La strada entra nella casa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La strada entra nella casa
Umberto Boccioni, 1911, The Street Enters the House, oil on canvas, 100 x 100.6 cm, Sprengel Museum.jpg
AutoreUmberto Boccioni
Data1911
Tecnicaolio su tela
Dimensioni100×100 cm
UbicazioneSprengel Museum, Hannover

La strada entra nella casa è un dipinto futurista di Umberto Boccioni risalente al 1911, custodito nello Sprengel Museum di Hannover.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il dipinto mostra una donna di spalle, ritratta mentre si poggia sulla ringhiera di un balcone in Via Adige a Milano (Porta Vigentina). La vista che si apre da tale postazione mostra una fitta serie di edifici, una strada sulla sinistra e dei cantieri nella parte centrale del dipinto. L'opera presenta una potente carica emotiva, rappresentata dalla scelta dei colori e dalle forze che riescono persino a piegare gli edifici.[1] Boccioni stesso descrive la sua opera in questo modo:

«La sensazione dominante è quella che si può avere aprendo una finestra: tutta la vita, i rumori della strada, irrompono contemporaneamente come il movimento e la realtà degli oggetti fuori. Il pittore non si deve limitare a ciò che vede nel riquadro della finestra, come farebbe un semplice fotografo, ma riproduce ciò che può vedere fuori, in ogni direzione, dal balcone.»

(Umberto Boccioni[2][3])

«I nostri corpi entrano nei divani su cui ci sediamo, e i divani entrano in noi, così come il tram che passa entra nelle case, le quali alla loro volta si scaraventano sul tram e con esso si amalgamano»

(Balla, Boccioni, Carrà, Russolo, Severini La pittura futurista. Manifesto tecnico, 11 Aprile 1910)

Collegamenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Anna D'Elia, L'universo futurista: una mappa, dal quadro alla cravatta, Edizioni Dedalo, 1988, p. 47.
  2. ^ Claudio Marra, Fotografia e pittura nel Novecento (e oltre), Milano, Mondadori, 2012, p. 5, ISBN 9788861596597.
  3. ^ Enrico Crispolti, Storia e critica del Futurismo, Roma-Bari, Laterza, 1986, p. 163.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]