La tartaruga volante (film 1941)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La tartaruga volante
Tortoise Beats Hare.png
Bugs Bunny si lamenta del titolo
Titolo originale Tortoise Beats Hare
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1941
Durata 7 min
Rapporto 1,37:1
Genere animazione, commedia
Regia Tex Avery
Soggetto Esopo
Sceneggiatura Dave Monahan
Produttore Leon Schlesinger
Casa di produzione Leon Schlesinger Productions
Distribuzione (Italia) Warner Bros.
Montaggio Treg Brown
Musiche Carl W. Stalling
Character design Robert Givens
Animatori Charles McKimson, Robert McKimson, Virgil Ross, Rod Scribner, Sidney Sutherland
Sfondi John Didrik Johnsen
Doppiatori originali
Mel Blanc: Bugs Bunny, Cecil Tartaruga, Chester, Tartarughe
Doppiatori italiani
Massimo Giuliani: Bugs Bunny

La tartaruga volante (Tortoise Beats Hare) è un film del 1941 diretto da Tex Avery. È un cortometraggio d'animazione della serie Merrie Melodies, prodotto dalla Leon Schlesinger Productions e uscito negli Stati Uniti il 15 marzo 1941, distribuito dalla Warner Bros. Il corto, liberamente ispirato alla favola "La lepre e la tartaruga" di Esopo, ha come protagonisti Bugs Bunny e Cecil Tartaruga, al suo esordio. A partire dagli anni novanta, in Italia il film è più noto col titolo La tartaruga e il coniglio. Fu seguito da un cortometraggio omonimo nel 1943 e da Una gara a reazione (1947).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Bugs Bunny, contrariato dal titolo del film, scommette dieci dollari con Cecil Tartaruga che lo può battere in una gara. Cecil accetta, e appena inizia la gara chiama tutti i suoi cugini (di aspetto e voce identici ai suoi) che vivono lungo il percorso perché tormentino Bugs apparendo costantemente davanti a lui, facendogli credere di stare perdendo. Bugs perde tempo a cercare di capire e a bloccare quelli che lui crede essere Cecil, così quando taglia il traguardo scopre il rivale che lo sta già aspettando. Il coniglio paga quindi i dieci dollari, ma quando sospetta di essere stato imbrogliato, le tartarughe rivelano di essere state in dieci ed essersi così divise i soldi della scommessa.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Il corto fu distribuito nei cinema italiani il 5 maggio 1949, in lingua originale.[1] Fu doppiato in italiano solo alla fine degli anni novanta dalla Time Out Cin.ca per la trasmissione televisiva. Non essendo stata registrata una colonna sonora senza dialoghi, nelle scene parlate la musica fu sostituita.

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

Il corto è incluso nel disco 1 della raccolta DVD Looney Tunes Golden Collection: Volume 2, dove è possibile vederlo anche con un commento audio (non sottotitolato) di Chuck Jones tratto da interviste d'epoca.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nicola De Pirro, Visto censura (PDF), su italiataglia.it, Presidenza del Consiglio dei ministri, 5 maggio 1949. URL consultato l'8 aprile 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]