La vita che corre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La vita che corre
PaeseItalia
Anno2012
Formatominiserie TV
Generedrammatico
Puntate2
Durata240 min
Lingua originaleitaliano
Rapporto1,78:1
Crediti
RegiaFabrizio Costa
SoggettoClaudio Corbucci, Carlotta Ercolino
SceneggiaturaMara Perbellini, Luisa Cotta Ramosino, Viola Rispoli
Interpreti e personaggi
MontaggioCosimo Andronico
MusicheMaurizio De Angelis
CostumiNicoletta Taranta
ProduttoreRoberto Alchimede
Produttore esecutivoGuido De Angelis, Marco De Angelis, Nicola De Angelis
Prima visione
Dal30 gennaio 2012
Al31 gennaio 2012
Rete televisivaRai 1

La vita che corre, prima intitolata Stragi del sabato sera, è una miniserie televisiva italiana, diretta da Fabrizio Costa, e trasmessa nel 2012 su Rai 1.

La colonna sonora si intitola My son ed è stata composta e cantata da Maurizio De Angelis, fratello di Guido uno dei produttori. Le riprese sono state effettuate a Nepi, a Viterbo, a Orvieto, a Terni e a Roma.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Luca e Andrea Renzi sono fratelli. Il primo sta per diventare medico ed è in procinto di sposare Simona, figlia del suo primario. Il secondo un sabato sera, insieme ad Anna, Valentina e Claudia muore dopo una notte in discoteca. Gli unici a salvarsi senza danni sono Luca e Anna, interrogati dall'ispettore Bruni che deve fare chiarezza sulla dinamica dei fatti. I ragazzi accusano Lampronti, un camionista, che si difende sostenendo di non aver invaso la corsia opposta. Le indagini diventano ancor più complicate nel momento in cui la Polizia Stradale trova della cocaina tra le carcasse dei mezzi. Anche il padre dei due ragazzi Vittorio vuole fare chiarezza sulla faccenda, cercando di capire chi fosse veramente quel figlio scapestrato. Comincia così a entrare nel mondo di Andrea per carpire informazioni nelle discoteche che il figlio frequentava e rischiando persino di mettersi nei guai. Intanto però, Luca mostra strani comportamenti che fanno intendere che non sia del tutto estraneo alla faccenda della droga. Dall'altra parte Lampronti vive un momento drammatico e delicato. Perduto il lavoro come camionista per l'impossibilità di guidare, non sa come mantenere la propria famiglia. Sua moglie Sonia gli sta molto vicino e l'ispettore Bruni non lo ritiene responsabile dell'incidente né tantomeno del ritrovamento del pacchetto di cocaina. Improvvisamente però si viene a scoprire che quella notte Lampronti ha avuto un colpo di sonno. La situazione si ribalta completamente. Il camionista viene accusato di duplice omicidio colposo. Simona, nel frattempo, rivela a Luca di essere incinta. Compare infine sulla scena Garibaldi, un noto spacciatore della zona, che rivuole i sessanta mila euro della cocaina presa a credito da Andrea. I due fratelli, infatti, erano complici e intendevano rivendere la droga. Il criminale dà a Luca un mese di tempo per restituire il denaro.

Nella seconda puntata Luca, minacciato da Garibaldi e comprendendo che non sarà mai in grado di ripagarlo del debito del fratello, partecipa agli affari e vende lui stesso una partita di cocaina. Luca è così costretto ad ammettere che la droga dell'incidente apparteneva ad Andrea, turbando il padre. Intanto l'artefice dell'incidente, Lampronti, è stato convinto dal suo datore di lavoro ad addossarsi la colpa in modo da velocizzare le pratiche assicurative. Si scopre poi che il furgone di Lampronti non aveva subìto una regolare revisione e l'incidente è stato probabilmente causato dal cattivo funzionamento del mezzo. Luca rivela infine di essere stato alla guida della moto e aver causato l'incidente, nonché di essere stato complice del fratello nel tentativo di spacciare la cocaina presa a prestito da Garibaldi.

Ascolti[modifica | modifica wikitesto]

Prima TV Italia Telespettatori Share
1 30 gennaio 2012 6.000.000 20,58%[1]
2 31 gennaio 2012 6.340.000 22,15%[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione