La signora nel lago

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La signora nel lago
Titolo originaleThe lady in the lake
AutoreRaymond Chandler
1ª ed. originale1943
1ª ed. italiana1947
Genereromanzo
Sottogenerepoliziesco (hardboiled)
Lingua originale inglese
ProtagonistiPhilip Marlowe
Preceduto daFinestra sul vuoto
Seguito daLa sorellina

La signora nel lago è un romanzo hardboiled di Raymond Chandler pubblicato nel 1943 col titolo originale The lady in the lake.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'investigatore Philip Marlowe riceve l'incarico, da un affermato industriale nel campo dei cosmetici, di ritrovargli la moglie scomparsa. La signora, che si accompagna ad affascinanti quanto insulsi playboy, ha fatto perdere le sue tracce durante un soggiorno nella loro casa di montagna. Unica traccia, un telegramma spedito al marito in cui gli comunica che si recherà in Messico per ottenere il divorzio. Recatosi nella località, Marlowe si scontra con una umanità molto diversa da quella californiana alla quale è abituato: tra i vari personaggi, un bisbetico ma sincero Bill, custode della villa; uno sceriffo solo apparentemente lento e bonario; un tenente di polizia arrogante, ed un medico che ha qualcosa da nascondere. Il custode, ancora sofferente per la fuga della moglie (non sopportava la soporifera vita rurale), non nasconde la sua convinzione che la moglie dell'industriale sia fuggita con uno dei tanti amanti e, pur con continui sbalzi di umore dovuti al vizio del bere, si rivela prezioso per le indagini. Un giorno, mentre accompagna Marlowe al lago, scopre con orrore sotto il pontile il cadavere della moglie, in avanzato stato di decomposizione: non era quindi fuggita in città come lui credeva ma era stata uccisa e gettata nel lago, con una zavorra che doveva tenerne il corpo a fondo. La tranquillità del paese viene così sconvolta dal delitto della moglie di Bill; Marlowe però intuisce che qualcosa non quadra e, nonostante il tenente di polizia tenti brutalmente di dissuaderlo, continua le indagini. Scopre così che il cadavere non era quello della moglie di Bill, bensì quello della moglie scomparsa dell'industriale. La moglie di Bill, che ha un passato inquietante, ha assassinato la moglie dell'industriale ed è fuggita per rifarsi una vita, contando appunto sul fatto che il cadavere nel lago sarebbe stato scambiato per il suo.

Analisi[modifica | modifica wikitesto]

Tutta la storia è permeata dalla profonda malinconia chandleriana, con personaggi dalla connotazione amara, persone che, dietro la maschera mondana, nascondono un animo turpe. Rispetto ad altre opere dello scrittore l'ironia è presente in misura minore: nella scena iniziale del colloquio con l'industriale che tenta inutilmente, con il classico "cipiglio dirigenziale", di intimidire Marlowe.

Traduzioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

  • In fondo al lago, traduzione di Ida Omboni, Collana Libri Gialli, Milano, Mondadori, giugno 1947.
  • La signora nel lago, traduzione di Oreste Del Buono, Milano, Feltrinelli, 1988.
  • in Romanzi e racconti 1943-1959, traduzione di Laura Grimaldi, Collana I Meridiani, Milano, Mondadori, 2006.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]