La vita segreta delle parole

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La vita segreta delle parole
La vita segreta delle parolе.png
una scena del film
Titolo originaleLa vida secreta de las palabras
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneSpagna, Irlanda
Anno2005
Durata115 min
Generedrammatico
RegiaIsabel Coixet
SoggettoIsabel Coixet
SceneggiaturaIsabel Coixet
ProduttorePedro Almodóvar, Esther García
FotografiaJean-Claude Larrieu
MontaggioIrene Blecua
MusicheAitor Berenguer
ScenografiaPierre-François Limbosch
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La vita segreta delle parole (La vida secreta de las palabras) è un film del 2005 diretto da Isabel Coixet.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La giovane Hanna è sorda, straniera in Gran Bretagna, e trascorre con una ripetitività maniacale le giornate solitarie, tra la sua casa e la fabbrica in cui lavora. L'handicap la costringe a servirsi di un apparecchio acustico che, per altro, le è utile per decidere quando non ascoltare i rumori della fabbrica o semplicemente isolarsi dal mondo. Hanna viene convocata dalla proprietà e costretta a prendersi un mese di vacanza, dato che dopo anni non si è mai presa né una vacanza né un giorno di malattia.

Quasi a malincuore la donna va in città in pullman per poi raggiungere chissà quale meta. Casualmente ascolta una conversazione nella quale un uomo è alla ricerca di un'infermiera che accudisca un ferito. Così Hanna si propone e coglie al volo l'occasione per tornare alla sua professione.

Le viene affidato il compito di curare il ferito di un incendio sviluppatosi su una piattaforma petrolifera. Fintanto che non guarisca o che non sia possibile trasportarlo deve essere curato sul posto. Così Hanna si ritrova in mezzo al Mare del Nord in una piccola comunità nella quale, seppur tra mille titubanze, si vede via via sempre più portata naturalmente a interagire e aprirsi.

In particolare con Josef, il ferito, con il quale passa molta parte della giornata, il rapporto è più stretto. L'uomo, con gravi ustioni sul viso, sul busto, su un braccio e temporaneamente cieco, cerca fin dall'inizio di esorcizzare il suo stato di malattia cercando di fare breccia nelle resistenze dell'infermiera.

Hanna, alloggiata proprio nella cabina di Josef, ascolta il messaggio telefonico che una donna aveva lasciato allo stesso. Quindi viene a sapere che l'uomo perito nell'incendio non è stato una vittima accidentale. A dispetto di quanto riferito alle autorità e alla famiglia, quell'uomo si è gettato tra le fiamme e Josef, suo amico, aveva invano cercato di salvarlo. Quando capisce che quanto accaduto era seguito alla rivelazione che Josef gli aveva fatto della sua storia d'amore con sua moglie, Hanna capisce il dramma che quell'uomo sta vivendo. Così, come lui si era aperto a lei, anche lei decide di rivelare a Josef il suo dramma. Hanna è originaria della Croazia e, durante il conflitto della Jugoslavia è stata rapita e violentata.

Josef viene trasferito in ospedale su consiglio di Hanna che, così, scompare senza che lui l'abbia mai vista in faccia. Quando Josef si rimette completamente sente di aver bisogno di Hanna più di ogni altra cosa. Lascia il lavoro, il vecchio amore e si mette alla ricerca della ragazza. Nel farlo entra in contatto con Inge, una donna danese specializzata nella riabilitazione di vittime di torture, che ha curato Hanna e che lo mette in guardia su quello che sta tentando di fare.

Più deciso che mai Josef raggiunge Hanna e, all'uscita della fabbrica, le annuncia di voler trascorrere con lei il resto della sua vita. Dopo un'iniziale titubanza Hanna scioglie tutte le riserve e si apre ad una nuova vita.

Figure storiche[modifica | modifica wikitesto]

La storia è di fantasia, scritta dalla stessa regista Isabel Coixet, ma la figura di Inge è più che ispirata da quella di Inge Genefke. Questa è, come descritto nel film, una persona attivamente impegnata nel recupero di persone vittime di torture. Dopo l'impegno in Amnesty International ha fondato la Rehabilitation and Research Centre for Torture Victims (RCT) a Copenaghen, con le precise finalità descritte.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN316754050 · GND (DE7526458-4 · WorldCat Identities (EN316754050
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema