La nube purpurea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La nube purpurea
Titolo originaleThe Purple Cloud
Altri titoliLa nuvola porpora
Famous fantastic mysteries 194906.jpg
AutoreMatthew Phipps Shiel
1ª ed. originale1901
1ª ed. italiana1924
Genereromanzo
Sottogenerefantascienza apocalittica
Lingua originaleinglese

La nube purpurea (The Purple Cloud) è un romanzo fantascientifico di Matthew Phipps Shiel del 1901. Vi si narra di un viaggio al polo nord e la quasi estinzione dell'umanità per via di una nube venefica. È spesso citato tra le prime opere di fantascienza apocalittica.

È stato pubblicato per la prima volta in italiano come La nuvola porpora nel 1924.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Adam Jeffson, giovane dottore inglese, viene convinto a partecipare ad una spedizione per raggiungere il polo Nord, e di fatto sarà lui in persona a raggiungere il polo; la scoperta però porta terribili conseguenze, ed una strana nube purpurea (che dà il titolo all'opera) finirà per uccidere l'intero genere umano. Nel corso del lungo viaggio di ritorno Adam si rende conto della terribile fine del genere umano, ed infine, tornato a Londra, come preso da un diabolico impeto finisce per incendiarla, dopo aver ormai constatato che non rimane più alcun essere umano, nemmeno nelle numerose miniere che visita in tutta la Gran Bretagna.

Incendiata Londra, si trasferisce in Francia, ma neanche qui si placa la sua furia piromane, se non quando, spinto come da un'illuminazione, decide di costruire il più magnifico tempio-palazzo della storia. Inizia così la costruzione del palazzo che richiederà diciassette anni, tra alti e bassi ed inevitabili inconvenienti; concluso il palazzo sull'isola di Imbro, decide di recarsi a Istanbul, che finirà per incendiare, ma proprio sulla strada del ritorno, percorrendo i boschetti di Istanbul, Adam incontrerà l'ultima donna dell'umanità.

Cornice letteraria[modifica | modifica wikitesto]

Oltre che per i contenuti, l'opera si distingue per la singolare cornice. Difatti Shiel, l'autore, fa parlare un narratore (anonimo) che dice di aver ricevuto da un amico i quaderni scritti da una medium capace di contattare le anime del passato e del futuro. Le memorie della "nube" sono solo il terzo dei quattro quaderni inviati e contengono le memorie di Adam, il protagonista del romanzo.

Schematizzando, Shiel dice:

che il narratore dice:
che l'amico del narratore dice:
che la medium dice:
che Adam (il protagonista della storia, a sua volta narratore ) dice.

È interessante notare che qualcosa di simile si trova anche nella Storia di Arthur Gordon Pym, di Edgar Allan Poe, che è un altro libro sulla scoperta del polo (sud, stavolta) e che, come nota Umberto Eco in Sei passeggiate nei boschi narrativi, ha una cornice assai complicata: il libro risulta di Poe ma c'è un avvertimento iniziale con cui il presunto vero autore, Gordon Pym, spiega come mai le prime due puntate della sua veritiera relazione siano state pubblicate sotto forma di romanzo fantastico, a firma e nel rifacimento di Mr. Poe. Nella nota finale compare un altro personaggio, l'editore, che lamenta la scomparsa di Pym e la perdita di alcuni capitoli, precisando inoltre che "la persona di cui si fa il nome nella nota introduttiva", e quindi pare di capire Poe, si è rifiutata di colmare la lacuna, adducendo la natura incredibile dei fatti narrati. Schematizzando, Poe dice:

che l'editore dice:
che Gordon Pym ha scritto:
che Mr. Poe ha trascritto.

Altra somiglianza tra i due libri risiede in ciò, che entrambi presentano un conflitto tra due forze, il bianco e il nero, e che in entrambi c'è l'ossessione per un colore (il porpora per Shiel, il bianco per Poe).

L'immagine nube purpurea viene presumibilmente da un testo apocalittico.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Edizioni di La nube purpurea, su Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Fantascienza.com. (aggiornato fino al gennaio 2010)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]