiali e si è piazzato al primo posto nella Canadian Hot 100, la classifica dei singoli più venduti in Canada, al secondo posto nella Billboard Hot 100 statunitense e al primo posto nella Top Digital italiana.[51] Il singolo ha venduto circa 9,7 milioni di copie nel 2010, risultando il secondo più venduto a livello mondiale di quell'anno, dietro solo a Tik Tok di Kesha.[52]

Lady Gaga si esibisce al Monster Ball Tour con tre singoli di The Fame Monster: Bad Romance (sinistra), Telephone (centro) e Alejandro (destra)

Per promuovere l'EP, il 27 novembre è iniziato il Monster Ball Tour, il secondo tour a livello mondiale di Lady Gaga. Esso è stato un grande successo commerciale, tanto da diventare il tour con maggior successo di tutti i tempi per un'artista debuttante e il tredicesimo della prima decade degli anni 2000.[53]

Verso dicembre la cantante ha confermato Telephone come secondo singolo estratto da The Fame Monster, brano interpretato in coppia con Beyoncé. Mondialmente, questo singolo ha venduto 7,4 milioni di copie, risultando il quarto brano più venduto del 2010.[52]

Il 31 gennaio 2010 ha ottenuto due Grammy Awards, uno per Poker Face come "Miglior brano dance" e l'altro per l'album The Fame, eletto "Disco elettropop dell'anno".[54] In questa occasione si è esibita con un medley di Poker Face, Speechless e Your Song in coppia con Elton John.[55] Il 16 febbraio successivo ha vinto inoltre tre BRIT Awards, come "Miglior artista internazionale femminile", "Migliore album internazionale" (per The Fame) e "Migliore artista emergente", diventando la cantante femminile con più vittorie in una sola serata.[56]

Nel mese di marzo del 2010 è stato pubblicato in Giappone l'album di remix intitolato The Remix, il quale ha venduto mondialmente 500.000 copie.[57] Dopo la pubblicazione dell'album di remix, la cantante ha rivelato che il terzo singolo estratto da The Fame Monster sarebbe stato Alejandro.[58] Uscito con ritardo, il video ha fatto discutere in diversi Paesi per l'abuso di riferimenti religiosi e per i suoi contenuti definiti "sacrileghi".[59] Il brano ha avuto molto successo in Europa, e negli Stati Uniti ha stabilito un record: è stato il settimo singolo consecutivo della cantante a entrare nella top 10 del Paese.[60]

Verso il mese di luglio è stato annunciato come unico singolo promozionale di The Fame Monster il brano Dance in the Dark, esclusivamente però per le radio australiane. Il brano non è stato accompagnato da un video ma comunque è riuscito a entrare in diverse classifiche europee.

A settembre Lady Gaga ha partecipato agli MTV Video Music Awards. Candidata per la vittoria di 13 premi (record nella storia della manifestazione), è riuscita a trionfare in 8 categorie, vincendo 7 premi per il singolo Bad Romance e uno per Telephone. Mentre ritirava il premio per la vittoria nella categoria "Video dell'anno", ottenuto grazie a Bad Romance, Lady Gaga ha stupito il pubblico indossando un vestito realizzato con carne bovina, ha annunciato il nome del suo secondo album in studio, Born This Way, e ha cantato inoltre una parte del primo singolo omonimo del nuovo progetto musicale.[61]

Born This Way (2011-2012)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Born This Way.
Lady Gaga durante il Born This Way Ball Tour

L'8 febbraio 2011 la cantante ha duettato con Elton John nel brano Hello, Hello, tratto dalla colonna sonora del film d'animazione Gnomeo e Giulietta.[62] La canzone è stata nominata come miglior canzone tratta da un film ai Golden Globes del 2012.[63]

Il primo singolo tratto dal secondo album della cantante, Born This Way, è stato pubblicato l'11 febbraio. Gaga si è esibita per la prima volta cantandolo in occasione della 53ª edizione dei Grammy Awards. Il brano ha debuttato direttamente alla prima posizione nella classifica statunitense Billboard Hot 100, ottenendo anche un ottimo successo a livello mondiale.[64] A novembre del 2011, infatti, è stato annunciato che aveva venduto 8,2 milioni di copie in tutto il mondo, entrando così nella top 5 dei singoli più venduti di quell'anno.[65]

Il 15 aprile 2011 è stato pubblicato un altro singolo, intitolato Judas. Il video musicale di quest'ultimo ha ricevuto alcune critiche negative per i diversi riferimenti religiosi in esso presenti.[66] Il brano ha raggiunto la top ten di molti paesi, tra cui anche l'Italia, dove ha debuttato alla terza posizione venendo poi certificato disco d'oro.[67]

Il 9 maggio è stato reso disponibile il terzo singolo estratto dall'album, The Edge of Glory, che vede la partecipazione di Clarence Clemons, il quale esegue un assolo di sassofono.[68] Il video è molto semplice (e per questo anche lodato dalla critica) e si svolge in una strada deserta di New York.[69][70]

Il 13 maggio è stato, invece, pubblicato dalla cantante l'unico singolo promozionale dell'album, intitolato Hair. È entrato alla quinta posizione della classifica digitale italiana e statunitense, vendendo in quest'ultimo Paese 147 000 copie nella sua prima settimana.[71]

Born This Way, il terzo album della cantante, è stato pubblicato il 23 maggio a livello mondiale. Ha venduto in quella settimana negli Stati Uniti d'America 1,15 milioni di copie.[72] Fino ad ottobre 2011, il disco ha venduto oltre otto milioni di copie.[73]

Il 19 giugno ha cominciato a raccogliere riconoscimenti per i lavori pubblicati: durante i MuchMusic Video Award 2011 ha ricevuto due premi su tre candidature, uno per il singolo Born This Way e l'altro per il singolo Judas.[74] Il 2 luglio, la cantante si è aggiudicata anche tre MTV Video Music Aid Japan su tre nomination, tutti per il singolo Born This Way.[75]

Lady Gaga canta The Edge of Glory durante il Born This Way Ball Tour nel 2012

Il 22 luglio è stato annunciato come quarto singolo dell'album Yoü and I.[76] Durante le riprese del video della canzone, pubblicato il 16 agosto, Lady Gaga ha conosciuto l'attore Taylor Kinney, con il quale si è poi fidanzata ufficialmente.

Il 28 agosto 2011 si è esibita e ha aperto gli MTV Video Music Awards con Yoü and I suscitando sorpresa generale perché era vestita da uomo, nei panni del suo alter ego Joe Calderone. L'esibizione è stata accompagnata dal corpo di ballo e da Brian May alla chitarra.[77] La cantante ha vinto, nella stessa serata, due premi su quattro nomination, entrambi per il singolo Born This Way.[78] Il 20 settembre è stato pubblicato il singolo di Tony Bennett, The Lady Is a Tramp, che vede la partecipazione della cantante.[79] Il brano è stato poi anche interpretato dal vivo durante lo speciale televisivo di Gaga per il Giorno del ringraziamento organizzato da ABC, intitolato A Very Gaga Thanksgiving.[80][81] Per il brano è stato girato anche un video musicale, in cui Bennett e Gaga vengono mostrati in uno studio di incisione, mentre registrano il brano giocosamente. Il video ha ricevuto una buona accoglienza, soprattutto in considerazione della sua semplicità rispetto agli standard di Lady Gaga.[82]

Il quinto e ultimo singolo estratto dall'album è stato Marry the Night.[83] Nonostante sia stato lodato dai critici musicali, è ritenuto un singolo deludente rispetto agli standard della cantante: è riuscito ad arrivare infatti al 29º posto nella classifica ufficiale statunitense.[84] Il 6 novembre, il brano è stato eseguito dal vivo in diretta televisiva agli MTV Europe Music Awards, nel corso dei quali l'artista è stata premiata con quattro riconoscimenti, di cui due per il singolo Born This Way.[85]

Nel mese di aprile 2012 è partito dall'Asia e dall'Oceania il terzo tour mondiale della cantante, il Born This Way Ball Tour.[86]

Lady Gaga, nel 2012, ha anche ottenuto il primo vero ruolo cinematografico in Machete Kills di Robert Rodriguez. La cantante, nel film citato, interpreta la parte della criminale La Chameleòn.[87]

Il 3 agosto Lady Gaga ha annunciato il suo nuovo album Artpop tramite i suoi canali social, postando la foto di un nuovo tatuaggio con il nome dell'album. [88][89]

Fino a febbraio 2013 è proseguito il The Born This Way Ball Tour, ma Lady Gaga, per un problema all'anca destra, si è dovuta sottoporre a un intervento chirurgico e, a causa della convalescenza, il 13 dello stesso mese è stata costretta ad annullare le ultime 17 tappe di questo tour.[90] Nonostante non sia stato portato a termine, il Born This Way Ball Tour risulta essere comunque tra i tour di maggiore successo commerciale di un'artista femminile.[91]

Dopo quasi cinque mesi di assenza dalle scene, il 29 giugno la cantautrice è tornata sul palco partecipando al Gay Pride tenutosi nella sua città natale ed intonando l'inno nazionale statunitense The Star-Spangled Banner.[92]

Artpop (2013-2014)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Artpop.
Lady Gaga si esibisce con Venus all'Artrave: The Artpop Ball

Il 12 agosto 2013 è stato pubblicato il primo singolo dell'album Artpop, Applause,[93] che è diventato il più grande successo radiofonico di Lady Gaga negli Stati Uniti.[94] Il video musicale di Applause è stato presentato in anteprima il 19 agosto, durante la trasmissione Good Morning America. La cantante ha eseguito la canzone per la prima volta dal vivo agli MTV Video Music Awards 2013.[95] Il primo settembre si è esibita inoltre all'iTunes Festival di Londra con 7 sue nuove canzoni in versione demo.[96]

Il 9 ottobre 2013 viene pubblicato il lyric video ufficiale di Aura, brano utilizzato come una delle colonne sonore per il film Machete Kills.[97] Il 14 ottobre 2013 sul canale YouTube della cantante è uscito uno snippet di 12 secondi della canzone G.U.Y., in collaborazione con il DJ russo-tedesco Zedd.[98] Il 21 ottobre 2013 sul canale YouTube ufficiale della cantante è stato reso disponibile l'audio del secondo singolo (dapprima pubblicato come singolo promozionale) Do What U Want, in collaborazione con R. Kelly.[99] Il 27 ottobre viene invece pubblicato l'audio del singolo promozionale Venus. Il 28 ottobre viene resa disponibile sul canale YouTube della cantante un'anteprima di 2 minuti e 16 secondi della canzone Mary Jane Holland ,in collaborazione con il DJ francese Madeon.

Lady Gaga durante una performance al Roseland Ballroom

Il 10 novembre, in occasione del lancio dell'album, si è tenuto un evento che coniuga musica, danza e arte contemporanea chiamato ArtRave. L'ArtRave si è tenuto in una location allestita come un museo. Le opere esposte in questa occasione sono state di: Jeff Koons, autore della copertina di Artpop, Bob Wilson, Inez & Vindooh, registi del video di Applause, Marina Abramovic e Benjamin Rollins, autore della sedia binaria. A fine 2013, viene comunicato che Artpop ha venduto 2 300 000 copie durante l'anno.[100] A dicembre l'artista si esibisce nella finale di The Voice USA, duettando in Do What U Want con Christina Aguilera. Il 1º gennaio 2014 viene pubblicato un remix ufficiale di Do What U Want, dove canta ancora insieme a Christina Aguilera.

Il 9 dicembre la cantante ha annunciato le prime 27 date del suo tour, l'Artrave: The Artpop Ball. In seguito alla cancellazione dei 17 show del Born This Way Ball Tour che si sviluppavano tra Stati Uniti d'America e Canada, la popstar ha deciso di riprendere dal continente americano i suoi nuovi spettacoli. Il tour è iniziato il 4 maggio 2014 ed è terminato a novembre dello stesso anno.

Durante i primi giorni del 2014 Artpop vince un Japan Gold Disc Award nella categoria "Album internazionale dell'anno". Il 18 febbraio 2014 la cantante interpreta l'omonimo brano Artpop al The Tonight Show di Jimmy Fallon, mentre il 13 marzo la cantante si esibisce al SXSW Festival della città di Austin in Texas e il giorno successivo, durante un'intervista, annuncia l'uscita di un nuovo video. Il 20 marzo la cantante conferma che il brano G.U.Y. sarà il terzo singolo estratto da Artpop e il giorno seguente, durante un'intervista al Today Show, mostra un'anteprima del video del singolo. Il 22 marzo 2014 il video di G.U.Y. viene presentato per la prima volta su Dateline NBC. Dal 28 marzo al 7 aprile Lady Gaga si esibisce con sette concerti al Roseland Ballroom, in occasione della sua definitiva chiusura.[101]

Cheek to Cheek (2014-2015)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Cheek to Cheek.
Lady Gaga durante una tappa del Cheek to Cheek Tour

Durante la promozione di Artpop, Lady Gaga si occupa anche di un progetto secondario insieme a Tony Bennett. Il 30 giugno 2014 i due si esibiscono insieme al Jazz Festival di Montréal, durante il quale cantano alcuni brani estratti dall'album nato dalla loro collaborazione, Cheek to Cheek. La pubblicazione di quest'ultimo, la cui lista tracce è composta da rivisitazioni di noti jazz standard del passato, è avvenuta il 23 settembre. Dopo la sua pubblicazione, Cheek to Cheek ha debuttato alla prima posizione della Billboard Hot 200, divenendo il terzo album di seguito per Lady Gaga ed il secondo per Bennett a conseguirla.[102]

Il 29 luglio 2014 viene pubblicato il primo singolo estratto da Cheek to Cheek, ovvero la reinterpretazione di Anything Goes di Cole Porter, accompagnato dal relativo video musicale. Il 29 agosto è stato pubblicato, invece, il secondo singolo I Can't Give You Anything but Love.

Il 5 settembre Lady Gaga si è esibita alla New York Fashion Week, evento organizzato da Harper's Bazaar. Durante la cerimonia, la cantante ha interpretato cinque brani tratti da Cheek to Cheek. Il 22 dello stesso mese Gaga e Bennett si sono esibiti insieme a Bruxelles, interpretando gran parte dei brani presenti nell'album; da questo concerto è stato filmato il videoclip dal vivo di Anything Goes, pubblicato sul canale Vevo della cantante. Successivamente, è stato pubblicato anche il video dell'esecuzione dal vivo di Bang Bang (My Baby Shot Me Down), tratta dallo spettacolo Tony Bennett & Lady Gaga: Cheek to Cheek Live!. A novembre, inoltre, è stato pubblicato lo studio video di It Don't Mean a Thing (If It Ain't Got That Swing).

L'attività promozionale di Cheek to Cheek si è prolungata a lungo: Gaga e Bennett hanno, infatti, cantato insieme diverse volte in trasmissioni televisive ed eventi per tutto il mese di dicembre. Il 30 dicembre è inoltre iniziato il tour promozionale dell'album, il Cheek to Cheek Tour, terminato ad agosto 2015, il quale ha visto i due cantanti esibirsi in Nord America e in Europa. Nello stesso giorno di inizio del tour, It Don't Mean a Thing (If It Ain't Got That Swing) è stato pubblicato come terzo singolo estratto da Cheek to Cheek.

Lady Gaga e Tony Bennett durante una tappa del Cheek to Cheek Tour

Il 5 dicembre 2014 i due cantanti hanno ricevuto una candidatura ai Grammy Awards per Cheek to Cheek nella categoria "Best Traditional Pop Vocal Album" (successivamente vinto), mentre due giorni più tardi Gaga si è esibita ad un concerto tributo per Sting ed Al Green con Bruno Mars, Bruce Springsteen, Earth, Wind & Fire al Kennedy Center Honors.

Impegno televisivo e importanti esibizioni (2015-2016)[modifica | modifica wikitesto]

A febbraio 2015 è stata resa nota l'entrata della cantante nel cast della quinta stagione di American Horror Story, intitolata Hotel. Lady Gaga in seguito si è esibita in due tributi musicali: uno il 10 febbraio, per Stevie Wonder cantando I Wish [103], l'altro il 22 durante la cerimonia di consegna degli Oscar, con una performance-tributo a Julie Andrews, cantando un medley dei brani tratti dal film Tutti insieme appassionatamente.[104] Il 12 giugno invece la cantante è stata l'artista di apertura ai giochi europei di Baku (Azerbaigian), nei quali si è esibita con una reinterpretazione di Imagine di John Lennon.[105]

Il 18 settembre è stato pubblicato il singolo inedito Til It Happens to You, scritto e prodotto con Diane Warren e presente nella colonna sonora del documentario The Hunting Ground.

Il 6 dicembre la cantante si è esibita all'anniversario dei cento anni di Frank Sinatra cantando una cover del brano New York, New York, [106] mentre il giorno seguente ha ricevuto la sua diciassettesima nomination ai Grammy Awards per il brano Til It Happens to You. Il 10 dicembre ha ottenuto la sua prima nomination ai Golden Globe per il suo ruolo nella quinta stagione di American Horror Story, vincendo successivamente il premio.[5] Proprio durante lo svolgimento dei Golden Globe, Lady Gaga ha annunciato di essere al lavoro su un nuovo album, previsto per il 2016.[107]

Lady Gaga al Super Bowl 50

Nel mese di febbraio 2016 Lady Gaga si è esibita alla cerimonia di consegna degli Oscar (ai quali è stata nominata) con Til It Happens to You, ai Grammy Awards con un tributo a David Bowie,[108][109] ed ha preso parte al Super Bowl 50 cantando l'inno nazionale statunitense.[110] La sua performance all'apertura di quest'ultima manifestazione è risultata essere il momento più visto dell'intero evento con un totale di 110,2 milioni di spettatori, nonché l'inno nazionale più visto di sempre nella storia del Super Bowl.[111] Lady Gaga è stata anche la prima artista nella storia a cantare ai tre sopracitati eventi nello stesso mese dello stesso anno.[112]

In aprile, durante un'intervista radiofonica con Z100 la cantante ha confermato la sua presenza nel cast della sesta stagione di American Horror Story.[113]

Il 28 luglio Lady Gaga si è esibita alla Convention Nazionale dei Democratici nel New Jersey per supportare la candidata Hillary Clinton,[114] mentre ad agosto è stata confermata la presenza della cantante nel cast del remake di È nata una stella, in qualità di protagonista.[115]

Joanne (2016-presente)[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 agosto 2016 Lady Gaga ha annunciato Perfect Illusion, primo singolo estratto dal suo quinto album in studio.[116] Il brano è stato trasmesso in anteprima il 9 settembre attraverso l'emittente radiofonica britannica BBC Radio 1 ed è stato pubblicato per la vendita digitale lo stesso giorno. Il 15 settembre 2016 ha rivelato ai microfoni di Beats 1 che il suo quinto album in studio si intitola Joanne ed uscirà il 21 ottobre.[117]

Stile musicale e temi[modifica | modifica wikitesto]

Lady Gaga mentre si esibisce con Do What U Want

I video di Lady Gaga vengono spesso descritti come dei cortometraggi perché contengono molti cambi di costume, continue coreografie e molte visuali differenti, così come le sue performance. Alcuni critici hanno notato che oltre al sadomasochismo e a temi femministi, «i tre temi principali dei video di Gaga sono sesso, violenza e potere».[118] Gaga ha confessato che si sente «libera» reinventando continuamente la propria immagine e sperimentando nuovi generi musicali e ritiene l'album Born This Way «molto più vocalmente alla pari con quello che sono capace di fare».[119][120]

La sua estensione vocale è da mezzosoprano che spazia da C3 a B5 [121] e gli esperti ne hanno esaltato la tecnica e potenza, notando come l'artista riesca tranquillamente a passare da note molte alte a note basse. [122] Riguardo alla sua voce, la rivista Entertainment Weekly ha scritto: «C'è un'immensa intelligenza emotiva dietro al modo in cui usa la sua voce».[123]

Nelle sue canzoni ha coperto una vasta gamma di argomenti: mentre The Fame medita sulle ambizioni e sul desiderio di essere una celebrità, The Fame Monster esprime il lato oscuro della fama attraverso metafore sui mostri; ogni canzone rappresenta infatti una paura diversa: Bad Romance è la paura dell'amore, Alejandro degli uomini, Monster del sesso, Dance in the Dark del giudizio, Telephone di un partner ossessivo, So Happy I Could Die della dipendenza e Teeth della verità. [124] Born This Way, il secondo album di inediti, è cantato in inglese, francese, tedesco e spagnolo e comprende temi come amore, sesso, religione, denaro, droga, l'identità, la sessualità, la libertà e l'individualismo.[125][126] Anche il terzo album Artpop affronta temi similari al precedente, ma lo fa con un background artistico, scaturito dall'amicizia della cantante con Marina Abramovic e Jeff Koons. [127] Con il quarto album in studio, Cheek to Cheek, Lady Gaga inverte decisamente rotta e, in coppia con Tony Bennett, reinterpreta alcuni pezzi jazz classici del passato, ad esempio Lush Life di Billy Strayhorn o Anything Goes di Cole Porter. La critica specializzata ha generalmente apprezzato questa svolta intrapresa dalla cantante, lodando la sua voce e la chimica sul palco tra lei e Bennett.[128][129]

La struttura della musica di Lady Gaga è simile al pop degli anni ottanta e l'europop degli anni novanta, che evoca Madonna, Gwen Stefani, Kylie Minogue e Grace Jones.[130][131][132] Rispetto ai due precedenti strettamente legati al pop e all'europop, l'album Born This Way comprende molti generi musicali diversi, come opera, heavy metal, discoteca, e rock and roll[126]. Artpop risulta invece più sperimentale nei suoni, in quanto l'artista ha voluto osare di più.[133] Riguardo a questo, la rivista Rolling Stone ha affermato che «più Gaga diventa eccessiva, più risulta essere la più onesta».[134]

Influenze[modifica | modifica wikitesto]

I genitori di Gaga, che le facevano ascoltare canzoni di artisti come i The Beatles, Stevie Wonder, Bruce Springsteen, Pink Floyd, Led Zeppelin ed Elton John, hanno avuto un'influenza significativa sulla sua carriera.[135] Un'influenza spirituale di Gaga è il medico indiano, oratore e scrittore Deepak Chopra. Lo ha etichettato come una "vera ispirazione" dichiarando che «mi ha sempre ricordato di lavorare al servizio dei miei fan e per soddisfare la mia visione e il mio destino», oltre a pensare a Chopra, quando si tratta del suo lavoro come musicista dichiara: «Voglio andare oltre la musica per i miei fan».[136]

Musicalmente Gaga è influenzata anche da numerosi cantanti dance-pop, come Madonna e Michael Jackson, e da artisti glam rock come David Bowie e Queen. Per la teatralità, invece, è stata influenzata da artisti come Andy Warhol, Marina Abramovic e Jeff Koons, dai quali ha tratto numerosissime ispirazioni, soprattutto per il suo terzo album Artpop.[137][138][139][140]

In quanto personaggio spesso provocatorio e fuori dagli schemi, Gaga ha ricevuto vari confronti con Madonna, la quale ha detto di rivedere sé stessa all'inizio della carriera riflessa negli esordi di Lady Gaga.[141] In risposta, Gaga ha dichiarato: «Non voglio sembrare presuntuosa, ma il mio obiettivo è quello di rivoluzionare la musica pop. L'ultima rivoluzione è stata lanciata da Madonna 25 anni fa [...] non c'è davvero nessuno che ami Madonna come me. Io sono la sua più grande fan personalmente e professionalmente».[138] Come Madonna, Gaga continua a reinventare sé stessa e, nel corso degli anni della sua carriera, ha tratto ispirazione musicale da numerosi altri artisti come Whitney Houston, Anastacia, Britney Spears, Grace Jones, Cyndi Lauper, Blondie, Debbie Harry, Scissor Sisters, Prince, Marilyn Manson e Yōko Ono.[142]

Moda[modifica | modifica wikitesto]

La sua adorazione della moda viene dalla madre, che ha dichiarato essere sempre "molto ben tenuta e bella".[143] Gaga è stata stilisticamente paragonata alle icone della moda inglesi Leigh Bowery e Isabella Blow e all'artista statunitense Cher.[144][145][146] Considera Donatella Versace (creatrice di numerosi suoi vestiti)[147] la sua musa e il defunto designer britannico Alexander McQueen sua ispirazione, ammettendo che le manca ogni volta che si veste.[144][148][149]

Lady Gaga ha debuttato come modella in occasione del salone di Thierry Mugler a Parigi nel marzo 2011 dove ha indossato gli articoli della collezione d'abbigliamento di Nicola Formichetti.[150] Nel giugno del 2011, Lady Gaga è stata premiata dal Council of Fashion Designers of America con il Fashion Icon Award, diventando la prima cantante femminile a ricevere tale onorificenza.[151] Ha in seguito scritto come giornalista di moda per la rivista V, dove ha descritto il suo processo creativo, lo studio del mondo della cultura pop, e la sua capacità di entrare in sintonia con l'evoluzione della cultura della musica leggera.[152]

Lady Gaga è stata anche inserita nella lista delle 100 icone della moda stilata dal TIME. L'ingresso nella lista è stato giustificato in questo modo: «Lady Gaga è nota per il suo stile scandaloso come per le sue hit. Dopotutto, Lady Gaga ha sfoggiato abiti fatti di bolle di plastica, pupazzi di Kermit la Rana e carne cruda».[153]

Giorgio Armani ha disegnato per la cantante numerosi vestiti, tra i quali alcuni per il Born This Way Ball Tour. Lo stilista ha infatti dichiarato che collaborare con Lady Gaga è «ogni volta un'esperienza nuova» e che «gli piace la sua capacità di usare la moda come elemento scenico per costruire il suo personaggio».[154] Per il Born This Way Ball Tour e per l'Artrave: The Artpop Ball ha collaborato anche con Donatella Versace, mentre nel 2014 è divenuta il nuovo volto della collezione Versace primavera/estate. Nel 2015 è stata la protagonista del video di presentazione della collezione primavera/estate 2016 di Tom Ford.[155] Il 18 febbraio 2016 Lady Gaga prende parte come modella, per la seconda volta nella sua carriera, alla sfilata A/I 2017 di Marc Jacobs.[156]

Attualmente il suo consulente di moda è Brandon Maxwell.[157]

Haus of Gaga[modifica | modifica wikitesto]

Logo della Haus of Gaga

Lady Gaga ha creato un proprio team di produzione chiamato Haus of Gaga, responsabile della creazione di molti dei suoi vestiti, accessori per il palcoscenico, scenografie per il palco e pettinature. Sono ad esempio creazioni della Haus il pianoforte con le bolle di sapone all'interno, il discostick e gli occhiali fatti con le sigarette.[158] Insieme sperimentano anche nuovi suoni per i suoi brani. Al progetto partecipano stilisti, produttori e ballerini, dando vita a un team creativo sul modello della Factory di Andy Warhol.[159][160] Con la Haus of Gaga Lady Gaga ha collaborato assieme all'azienda canadese MAC Cosmetics, dopo essere stata per due anni consecutivi testimonial del programma Viva Glam, i cui introiti venivano totalmente devoluti in beneficenza ai malati di HIV.[161]

La Haus of Gaga è composta da vari membri, i più celebri sono Nicola Formichetti, Fernando Garibay e Terry Richardson. Erano membri dell'Haus of Gaga anche Space Cowboy, Laurieann Gibson e Jonas Åkerlund.

Il 10 novembre 2013, nell'ambito di un party di presentazione di Artpop, Lady Gaga e la Haus hanno svelato alcuni "vestiti sperimentali", tra cui quello che si definisce "il primo vestito volante al mondo", il Volantis, che Gaga stessa ha collaudato in quell'occasione.[162]

Filantropia e attivismo LGBT[modifica | modifica wikitesto]

Lady Gaga all'Europride 2011

Lady Gaga sin dall'inizio della sua carriera è attiva anche in campo filantropico. È da sempre molto vicina alla comunità LGBT, sebbene abbia dichiarato di non considerarsi comunque una «icona gay».[163] Gaga ha contribuito all'abrogazione della legge Don't Ask, Don't Tell (DADT), che impediva alle persone apertamente omosessuali di arruolarsi nell'esercito statunitense. Durante gli MTV Video Music Awards 2010 Lady Gaga ha sfilato sul red carpet accompagnata da alcuni militari cacciati dall'esercito per la legge sopracitata. Inoltre, nel settembre 2010, ha pubblicato un video su YouTube in cui chiedeva esplicitamente ai senatori statunitensi di abolire tale legge. Il video ha totalizzato in pochi giorni più di un milione di visualizzazioni.[164] Lady Gaga ha partecipato a diversi gay pride: nel 2009 ha preso parte al National Equality March, definendolo «uno dei momenti più importanti della sua carriera»,[165] mentre nel 2011 ha cantato e tenuto un lungo discorso all'Europride di Roma, definendo gli omosessuali dei «rivoluzionari d'amore».[166] Nel 2013 ha cantato invece l'inno nazionale statunitense al NYC Gay Pride Rally.[167] Il 13 giugno 2016, a Los Angeles, Lady Gaga ha tenuto un discorso alla veglia per le vittime della strage di Orlando.[168]

Inoltre nel 2012 Lady Gaga e sua madre Cynthia hanno fondato la Born This Way Foundation, un'organizzazione no-profit con lo scopo di ascoltare ed aiutare i giovani vittime di bullismo e discriminazioni.[169]

La cantante è stata in prima linea anche per il tema degli abusi sessuali. Oltre ad averne subito uno lei stessa da adolescente, si è prodigata perché l'argomento fosse rilevante per i mass media. Con Diane Warren ha infatti scritto la canzone Til It Happens to You e, durante la sua esibizione agli Oscar del 2016, Lady Gaga ha portato con sé sul palco 50 vittime di stupro (tra maschi e femmine) come simbolo di sopravvivenza e rinascita dagli abusi. [21][170] Il 7 aprile 2016 il vicepresidente degli Stati Uniti d'America Joe Biden invita Lady Gaga a cantare la suddetta canzone ad una conferenza da lui organizzata all'Università del Nevada sul tema gli abusi sessuali. [171]

Il 26 giugno 2016 Lady Gaga partecipa ed interviene alla Conference of Mayors organizzata dal Dalai Lama Tenzin Gyatso a Indianapolis. Argomento dell'incontro è la promozione di gentilezza e compassione all'interno delle città.[172]

Il 24 agosto 2016 la cantante fa sapere tramite Twitter che elargirà una donazione per le vittime del terremoto del centro italia del 2016. [173]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Lady Gaga è stata, a partire dal 2009, soggetto di numerosi articoli di giornali online a causa della stravaganza del suo personaggio. La cantante, dopo l'uscita del video di LoveGame nel 2009, è stata al centro di notizie riguardanti la sua presunta bisessualità. Lady Gaga ha confermato le teorie che circolavano sul web quando Barbara Walters (dell'ABC News) l'ha intervistata per il suo annuale dicendo: «Sì, in passato ho avuto relazioni sessuali con delle donne»[174] Nello stesso anno la cantante è stata nominata per i suoi costumi in due categorie ai premi NME Awards, consegnati dalla rivista musicale New Musical Express: paradossalmente, il pubblico ha scelto la cantante sia come la meglio che come la peggio vestita.[175]

Lady Gaga in un atto del Monster Ball Tour definito "controverso"[176]

Lady Gaga è stata spesso al centro dell'attenzione durante le cerimonie di consegna dei premi: ad esempio non ha risparmiato la "violenza" nella sua esibizione di Paparazzi sul palco degli MTV Video Music Awards 2009, nella quale inscenò la sua morte per la fama, finendo con l'appendersi sanguinante a una corda attaccata al soffitto.[177] La performance è stata dichiarata tra le più "iconiche" nella storia della cerimonia.[178] Anche due anni dopo, la cantante è stata al centro di numerose polemiche: infatti, per accettare il premio "Video dell'anno", si è presentata sul palco indossando un abito interamente fatto di carne bovina, aspramente criticato dalle associazioni animaliste, come la PETA.[179] Lady Gaga ha poi spiegato che tale vestito voleva essere un simbolo di lotta per i diritti umani, in quanto, come da lei stessa detto: «se non lottiamo per i nostri diritti arriveremo ad avere gli stessi di un pezzo di carne.»[180] Il suo anticonformismo si è visto anche agli MTV Video Music Awards 2011, quando si è presentata sul palco nei panni del suo alter ego maschile Jo Calderone ed ha sostenuto un monologo da ragazzo innamorato prima della sua performance con Yoü and I.[181]

Anche i concerti della cantante hanno destato spesso polemiche, specialmente negli stati più integralisti. Il suo terzo tour a livello mondiale, il Born This Way Ball Tour, come anche il precedente, è stato accolto da molte polemiche, specialmente nelle tappe asiatiche. In Indonesia, il Fronte dei Difensori dell'Islam, ha affermato con durezza che la cantante "offende tutte le religioni" e "promuove il diavolo". Per queste proteste, lo staff della cantante ha deciso di annullare il concerto previsto a Giacarta.[182] Sempre durante questo tour, ad Amsterdam, Lady Gaga ha fumato marijuana, affermando poi che «avrebbe parlato con il Presidente Barack Obama e con Oprah delle sue meraviglie mediche».[183]

Invece nel 2010 Fred Phelps, capo della Westboro Baptist Church e famoso per la sua posizione omofoba, ha proposto di picchettare davanti al luogo di un concerto di Lady Gaga attraverso un comunicato stampa. Il religioso ha affermato che la cantante, da lui definita una sgualdrina, «insegna la ribellione verso Dio».[184]

Ad agosto 2013 l'artista, insieme a Madonna, è stata accusata dalla polizia russa di non aver rispettato il visto con cui sono state ammesse nel paese. Sulla questione, Gaga ha scritto diversi tweet definendo il governo russo «criminale», soprattutto a causa di alcune leggi omofobe presenti in Russia. [185]

Nel giugno 2016, a causa del suo pubblico sostegno al Dalai Lama Tenzin Gyatso, qualsiasi cosa legata al personaggio di Lady Gaga è stata messa al bando dal governo cinese. [186]

Profumi[modifica | modifica wikitesto]

Confezione regalo di Fame

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Lady Gaga.

Tournée[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Altre apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Lady Gaga mentre canta Bad Romance, singolo che le ha permesso di vincere due Grammy Awards e sette MTV Video Music Awards

Lady Gaga è una tra le artiste più premiate del panorama musicale. Tra i suoi premi annoveriamo sei Grammy Awards, tre BRIT Awards, un Premio Golden Globe, 13 MTV Video Music Awards, 12 Guinness dei primati, un Contemporary Icon Award dalla Songwriters Hall of Fame (di cui l'artista è stata la prima ricevente nella storia), un Young Artist Award per i suoi traguardi raggiunti in giovane età e un Jane Ortner Artist Award dal The Grammy Museum per aver dimostrato passione e dedizione nell'educare tramite l'arte.[192] Lady Gaga è stata anche la prima cantante femminile a ricevere il Fashion Icon Award dal Council of Fashion Designers of America, venendo consacrata a icona contemporanea di stile.[193]

Nel 2009 la rivista statunitense Billboard l'ha inserita al 73º posto tra i migliori artisti del decennio 2000-2009 e nel 2013 all'81º nella lista degli artisti con i migliori risultati nella Billboard Hot 100;[194] nel 2015 l'ha invece eletta "Donna dell'anno", consegnandole un premio durante una cerimonia in suo onore.[195] La rivista TIME ha inserito l'artista tra le 100 icone della moda di tutti i tempi, nella sezione "Muse",[196] mentre nel 2010 è comparsa al primo posto nella Time 100, la speciale classifica dei 100 artisti più influenti dell'anno stilata dalla rivista.

Anche il settimanale Forbes l'ha posizionata a partire dal 2010 nella top ten delle celebrità più influenti del decennio (in quell'anno al 2º posto, poi al primo, nel terzo anno al 4° e nel 2013 al 2°).[197] Sempre la stessa rivista pubblica annualmente la classifica delle donne più influenti del mondo, e la cantante è presente ininterrottamente anche in questa lista dal 2010 al 2014 (7º posto in quell'anno, poi 11° nel 2011, al 14º posto nel 2012, al 45° nel 2013 e 67° nel 2014)[198][199]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Lady Gaga, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 4 luglio 2013.
  2. ^ (EN) Lady Gaga Bends Gender, Minds With VMA Monologue, mtv.com. URL consultato il 2 gennaio 2012.
  3. ^ (EN) Interview with LadyGaGa, About.com. URL consultato il 6 agosto 2008 (archiviato dall'url originale l'8 luglio 2012).
  4. ^ (EN) Lady Gaga's 'Born This Way' Is Fastest-Selling Single In iTunes History, MTV. URL consultato il 16 settembre 2016.
  5. ^ a b (EN) Elizabeth Wagmeister, Lady Gaga Says Golden Globe Win for 'American Horror Story' is 'One of the Greatest Moments of My Life', Variety, 10 gennaio 2016. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  6. ^ (EN) Ciara Farmer, From music to the movies: Lady Gaga and Sam Smith receive first Oscar nominations as they compete for Best Original Song, Daily Mail, 14 gennaio 2016. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  7. ^ (EN) Rebecca Sun, Lady Gaga Exits WME for CAA, Billboard, 12 gennaio 2016. URL consultato il 12 settembre 2016.
  8. ^ (EN) Ask Billboard: Lady Gaga's Sales & What's the Longest Streak for Americans Atop the Hot 100?, Billboard. URL consultato il 17 aprile 2016.
  9. ^ Lady Gaga da record: prima artista al mondo premiata col Digital Diamond Award, Optima Italia. URL consultato il 18 maggio 2014.
  10. ^ (EN) RIAA, It's official!, Twitter, 30 novembre 2015. URL consultato il 30 novembre 2015.
  11. ^ (EN) Facts and Debunked Rumors About the Birth of Lady Gaga, About.com. URL consultato il 25 aprile 2016.
  12. ^ Alessandro Puglia, Viaggio alle origini di Lady Gaga, Sky, 5 settembre 2011. URL consultato il 25 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 3 novembre 2011).
  13. ^ (EN) Amanda Fitzsimons, Lady Gaga's Little Sister, Natali Germanotta Tells All, Teen Vogue. URL consultato il 15 giugno 2016.
  14. ^ (EN) Lady Gaga Biography, ladygaga.com. URL consultato il 18 maggio 2012 (archiviato il 25 maggio 2012).
  15. ^ (EN) Don't Gag on Gaga, StarTribune.com. URL consultato il 7 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2012).
  16. ^ (EN) Lady Gaga was surprisingly normal, In Touch Weekly. URL consultato il 7 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2012).
  17. ^ (EN) Full video: Born This Way President Cynthia Germanotta at Code 2016, Recode, 15 giugno 2016. URL consultato il 17 giugno 2016.
  18. ^ (EN) Growing Up Gaga, New York. URL consultato il 7 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2012).
  19. ^ Lady Gaga quindicenne in una puntata dei Sopranos, badtv.it. URL consultato il 12 ottobre 2010 (archiviato il 22 luglio 2012).
  20. ^ Lady Gaga confessa: «Io violentata a 19 anni», Corriere della Sera. URL consultato l'8 dicembre 2014.
  21. ^ a b (EN) Lady Gaga admitted being raped to family after Oscars, Daily News. URL consultato il 9 giugno 2016.
  22. ^ (EN) Joseph Lin, Top 10 College Dropouts, Time, 10 maggio 2010. URL consultato il 25 aprile 2016.
  23. ^ a b c d (EN) Lady Gaga Biography, biography.com. URL consultato il 29 gennaio 2013.
  24. ^ (EN) Lady GaGa: the future of pop?, The Times. URL consultato il 12 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2012).
  25. ^ (EN) Maureen Callahan, Lady Gaga gives 50 percent of her earnings to her father, New York Post, 20 novembre 2011. URL consultato il 16 giugno 2016.
  26. ^ (EN) Lady Gaga Did a Children's Book In 2007!, The Village Voice. URL consultato l'11 giugno 2012 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2012).
  27. ^ (EN) Growing Up Gaga, New York. URL consultato il 12 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2012).
  28. ^ Maureen Callahan, Lady Gaga, p. 39.
  29. ^ Maureen Callahan, Lady Gaga, pp. 45-46.
  30. ^ Maureen Callahan, Lady Gaga, p. 67.
  31. ^ (EN) L.A. Reid Says Dropping Lady Gaga After 'Disgusting' Demo Was His Biggest Mistake, PopCrush. URL consultato il 29 maggio 2016.
  32. ^ (EN) Going GaGa for Lady Gaga, wmagazine.com. URL consultato il 21 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2012).
  33. ^ a b Maureen Callahan, Lady Gaga, p. 119.
  34. ^ Maureen Callahan, Lady Gaga, p. 128.
  35. ^ a b IFPI digital music report 2009 (PDF), ifpi.org. URL consultato il 17 maggio 2012.
  36. ^ Maureen Callahan, Lady Gaga, p. 142.
  37. ^ Maureen Callahan, Lady Gaga, p. 149.
  38. ^ (EN) Lady Gaga and the sociology of fame: college course, su independent.co.uk. URL consultato il 25 agosto 2016.
  39. ^ (EN) Lady Gaga : Single : Christmas Tree, ladygaga.com. URL consultato il 18 maggio 2012 (archiviato il 9 settembre 2012).
  40. ^ Maureen Callahan, Lady Gaga, p. 156.
  41. ^ Maureen Callahan, Lady Gaga, p. 167.
  42. ^ (EN) Lady Gaga back to support Take That, telegraph.co.uk. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  43. ^ Maureen Callahan, Lady Gaga, p. 158.
  44. ^ Simona Ventura intervista Lady Gaga, il video: tweet "per non dimenticare", SoundsBlog. URL consultato il 28 maggio 2016.
  45. ^ (EN) Jocelyn Vena, Kanye West To Tour With Lady Gaga, MTV. URL consultato il 24 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 4 settembre 2012).
  46. ^ (EN) Kanye West Talks Why His Joint Tour With Lady Gaga Was Canceled (Hint: Taylor Swift), Idolator, 11 aprile 2016. URL consultato il 28 maggio 2016.
  47. ^ (EN) 2009 Much Music Video Awards, altiusdirectory.com. URL consultato il 14 giugno 2013.
  48. ^ MTV Video Awards: trionfa Beyoncé, TGcom24. URL consultato il 14 settembre 2009 (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2012).
  49. ^ (EN) Maureen Callahan, Lady Gaga, p. 199.
  50. ^ a b Maureen Callahan, Lady Gaga, p. 28.
  51. ^ Classifica Fimi singoli: Lady GaGa domina con "Bad Romance", musicroom.it. URL consultato il 10 aprile 2010 (archiviato l'8 settembre 2012).
  52. ^ a b IFPI digital music report 2010 (PDF), ifpi.org. URL consultato il 17 maggio 2012.
  53. ^ (EN) Lady Gaga's Monster Ball Tour Breaks Record for Debut Headlining Artist, Billboard. URL consultato il 25 aprile 2016.
  54. ^ (EN) Nomination e vincitori dei Grammy 2010, grammy.com. URL consultato il 14 febbraio 2011 (archiviato il 30 giugno 2012).
  55. ^ Maureen Callahan, Lady Gaga, p. 205.
  56. ^ (EN) Brit Awards 2010 draws audience of 5.8m. URL consultato il 27 febbraio 2013.
  57. ^ (EN) Lady Gaga Remix Album Due In The U.S. Next Month, mtv.com. URL consultato il 13 giugno 2012 (archiviato il 6 settembre 2012).
  58. ^ (EN) Gaga Still Releasing Alejandro In U.S., contactmusic.com. URL consultato il 18 maggio 2012 (archiviato il 30 giugno 2012).
  59. ^ Lady GaGa blasfema nel nuovo video. La cantante ha presentato "Alejandro", tgcom.mediaset.it. URL consultato il 18 maggio 2012 (archiviato il 20 settembre 2012).
  60. ^ (EN) "Billboard — Lady Gaga — Alejandro, Billboard. URL consultato il 10 giugno 2012 (archiviato il 22 luglio 2012).
  61. ^ (EN) Lady Gaga Names Her New Album 'Born This Way', Rolling Stone. URL consultato il 23 agosto 2016.
  62. ^ Sean Michaels, Elton John and Lady Gaga record duet, The Guardian (London), 25 ottobre 2010. URL consultato il 15 dicembre 2010 (archiviato il 1º agosto 2012).
  63. ^ Sean, Elton John and Lady Gaga record duet, Gagamonsters, 8 febbraio 2011. URL consultato il 20 maggio 2013 (archiviato il 1º agosto 2012).
  64. ^ (EN) "Lady Gaga talks Grammy 'Vessel', Born This Way details.", MTV. URL consultato il 17 maggio 2012 (archiviato il 5 settembre 2012).
  65. ^ IFPI digital music report 2011 (PDF), ifpi.com. URL consultato il 17 maggio 2012.
  66. ^ Catholic League on Gaga's 'Judas': "If she had more talent, we'd be more offended, hollywoodlife.com. URL consultato il 17 maggio 2012 (archiviato il 26 maggio 2012).
  67. ^ Judas nella classifica italiana, italiancharts.com. URL consultato il 17 maggio 2012 (archiviato il 9 luglio 2012).
  68. ^ (EN) Lady Gaga - Edge Of Glory Premiere, 96.1 Kiss, 5 maggio 2011. URL consultato il 6 maggio 2011 (archiviato il 31 luglio 2012).
  69. ^ Lady Gaga makes 'Edge of Glory' official single?, digitalspy.co.uk. URL consultato il 17 maggio 2012 (archiviato il 3 agosto 2012).
  70. ^ FIRST LOOK! LADY GAGA'S 'EDGE OF GLORY' VIDEO., marieclaire.co.uk. URL consultato il 17 maggio 2012 (archiviato l'11 settembre 2012).
  71. ^ (EN) Seether scores top Billboard 200 debut Adele stills No. 1, Billboard. URL consultato il 17 maggio 2012 (archiviato il 24 maggio 2012).
  72. ^ (EN) It's Official: Lady Gaga's 'Born This Way' Sells 1.11 Million, billboard.com. URL consultato il 16 ottobre 2012.
  73. ^ (EN) Lady Gaga Named AP's Entertainer of the Year, Billboard, 19 dicembre 2011. URL consultato il 15 maggio 2016.
  74. ^ Lady Gaga in Versace ai MuchMusic Video Awards, fashiontimes.it. URL consultato il 18 maggio 2012 (archiviato il 1º agosto 2012).
  75. ^ (EN) ANNOUNCING THE WINNERS OF THIS YEAR'S MTV VMAJs, mtvjapan.com. URL consultato il 30 gennaio 2013.
  76. ^ (EN) Lady GaGa confirms new single 'You and I', Digital Spy. URL consultato il 18 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 30 giugno 2012).
  77. ^ Gaga "uomo" scandalizza Britney, unita.it. URL consultato il 18 maggio 2012 (archiviato il 20 settembre 2012).
  78. ^ (EN) 2011 MTV Video Music Awards, mtv.com. URL consultato il 18 maggio 2012 (archiviato il 30 maggio 2012).
  79. ^ “The Lady is a Tramp”: il video del duetto di Tony Bennett e Lady Gaga, musicroom.it. URL consultato il 18 maggio 2012 (archiviato il 6 settembre 2012).
  80. ^ A Very Gaga Thanksgiving: 5 things we want to see, aoltv.com. URL consultato il 17 maggio 2012 (archiviato il 20 luglio 2012).
  81. ^ (EN) Lady Gaga to host thanksgiving special, MTV. URL consultato il 17 maggio 2012 (archiviato il 12 settembre 2012).
  82. ^ Lady Gaga tramps it up with Tony Bennett in new music video, eonline.com. URL consultato il 17 maggio 2012 (archiviato il 31 luglio 2012).
  83. ^ Marry the Night è il quinto singolo estratto., popcrush.com. URL consultato il 1º ottobre 2011 (archiviato il 12 luglio 2012).
  84. ^ (EN) Andamento di Marry the Night nella classifica degli Stati Uniti, billboard.com. URL consultato il 13 giugno 2012 (archiviato il 21 luglio 2012).
  85. ^ (EN) The full list of EMA Winners that go home with a springy moonman - Congratulations., mtv.tv. URL consultato il 30 gennaio 2013.
  86. ^ Lady Gaga annuncia il The Born This Way Ball Tour, billboard.com. URL consultato l'8 aprile 2012 (archiviato il 22 luglio 2012).
  87. ^ Lady Gaga debutta al cinema e si spoglia, tgcom24.mediaset.it. URL consultato il 28 luglio 2012 (archiviato il 20 settembre 2012).
  88. ^ (EN) Lady Gaga's New Album: 'ARTPOP', billboard.com. URL consultato il 20 giugno 2013.
  89. ^ Lady Gaga Confirms New Album's Title Is ARTPOP, mtv.com. URL consultato il 17 settembre 2016.
  90. ^ (EN) Lady Gaga cancels remaining tour dates for surgery, Billboard. URL consultato il 14 febbraio 2013.
  91. ^ (EN) Lady Gaga Tour Cancellation: A Look at the Damage, Billboard. URL consultato il 25 aprile 2016.
  92. ^ Lady Gaga canta al Gay Pride, TGcom24. URL consultato il 30 giugno 2013.
  93. ^ Lady Gaga: "Applause" in ascolto dal 12 agosto, Panorama, 12 agosto 2013. URL consultato il 12 agosto 2013.
  94. ^ (EN) ‘APPLAUSE’ BECOMES LADY GAGA’S BIGGEST RADIO HIT, su popcrush.com, 21 ottobre 2013. URL consultato il 24 agosto 2016.
  95. ^ Lady Gaga sul palco per presentare Artpop, news.mtv.it. URL consultato il 23 agosto 2013.
  96. ^ iTunes Festival, Lady Gaga sul palco con sette nuovi brani tratti da Artpop, lastampa.it. URL consultato l'11 ottobre 2013.
  97. ^ Lady Gaga, il lyric video di ‘Aura’ per Machete Kills, comingsoon.it. URL consultato l'11 ottobre 2013.
  98. ^ (EN) Lady Gaga teases new song 'GUY (Girl Under You)' – listen, nme.com. URL consultato il 21 ottobre 2013.
  99. ^ Lady Gaga, ascolta 'Do what U want' con R. Kelly, rockol.it. URL consultato il 21 ottobre 2013.
  100. ^ (EN) Rapporto IFPI (PDF), ifpi.org. URL consultato il 26 settembre 2014.
  101. ^ Lady Gaga Ends Seven-Day Roseland Residency With NYC Venue's Last Show, su Rolling Stone, 8 aprile 2014. URL consultato il 20 maggio 2016.
  102. ^ (EN) Tony Bennett & Lady Gaga's 'Cheek To Cheek' Debuts at No. 1, Billboard. URL consultato il 20 agosto 2016.
  103. ^ (EN) Lady Gaga performs at Stevie Wonder Tribute Concert, ladygaganow.co. URL consultato il 9 settembre 2016.
  104. ^ Oscar 2015: Strepitosa! Lady Gaga lascia tutti a bocca aperta, Best Movie. URL consultato il 26 marzo 2015.
  105. ^ Lady Gaga a sorpresa a Baku canta 'Imagine', ANSA, 13 giugno 2015. URL consultato il 25 agosto 2015.
  106. ^ (EN) Lady Gaga delivers show-stopping cover of Frank Sinatra's "New York, New York" — watch, consequenceofsound.net, 16 dicembre 2015. URL consultato il 25 agosto 2016.
  107. ^ (EN) Lady Gaga Hints at New Album Release in 2016, Billboard. URL consultato il 4 febbraio 2016.
  108. ^ (EN) Lady Gaga to perform at 88th Academy Awards, Gaga Daily. URL consultato il 4 febbraio 2016.
  109. ^ (EN) Lady Gaga Will Perform David Bowie Tribute at the Grammys, Billboard. URL consultato il 4 febbraio 2016.
  110. ^ Lady Gaga will sing national anthem at Super Bowl 50, nfl.com, 2 febbraio 2016. URL consultato il 2 febbraio 2016.
  111. ^ TV Ratings: Super Bowl 50 Steady With Second-Best Overnight Ever, The Hollywood Reporter. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  112. ^ (EN) James Hendicott, Lady Gaga to become first artist to play the Grammys, Super Bowl and Oscars the same year, New Musical Express, 7 febbraio 2016. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  113. ^ (EN) Lady Gaga talks about her Oscars performance on Z100 Radio, Lady Gaga Now. URL consultato il 4 marzo 2016.
  114. ^ (EN) Lady GaGa To Perform At The 2016 National Democratic Convention, That Grape Juice, 23 luglio 2016. URL consultato il 28 luglio 2016.
  115. ^ (EN) Lady Gaga confirmed for Bradley Cooper's 'A Star is Born' Remake, ladygaganow.co. URL consultato il 17 agosto 2016.
  116. ^ Lady Gaga: "Perfect Illusion" è il suo nuovo singolo!, MTV, 17 agosto 2016. URL consultato il 18 agosto 2016.
  117. ^ (EN) Allison Sadlier, Lady Gaga announces new album Joanne, out Oct. 21, Entertainment Weekly, 15 settembre 2016. URL consultato il 15 settembre 2016.
  118. ^ Curtis A. Fogel e Andrea Quinlan, Lady Gaga and Feminism: A Critical Debate, in Cross-Cultural Communication, vol. 7, nº 3, 30 settembre 2011, pp. 184–188, DOI:10.3968/j.ccc.1923670020110703.360. URL consultato il 4 maggio 2016.
  119. ^ (EN) Lady Gaga Doesn't Lip Sync, artistdirect.com. URL consultato il 18 maggio 2012 (archiviato il 18 luglio 2012).
  120. ^ (EN) Lady GaGa announces next single title, digitalspy.co.uk. URL consultato il 18 maggio 2012 (archiviato il 31 luglio 2012).
  121. ^ (EN) Diva Devotee: [ Vocal Profile] Lady GaGa, Diva Devotee. URL consultato l'11 giugno 2016.
  122. ^ Critic of Music: Vocal Range and Profile: Lady Gaga, su www.criticofmusic.com. URL consultato il 25 agosto 2016.
  123. ^ (EN) Lady Gaga talks early struggles, denies lip-synching, shouts-out Liza Minnelli and Marisa Tomei at Madison Square Garden, Entertainment Weekly, 23 febbraio 2011. URL consultato il 18 maggio 2012.
  124. ^ Interscope Records, Lady Gaga Returns With 8 New Songs on 'The Fame Monster', su www.prnewswire.com. URL consultato il 4 settembre 2016.
  125. ^ (EN) Lady GaGa: 'LP shows songwriting ability', digitalspy.co.uk. URL consultato il 18 maggio 2012 (archiviato il 29 luglio 2012).
  126. ^ a b (EN) Lady Gaga: Album Guide, rollingstone.com. URL consultato il 18 maggio 2012 (archiviato il 20 settembre 2012).
  127. ^ Lady Gaga Explains Meaning Behind Every 'ARTPOP' Song [AUDIO], su PopCrush. URL consultato il 4 settembre 2016.
  128. ^ (EN) Tony Bennett and Lady Gaga's 'Cheek to Cheek': Track-by-Track Album Review, Billboard. URL consultato il 7 settembre 2016.
  129. ^ (EN) Stephen Holden, Lady Gaga Brings Thrill to Tony Bennett's Immutable Style, The New York Times, 20 giugno 2015. URL consultato il 7 settembre 2016.
  130. ^ (EN) Lady Gaga: The Fame, guardian.co.uk. URL consultato il 18 maggio 2012 (archiviato il 3 agosto 2012).
  131. ^ (EN) The Times, entertainment.timesonline.co.uk. URL consultato il 18 maggio 2012 (archiviato il 25 maggio 2012).
  132. ^ (EN) Lady Gaga, articles.boston.com. URL consultato il 18 maggio 2012 (archiviato il 7 luglio 2012).
  133. ^ (EN) Lady Gaga Artpop Album Review, Rolling Stone. URL consultato l'11 giugno 2016.
  134. ^ (EN) Lady Gaga, 'Born This Way', Rolling Stone. URL consultato il 18 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 9 settembre 2012).
  135. ^ (EN) Lady Gaga: Just a Normal, Family-Oriented Girl, thehollywoodgossip.com. URL consultato il 18 maggio 2012 (archiviato il 20 settembre 2012).
  136. ^ (EN) TIME 100: Lady Gaga on Her Biggest Influence, time.com. URL consultato il 19 maggio 2012 (archiviato il 14 settembre 2012).
  137. ^ (EN) Stephen Thomas Erlewine, Artpop, su AllMusic, All Media Network. URL consultato l'11 giugno 2016.
  138. ^ a b (EN) THE FEAR FACTOR; Lady Gaga used tough times as inspiration for her new album., thefreelibrary.com. URL consultato il 19 maggio 2012 (archiviato il 25 maggio 2012).
  139. ^ (EN) Lady Gaga's direct line to Andy Warhol, The Guardian. URL consultato il 19 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 1º agosto 2012).
  140. ^ (EN) ARTPOP meets Pop art: Influences on Lady Gaga's new album, su Philly.com. URL consultato l'11 giugno 2016.
  141. ^ (EN) Madonna Talks Divorce, Lady Gaga & Being A 'Geek' In High School, Access Hollywood. URL consultato il 19 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2012).
  142. ^ Influenze musicali di Lady Gaga:
  143. ^ (EN) The Times, entertainment.timesonline.co.uk. URL consultato il 19 maggio 2012 (archiviato il 26 maggio 2012).
  144. ^ a b (EN) The Times, entertainment.timesonline.co.uk. URL consultato il 19 maggio 2012 (archiviato il 12 luglio 2012).
  145. ^ (EN) Lady GaGa Brings Her Artistic Vision Of Pop Music To New Album, mtv.com. URL consultato il 19 maggio 2012 (archiviato il 20 settembre 2012).
  146. ^ (EN) Lady Gaga Says Cher's Outfits Inspired Her Own Crazy Style, abcnewsradioonline.com. URL consultato il 19 maggio 2012 (archiviato il 20 settembre 2012).
  147. ^ Lady Gaga a Milano, tra musica e moda, rainews24.rai.it. URL consultato il 14 febbraio 2013.
  148. ^ (EN) The Times, entertainment.timesonline.co.uk. URL consultato il 20 maggio 2012 (archiviato l'8 luglio 2012).
  149. ^ (EN) The Times, entertainment.timesonline.co.uk. URL consultato il 19 maggio 2012 (archiviato il 9 luglio 2012).
  150. ^ (EN) Lady Gaga does stylist Nicola Formichetti proud on Thierry Mugler catwalk, dailymail.co.uk. URL consultato il 19 maggio 2012 (archiviato il 28 luglio 2012).
  151. ^ (EN) 2011 CFDA FASHION AWARDS NOMINEES & HONOREES ANNOUNCED, CFDA. URL consultato il 5 marzo 2013.
  152. ^ (EN) Lady Gaga Talks About Fashion Obsession In V Magazine, mtv.com. URL consultato il 19 maggio 2012 (archiviato il 4 settembre 2012).
  153. ^ (EN) Lady Gaga, TIME. URL consultato il 14 febbraio 2013.
  154. ^ Giorgio Armani vestirà Lady Gaga, vanityfair.it. URL consultato il 14 febbraio 2013.
  155. ^ Lady Gaga Stars in Tom Ford's Spring-Summer 2016 Runway Video, E! Online. URL consultato il 30 maggio 2016.
  156. ^ (EN) Mackenzie Wagoner, Celia Ellenberg, Lady Gaga Shares the Inside Story Behind Her First Walk Down the Marc Jacobs Runway, Vogue. URL consultato il 22 febbraio 2016.
  157. ^ (EN) Brandon Maxwell Stylist: Top 25 Stylists 2015, The Hollywood Reporter. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  158. ^ (EN) Haus of Gaga, Haus of Gaga. URL consultato il 10 giugno 2016.
  159. ^ (EN) Lady Gaga Burning Up Album Charts, koreatimes.co.kr. URL consultato il 19 maggio 2012 (archiviato il 20 settembre 2012).
  160. ^ (ES) Lady Gaga: cómo comerse al social media con estilo, estilosn.siliconnews.es. URL consultato il 20 maggio 2012 (archiviato l'8 luglio 2012).
  161. ^ (EN) Lady GaGa: the future of pop?, Times Online. URL consultato il 21 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2012).
  162. ^ Lady Gaga Unveils 'Flying Dress' Volantis, billboard.com. URL consultato il 29 marzo 2015.
  163. ^ Lady Gaga parla del suo essere icona gay, Queerblog.it. URL consultato il 10 giugno 2016.
  164. ^ Lady Gaga: nuovo video contro il Don't Ask Don't Tell, Music Fanpage. URL consultato il 10 giugno 2016.
  165. ^ (EN) 'Obama, I know you are listening': Gay rights activists march in D.C., CNNaccesso = 10 giugno 2016.
  166. ^ Lady Gaga infiamma l'Europride "Uguglianza, subito. Rivoluzione d'amore", la Repubblica. URL consultato il 10 giugno 2016.
  167. ^ (EN) WATCH: Gaga Sings National Anthem At Gay Pride Rally, The Huffington Post, 29 giugno 2013. URL consultato il 10 giugno 2016.
  168. ^ (EN) Ted Johnson, Lady Gaga Speaks at L.A. Vigil to Honor Victims of Orlando Attack, Variety, 14 giugno 2016. URL consultato il 14 giugno 2016.
  169. ^ (EN) About the Foundation, Born This Way Foundation. URL consultato il 10 giugno 2016.
  170. ^ (EN) Josh Duboff, Watch Lady Gaga's Powerful Oscars 2016 Performance, Vanity Fair. URL consultato l'11 giugno 2016.
  171. ^ Biden calls Lady Gaga brave at rally against sexual assault, su Mail Online. URL consultato il 15 giugno 2016.
  172. ^ (EN) Lady Gaga, Dalai Lama to address U.S. Conference of Mayors together, Entertainment Weekly, 22 giugno 2016. URL consultato il 26 giugno 2016.
  173. ^ Lady Gaga vicina ai terremotati di Amatrice, dona soldi per ricostruire le città - News Mtv Italia, news.mtv.it, 25 agosto 2016. URL consultato il 25 agosto 2016.
  174. ^ (EN) Lady Gaga: 'I Love Androgyny', abcnews.go.com. URL consultato il 6 giugno 2012 (archiviato il 20 settembre 2012).
  175. ^ (EN) Shockwaves NME Awards 2010: all the winners, New Musical Express. URL consultato l'11 giugno 2016.
  176. ^ (EN) Soraya Roberts, Fans protest Lady Gaga's blood-spattered Monster Ball show in England after shooting spree, Daily News, 3 giugno 2010. URL consultato l'11 giugno 2016.
  177. ^ (EN) Paparazzi live, MTV. URL consultato il 9 ottobre 2012.
  178. ^ (EN) MTV VMAs' 15 Best Performances of All Time, Billboard, 20 agosto 2014. URL consultato l'11 giugno 2016.
  179. ^ (EN) Lady Gaga's Meat Dress, PETA, 13 settembre 2010. URL consultato il 27 gennaio 2013.
  180. ^ (EN) Lady Gaga Explains Her Meat Dress: 'It's No Disrespect', Billboard, 13 settembre 2010. URL consultato l'11 giugno 2016.
  181. ^ (EN) Lady Gaga Bends Gender, Minds With VMA Monologue, MTV. URL consultato il 6 giugno 2012.
  182. ^ Lady Gaga “promuove l’adorazione del diavolo”: cancellato il concerto di Giacarta, Panorama.it. URL consultato il 17 giugno 2012 (archiviato il 12 luglio 2012).
  183. ^ (EN) Lady Gaga Smokes Marijuana Onstage In Amsterdam, Rolling Stone. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  184. ^ (EN) Reverend Fred Phelps: 'God Hates Lady Gaga', The Huffington Post. URL consultato il 15 febbraio 2013.
  185. ^ Lady Gaga vs Russia: 'Gay siamo con voi', ANSA, 5 agosto 2013. URL consultato il 6 agosto 2013.
  186. ^ China Reportedly Bans ALL Lady GaGa Media After Her Meeting With The Dalai Lama!, mobi.perezhilton.com. URL consultato il 27 giugno 2016.
  187. ^ HBO: Special Concert Event: Lady Gaga Presents the Monster Ball Tour: At Madison Square Garden: Home, su HBO. URL consultato l'8 giugno 2016.
  188. ^ Watch 'Lady Gaga: Inside The Outside' For The Gaga's Most Intimate Interview Ever, su MTV News. URL consultato l'8 giugno 2016.
  189. ^ Dick Clark's New Year's Rockin' Eve - Lady Gaga's Wildest Looks, su Rolling Stone. URL consultato il 31 maggio 2016.
  190. ^ (EN) Tony Bennett & Lady Gaga: Cheek to Cheek LIVE! | Full Episode | Great Performances | PBS, su Great Performances, 25 ottobre 2014. URL consultato l'8 giugno 2016.
  191. ^ (EN) Alyssa Sage, Variety Announces Fourth Season of ‘Actors on Actors’ on PBS, su Variety, 1º aprile 2016. URL consultato l'8 giugno 2016.
  192. ^ (EN) 2016 Jane Ortner Education Award Luncheon, Grammy Museum. URL consultato il 22 marzo 2016.
  193. ^ (EN) Lady Gaga Honored As Style Icon at CFDA Awards, Billboard. URL consultato il 26 agosto 2016.
  194. ^ (EN) Best of 2000s - Artists of the Decade, billboard.com. URL consultato il 21 maggio 2012 (archiviato il 22 luglio 2012).
  195. ^ (EN) billboard.com, http://www.billboard.com/articles/news/6805595/lady-gaga-woman-of-the-year-billboard-women-in-music-2015 .
  196. ^ (EN) All-TIME 100 Fashion Icons, time.com. URL consultato il 3 settembre 2012 (archiviato il 20 settembre 2012).
  197. ^ (EN) The World's Most Powerful Celebrities, forbes.com. URL consultato il 3 settembre 2012 (archiviato il 20 settembre 2012).
  198. ^ (EN) Lady Gaga - Forbes, forbes.com. URL consultato il 18 maggio 2012 (archiviato il 26 maggio 2012).
  199. ^ (EN) The World's 100 Most Powerful Women, forbes.com. URL consultato il 3 settembre 2012 (archiviato il 20 settembre 2012).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN49555103 · LCCN: (ENno2008179258 · ISNI: (EN0000 0001 2025 4559 · GND: (DE135898838 · BNF: (FRcb157535900 (data) · NLA: (EN47753387