La principessa delle Canarie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La principessa delle Canarie
Principessacanarie.jpg
Marcello Mastroianni e Silvana Pampanini
Titolo originaleLa principessa delle Canarie
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia, Spagna
Anno1953
Durata83 min
Rapporto1,37:1
Generesentimentale, storico
RegiaPaolo Moffa
SoggettoAntonio Cibotto
SceneggiaturaPaolo Moffa
ProduttoreFilm Costellazione - INFIES
Distribuzione (Italia)CEI Incom
FotografiaEnzo Serafin
MontaggioEraldo Da Roma
MusicheFranco Ferrara
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La principessa delle Canarie è un film del 1954 diretto dal regista Paolo Moffa.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1450, gli spagnoli decidono di conquistare le Isole Canarie, che ancora rifiutano di sottomettersi. Un galeone salpa alla conquista: tra i passeggeri c'è anche Don Diego, ma quando la flotta si avvicina ad un paese abitato, trovano uno scenario di morte e distruzione: la guarnigione spagnola è stata distrutta dalla forza bruta dell'isola.

Un giorno Don Diego si trova disarmato di fronte a un puma, ma una freccia lo trafigge; poco dopo sbuca fuori una bellissima donna di nome Almadena. Don Diego ne rimane folgorato. Dopo la morte del sovrano dell'isola, la ragazza va in sposa a Bentejui. Ben presto Don Diego fa ritorno sull'isola con una delegazione per trattare la pace con i sovrani; tutto sembra andare per il meglio fino a quando tre membri dell'ambasciata non rimangono uccisi: è l'inizio dello scontro.

Mentre infuria la battaglia, Almadena e Bentejui fuggono sulle montagne, ma il marito viene ucciso da un colpo di pistola sparato da Don Diego che, arrivato, si dichiarerà alla donna favorendo così la riconciliazione tra i due popoli.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema