La steppa (Čechov)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La steppa
AutoreAnton Pavlovič Čechov
1ª ed. originale1888
GenereRacconto
Lingua originalerusso
Ambientazionesteppa russa
ProtagonistiJegòruska

La steppa è un racconto lungo di Anton Čechov, pubblicato inizialmente sulla rivista Severnyj vestnik, numero 3 del 1888.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il racconto tratta di un viaggio attraverso la steppa ucraina, vista dagli occhi di un bambino di nove anni, Egòruska, che viaggia su un carro per raggiungere la città dove si reca per studiare. In questo suo viaggio è accompagnato da altri due personaggi, lo zio mercante Kuz’mičov e il sacerdote del villaggio, padre Christofor. Tutto il racconto è occupato dalle descrizioni della natura e dalle riflessioni personali del protagonista.

L'autore[modifica | modifica wikitesto]

Quando pubblica La Steppa Cechov ha soltanto ventotto anni. Dichiara in una lettera all'amico scrittore Aleksej Nikolaevič Pleščeev:

"Per scrivere La steppa... ho lavorato con fatica e con tensione, estirpando tutto da me, e ciò mi ha stancato terribilmente. Il racconto è riuscito o no? Davvero non lo so. In ogni caso, è il mio capolavoro; non sono in grado di fare di meglio". [1]

Collocazione nell'opera complessiva dell'autore[modifica | modifica wikitesto]

La steppa occupa una posizione importante nell’opera di Cechov: è una delle prime opere a riflettere un mutamento nello stile dello scrittore: i critici Mirskij [2]e Čudakov [3] dividono la sua attività letteraria in due periodi distinti, prima e dopo il 1886.

Temi[modifica | modifica wikitesto]

  • la natura
  • il destino
  • l'infanzia
  • la felicità e l'infelicità

"Ne La Steppa è ricordato il tema della felicità e della fortuna, e il centro del racconto è proprio il problema del "destino": di quale sarà la sorte di Egoruska"."[4]

Fortuna critica[modifica | modifica wikitesto]

Igor Sibaldi scrive:

"La steppa fu il primo successo importante di Cechov: Il pubblico degli anni Ottanta lo capì al volo, e tutt'intero, riconoscendovisi appieno, e da allora egli ebbe entusiasti a non finire."[5]

Critica di Nabokov[modifica | modifica wikitesto]

Vladimir Vladimirovič Nabokov racconta:

"...era in uso in Russia una specie di gioco di società che consisteva nel dividere i propri conoscenti tra quelli che amavano Cechov e quelli che non lo amavano. Questi ultimi non erano persone a posto". [6]

In risposta a chi rimproverava Čechov di indifferenza morale nel ritrarre i suoi personaggi scriveva:

“... invece di fare del personaggio il veicolo di una lezione […] ci presenta un essere vivo senza preoccuparsi di messaggi politici o di tradizioni letterarie” [...] pur non essendosi mai preoccupato di fornire un messaggio sociale o etico, il suo genio rivelò quasi involontariamente le più cupe realtà dell’affamata, disorientata, servile, rabbiosa Russia contadina meglio di una moltitudine di altri scrittori – Maksim Gor'kij per esempio – che ostentavano le proprie idee sociali in una processione di fantocci dipinti” [7] .

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lettera di Cechov a Plesceev, del 4 febbraio 1888
  2. ^ D. S. Mirskij, Storia della letteratura russa, Milano, Garzanti, 1965, p. 381
  3. ^ A. P. Čudakov, Nel mezzo del cammino, in E. Bazzarelli e F. Malcovati, Anton Čechov. Antologia critica, Milano, 1992, pp. 141-142.
  4. ^ Eridano Bazzarelli, Presentazione de I Capolavori di Anton Cechov, p. XII.
  5. ^ Igor Sibaldi, Introduzione a La Steppa e altri racconti, Mondadori, Milano 1995.
  6. ^ Vladimir Nabokov,Lezioni di letteratura russa, Garzanti, Milano 1981, p. 291.
  7. ^ V. Nabokov, Lezioni di letteratura russa, Milano, Garzanti, 1994, p. 285, 291.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alfredo Polledro, prefazione al V volume di Tutti i racconti, Rizzoli, Milano 1951.
  • Eridano Bazzarelli, Presentazione in, I Capolavori di Anton Cechov, Mursia, Milano 1966.
  • E. Bazzarelli, La steppa di Anton Čechov. Tentativo di analisi, in E. Bazzarelli e F. Malcovati,Anton Čechov. Antologia critica, Milano, 1992, pp. 198-199.
  • Igor Sibaldi, Introduzione a La Steppa e altri racconti, Mondadori, Milano 1995.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN181210216 · LCCN (ENn94091710 · GND (DE4286046-5 · BNF (FRcb11944899r (data)
  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura