La rondine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La Rondine
La rondine.jpg
Locandina della prima rappresentazione italiana.
Lingua originaleitaliano
Generecommedia lirica
MusicaGiacomo Puccini
LibrettoGiuseppe Adami
(libretto online della versione corrente)
Attitre
Epoca di composizionemaggio 1914 - aprile 1916
Prima rappr.27 marzo 1917
TeatroGrand Théâtre de Monte Carlo
Prima rappr. italiana2 giugno 1917
TeatroTeatro Comunale, Bologna
Versioni successive
Personaggi
Autografoperduto

La Rondine è un'opera lirica in tre atti di Giacomo Puccini, su libretto di Giuseppe Adami.

Originariamente concepita come operetta, in forza di un contratto con gli impresari del Carltheater di Vienna, Puccini, insoddisfatto dell'impianto drammatico conferito dai librettisti Heinz Reichert ed Alfred Willner, volle trasformare La Rondine in un'opera vera e propria affidandosi al commediografo italiano Giuseppe Adami; la scarsa convinzione dell'autore nel buon esito dell'operazione, ed anche una certa stanchezza di ispirazione, compromisero in misura determinante la gestazione del lavoro, che si trascinò avanti attraverso continui ripensamenti fra il 1913 ed il 1915.[1]

Sciolto il contratto con i commissionari viennesi a causa dello scoppio del primo conflitto mondiale, La Rondine fu rappresentata al Grand Théâtre de Monte Carlo il 27 marzo 1917 diretta da Gino Marinuzzi con Gilda Dalla Rizza, Tito Schipa e Francesco Dominici. L'accoglienza risultò nel complesso festosa, ma va ricordato che si trattava di una piazza facile in quanto abbastanza periferica.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Protagonista dell'opera è Magda (soprano), una giovane che trascorre le sue giornate nella cornice mondana della Parigi del Secondo Impero; ma se all'apparenza sembra accettare la sua situazione, in realtà essa si dimostra inguaribilmente romantica e aspira ad un amore autentico.

Atto I[modifica | modifica wikitesto]

Salotto nella casa di Magda

Ad un ricevimento a casa sua il suo amico Prunier parla di una nuova moda parigina: l'amore sentimentale, sbeffeggiato dalle amiche che sostengono essere una cosa stupida. Magda però è colpita dalle sue parole e si ricorda di una scappatina fatta in gioventù, cominciando a pensare di farne un'altra per uscire dall'opprimente esistenza in cui è rinchiusa dal suo protettore Rambaldo.

Poi Prunier legge la mano a Magda predicendole che un giorno volerà come una rondine. Magda pensa si tratti di un cattivo presagio ma il poeta la rassicura: il destino ha sempre due facce, può anche capitare qualcosa di buono.

Arriva intanto un amico di Rambaldo, Ruggero il quale è per la prima volta arrivato a Parigi e vuole conoscerla a fondo. Le amiche di Magda e la sua domestica, Lisette, comiciano ad elencare i più famosi ritrovi notturni, concludendo che il migliore è Bullier. Ruggero decide di andare lì.

Andati via gli ospiti, restano solo Lisette e Prunier che rivela il suo amore per lei, corteggiandola in modo stravagante. La domestica, avendo la serata libera decide quindi di andare al ritrovo notturno di Bullier in compagnia di Prunier.

Magda poi esce, travestita da grisette, intenzionata ad andare anche lei al ritrovo notturno.

Atto II[modifica | modifica wikitesto]

Al ritrovo notturno di Bullier

Qui uomini e donne di ogni ceto sociale danzano e festeggiano. Arriva Ruggero che si siede seccato ad un tavolo e pensa che tutte quelle donnine non siano un granché. Entra pure Magda travestita, che per sfuggire ai corteggiamenti da parte dei ragazzi, finge di avere un appuntamento con la prima persona che vede, Ruggero. Si siede, quindi con lui sussurrandogli che se ne sarebbe andata alla prima occasione. Ruggero però la trattiene. Cominciano a parlare e poi danzano.

Arriva intanto Prunier con Lisette che, vedendo la padrona, resta stupita. Prunier la accusa di aver bevuto troppo, ma in realtà ha già capito che quella era Magda. Infatti, dice che non è lei solo per non rovinare tutto e si siede con Lisetta, vicino al tavolo di Ruggero e Magda, cominciando a conversare con loro. Ruggero quindi chiede a Magda come si chiama. Questa mente, dicendo di chiamarsi Paulette.

I quattro innamorati poi cantano il quartetto Bevo al tuo fresco sorriso.

Prunier però vede di lontano Rambaldo, il prottetore di Magda, e temendo ciò che sarebbe accaduto se lui li avesse visti, glielo dice sottovoce a Magda che fa andare via con una scusa Ruggero e Lisetta. Quindi, salutato in fretta Rambaldo, parte.

Magda non sapendo che altro fare, siccome Rambaldo voleva ricondurla a casa, rivela disperata il suo amore per Ruggero. Rambaldo le risponde soltanto: "Possiate non pentirvene" e va via assieme alla folla.

Magda ha rimorso del suo passato di cortigiana, ma dimentica tutto rivedendo Ruggero insieme al quale si avvia verso una nuova vita.

Atto III[modifica | modifica wikitesto]

La Riviera Francese

Magda e Ruggero ormai vivono insieme, lontano da Parigi. Questa però è sempre più assalita dai rimorsi del suo passato.

Arriva quindi Prunier con Lisette. Il poeta aveva cercato di lanciarla nel mondo della musica e del teatro ma senza esito. A Lisette pertanto non resta che tornare ad essere la cameriera di Magda.

Questa la riammette senza problemi, anzi rivela pure che le era mancata. Prunier avvisa inoltre Magda che Rambaldo sa di tutti i suoi problemi economici ed è disposto a perdonarla ma Magda non se ne cura. Quindi se ne va, lasciando Lisette, e dichiarando che non prova più amore per lei.

Ruggero arriva quindi tutto felice perché sua madre ha consentito al matrimonio ma Magda gli rivela il suo passato e decide di lasciarlo. Ruggero cerca in tutti i modi dirle di no ma questa è irremovibile. Quindi fugge via e vola come una rondine verso la sua vecchia vita da cortigiana, con Rambaldo.

Arie celebri[modifica | modifica wikitesto]

  • Chi il bel sogno di Doretta, Magda (atto primo)
  • Bevo al tuo fresco sorriso, quartetto tra Magda, Ruggero, Lisette e Prunier (atto secondo)
  • Dimmi che vuoi seguirmi alla mia casa, Ruggero (atto terzo)

Rappresentazioni storiche[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 maggio 1917 avviene la prima nel Teatro Colón di Buenos Aires.

La prima esecuzione italiana avvenne al Teatro Comunale di Bologna il 2 giugno di quello stesso anno diretta da Ettore Panizza con Toti Dal Monte, Aureliano Pertile e Dominici.

Il successivo 25 agosto avviene la prima nel Teatro Donizetti di Bergamo diretta da Rodolfo Ferrari e Dominici.

Il 10 gennaio 1918 avviene la prima nel Teatro Costanzi di Roma diretta da Panizza con la Dalla Rizza, Beniamino Gigli e Dominici.

Il successivo 26 febbraio avviene la prima nel Teatro San Carlo di Napoli diretta da Ferrari.

Il 9 aprile 1920 avviene la prima al Teatro Massimo Vittorio Emanuele di Palermo diretta da Vittorio Gui nella seconda versione. Il 7 ottobre dello stesso anno avviene la prima in tedesco al Wiener Volksoper con Miguel Fleta.

Nel 1925 avviene la prima al Teatro La Fenice di Venezia.

Negli Stati Uniti la première è nel 1928 al Metropolitan Opera House di New York diretta da Vincenzo Bellezza con Lucrezia Bori e Beniamino Gigli e fino al 2013 ha avuto 33 recite.

Al San Francisco Opera va in scena nel 1934 diretta da Gaetano Merola con la Bori.

Al Teatro alla Scala di Milano va in scena nel 1940 diretta da Marinuzzi con Mafalda Favero, Giovanni Malipiero, Gino Del Signore ed Angelo Mercuriali.

Il successo non mancò quasi mai, ma non poté mai dirsi completo, neppure dopo le successive revisioni apportate dal compositore all'originaria partitura, che oggi per altro ascoltiamo nella versione iniziale, l'unica di cui rimanga la partitura completa. Dopo la morte di Puccini, La rondine scomparve presto dai cartelloni dei teatri.

Nel 1958 va in scena al Teatro San Carlo di Napoli diretta da Bellezza con Rosanna Carteri, Gino Sinimberghi e Giuseppe Valdengo di cui esiste un video.

Nel Regno Unito la première è stata nel 1965 al Fulham Town Hall di Londra.

Al Teatro Verdi (Trieste) va in scena nel 1968 diretta da Oliviero De Fabritiis con Virginia Zeani e Piero De Palma.

In anni recenti le riprese dell'opera, fattesi sempre più frequenti, non sono tuttavia riuscite ad allinearla, nel favore del pubblico, al fianco delle più fortunate sorelle.

All'Opera di Chicago va in scena nel 1986 diretta da Bruno Bartoletti con Gregory Kunde ed Ileana Cotrubaș.

Ad Avignone va in scena nel 1987.

Nel 1994 avviene eseguita nel Teatro Regio di Torino diretta da Donato Renzetti con José Cura, Nelly Miricioiu, Roberto De Candia, Matteo Peirone, nella revisione e orchestrazione delle parti mancanti del III Atto, nell'ultima versione (1921) a cura di Lorenzo Ferrero.

Per il Royal Opera House, Covent Garden di Londra la première in concerto è stata in concerto nel 1998 diretta da Gianluigi Gelmetti con Angela Gheorghiu e Roberto Alagna alla Royal Albert Hall e nella versione scenica nel 2002 diretta da Gelmetti con la Gheorghiu, Cinzia Forte ed Alagna.

Al His Majesty's Theatre di Aberdeen la première è stata nel 2006 per l'Opera North.

Incisioni discografiche (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Anno Cast (Magda, Ruggero, Rambaldo, Prunier, Lisette) Direttore Etichetta
1958 Rosanna Carteri, Giuseppe Gismondo, Giuseppe Valdengo, Gino Sinimberghi, Ornella Rovero Vincenzo Bellezza VAIMUSIC
1966 Anna Moffo, Daniele Barioni, Mario Sereni, Piero De Palma, Graziella Sciutti Francesco Molinari-Pradelli RCA
1983 Kiri Te Kanawa, Placido Domingo, Leo Nucci, David Rendall, Mariana Nicolesco Lorin Maazel CBS
1996 Angela Gheorghiu, Roberto Alagna, Alberto Rinaldi, William Matteuzzi, Inva Mula Antonio Pappano EMI

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Budden, 2005, pp. 349-354, 360-364.
  2. ^ Budden, 2005, pp. 365-366.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN183552802 · GND (DE30012239X
Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica