La trentenne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La trentenne
Titolo originaleLa Femme de trente ans
Altro titoloLa donna di trent'anni
BalzacWomanThirty01.jpg
AutoreHonoré de Balzac
1ª ed. originale1842
Genereromanzo
Lingua originalefrancese
AmbientazioneFrancia
ProtagonistiJulie
Altri personaggi
  • Colonnello Victor d'Aiglemont, marito di Julie
  • Arthur Ormond, amante di Julie
  • Marchese de Vandenesse, amante di Julie
  • Hélène, figlia di Julie
  • Moina, figlia di Julie
SerieLa Commedia umana - Scene della vita privata

La trentenne (edito anche come La donna di trent'anni) è un romanzo del 1842 dello scrittore francese Honoré de Balzac appartenente al ciclo de La Commedia umana.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La sedicenne Julie, contravvenendo agli avvertimenti del padre, cede al corteggiamento dell'egoista e insensibile colonnello Victor d'Aiglemont e si unisce in matrimonio con lui, ma ben presto ogni illusione di poterne ricavare felicità cadrà e il matrimonio diverrà una pena che accompagnerà Julie per tutta la vita e che neppure la nascita dei cinque figli riuscirà ad alleviare.

Di fronte a un marito infedele e insensibile alla sua depressione, Julie cerca altrove il suo appagamento sentimentale; dapprima con il giovane inglese Arthur Ormond (che però morirà giovane); poi con il marchese de Vendenesse, senza essere ricambiata. È da quest'ultimo che avrà una delle figlie, Moina, l'unica con la quale riuscirà a instaurare una relazione che non sia solo superficiale. Moina finirà per avere la stessa sorte amorosa della madre. Diverso il destino di Hélène, la primogenita, che riuscirà a trovare il vero amore e che però, proprio per questo, verrà sempre osteggiata dalla madre.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • La donna di trent'anni, Carpigiani e Zipoli, 1922
  • La donna di trent'anni, Quattrini, 1927
  • La donna di trent'anni, De Carlo Editore, 1945
  • La donna di trent'anni, Casini, 1950
  • La trentenne, Mondadori, 1992
  • La trentenne, trad. it. M. Cristallo, Milano, Frassinelli, 1995.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN183596217 · LCCN (ENn98093518 · GND (DE4357058-6 · BNF (FRcb123558848 (data) · WorldCat Identities (ENn98-093518
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura