La spia in nero (film 1939)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La spia in nero
Titolo originale The Spy in Black
Lingua originale inglese
Paese di produzione Gran Bretagna
Anno 1939
Durata 82 min
Colore B/N
Audio Mono (Western Electric Mirrophonic Recording)
Rapporto 1.37 : 1
Genere azione, avventura, drammatico, sentimentale, thriller, guerra
Regia Michael Powell
Soggetto J. Storer Clouston
Sceneggiatura Emeric Pressburger e Roland Pertwee
Produttore Irving Asher
Alexander Korda (non accreditato)
Casa di produzione Irving Asher Productions e London Film Productions
Fotografia Bernard Browne
Montaggio Hugh Stewart
William Hornbeck
Musiche Miklós Rózsa
Muir Mathieson (direzione musicale)
Scenografia Frederick Pusey
Vincent Korda (supervisore e Production design)
Interpreti e personaggi

La spia in nero (The Spy in Black) è un film del 1939, diretto da Michael Powell.

Con questo film inizia la collaborazione di Michael Powell con il produttore, sceneggiatore e regista Emeric Pressburger[1].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della Prima guerra mondiale il capitano Hardt, comandante di un sommergibile tedesco, viene incaricato di raggiungere un'isola delle Orcadi per contattare una spia, la quale si cela sotto l'identità di una maestra della scuola elementare. Loro compito è quello di ricevere i piani segreti della Marina militare britannica da un ufficiale traditore per trasmetterli agli U-boot tedeschi, che saranno così in grado di affondare quindici navi nemiche. Quando la missione sembrerà ormai giunta al termine, il capitano Hardt, nel tentativo di avvicinare la sua complice, ne scoprirà la vera identità.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu prodotto dalla London Film Productions e dalla Harefield, ovvero la Irving Asher Productions. Venne girato alle Isole Orcadi, seconda visita di Powell alle isole scozzesi dopo Ai confini del mondo del 1937[2]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La Columbia Pictures Corporation distribuì la pellicola nel Regno Unito il 30 ottobre, dopo una prima presentazione londinese il 15 marzo 1939. Sempre nello stesso anno, il film era uscito in Danimarca (21 agosto), nei Paesi Bassi (22 settembre), negli Stati Uniti (5 ottobre a New York e 7 ottobre in sala). Nel 1940, fu distribuito in Francia (13 marzo), in Australia (in aprile), in Messico (3 maggio). In Portogallo, dove uscì il 10 giugno 1942, prese il titolo O Espião Negro. In Belgio, fu presentato a Bruxelles il 27 aprile 1945 e, in Francia, ne venne fatta una riedizione distribuita il 13 gliugno 1946, mentre in Spagna uscì a Madrid il 17 febbraio 1947 come El espía negro.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1939 il National Board of Review of Motion Pictures l'ha inserito nella lista dei migliori dieci film dell'anno.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dizionario dei Film 1996, a cura di Paolo Mereghetti, Baldini & Castoldi, Milano, 1996; Il Morandini 2000 - Dizionario dei film, Zanichelli, Bologna, 1999.
  2. ^ Mark Duguid su Screenonline

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema