La notte del giudizio per sempre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La notte del giudizio per sempre
La notte del giudizio per sempre.png
Logo italiano del film
Titolo originaleThe Forever Purge
Lingua originaleinglese, spagnolo
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2021
Durata103 min
RapportoWidescreen
Genereazione, fantascienza, thriller, orrore
RegiaEverardo Gout
SoggettoJames DeMonaco
SceneggiaturaJames DeMonaco
ProduttoreJames DeMonaco, Michael Bay, Jason Blum, Andrew Form, Brad Fuller, Sébastien K. Lemercier
Produttore esecutivoEverardo Gout, Marcei A. Brown, Jeanette Volturno
Casa di produzioneBlumhouse Productions, Man in A Tree, Perfect World Pictures, Platinum Dunes, Universal Pictures
Distribuzione in italianoUniversal Pictures
FotografiaLuis David Sansans
MontaggioTodd E. Miller, Vincent Tabaillon
Effetti specialiSam Dean
MusicheThe Newton Brothers
ScenografiaJennifer Spence
CostumiLeah Butler
TruccoLiz Briseno
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La notte del giudizio per sempre (The Forever Purge) è un film del 2021 diretto da Everardo Gout.

Il film, sequel de La notte del giudizio - Election Year (2016), è il quinto capitolo della serie cinematografica creata da James DeMonaco e iniziata nel 2013 con La notte del giudizio.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Otto anni dopo l'elezione presidenziale di Charley Roan, i Nuovi Padri Fondatori d'America (New Founding Fathers of America, NFFA) hanno ripreso il controllo del governo degli Stati Uniti e ripristinato l'annuale "Sfogo" con le regole originali. La supremazia bianca e il nativismo sono aumentati a livello nazionale dopo la loro rielezione e molti, al di fuori del partito al governo, sono preoccupati che l'imminente Sfogo possa diventare un fallimento.

Intanto, la coppia di migranti Juan e Adela, marito e moglie, attraversano illegalmente il confine con il Texas mentre fuggono da un cartello della droga messicano; i due vogliono costruirsi una nuova vita, grazie al lavoro di Juan - come bracciante nel ranch della famiglia Tucker - e ad Adela che lavora vicino ad Austin.

Dieci mesi dopo, alla vigilia del prossimo Sfogo annuale, Juan e Adela si uniscono a una comunità di migranti dentro un santuario murato e dotato di sicurezza armata per proteggerli. Adela presto assiste all'arrivo di un gruppo di Purificatori (Purger), che si dichiara una "Forza di purificazione dell'epurazione" (PPF) e che intende uccidere tutti coloro che considerano non americani. Il gruppo passa senza ostilità e la comunità di migranti sopravvive allo Sfogo senza incidenti.

La mattina dopo, Juan e Adela tornano al lavoro, ma entrambi notano che molti dei loro colleghi non si sono presentati. Poco dopo, Adela viene attaccata da due Purificatori e cerca di difendersi insistendo sul fatto che la Notte del giudizio è appena finita, venendo salvata dal suo capo. In seguito i Purificatori vengano arrestati dalla polizia.

Juan e il collega migrante T. T. scoprono che la famiglia Tucker è stata presa in ostaggio dai braccianti Purificatori, che intendono prendere possesso del ranch. Il proprietario del ranch, Caleb Tucker, si sacrifica e distrae i Purificatori abbastanza a lungo da permettere a Juan e T. T. di salvare suo figlio Dylan, Cassie - la moglie incinta di Dylan - e sua sorella Harper, che offrono loro un passaggio per cercare Adela.

Nel frattempo, nelle notizie a livello nazionale si fatica a capire perché i civili continuino a celebrare l'Epurazione dopo la sua fine.

Il gruppo (Juan, T. T., Dylan, Cassie e Harper) salva Adela - dopo che il furgone della polizia che la trasportava è caduto in un'imboscata tesa da altri Purificatori - e tutti scappano da Austin. In una stazione di servizio, tutti ascoltano notizie sul caos e la distruzione in tutti i cinquanta stati americani, con i servizi di emergenza locali sopraffatti in un evento descritto come Eterna notte del giudizio (Forever Purge).

Canada e Messico dichiarano di aver aperto i loro confini ai rifugiati civili non Purificatori per le prossime sei ore, dopodiché i confini verranno chiusi e l'ingresso ai cittadini americani sarà negato. Il gruppo decide dunque di fuggire attraverso il confine messicano nei pressi di El Paso.

Nel frattempo, la NFFA (New Founding Fathers of America) sta condannando la Forever Purge, dopo che i loro politici e rappresentanti sono stati uccisi e invoca la legge marziale negli Stati Uniti, nel tentativo di contenere la violenza. In risposta, i governi canadese e messicano annunciano la chiusura anticipata dei suoi confini, lasciando coloro che hanno cercato di attraversarli nelle mani dei Purificatori.

Combattendo attraverso un caotico El Paso, Adela e Cassie vengono divise dal gruppo dalle forze militari mentre Juan, T. T., Dylan e Harper vengono catturati dal PPF (Forza di purificazione dell'epurazione), con il loro leader (denominato "Alpha") che offre a Dylan e Harper una possibilità di sopravvivere a patto di uccidere T. T. e Juan. Al rifiuto di Dylan e Harper di farlo, i Purificatori uccidono T. T. prima dell'intervento dei militari, e il gruppo fugge.

Tuttavia, i militari sono costretti a ritirarsi da El Paso quando la loro base viene distrutta da altri Purificatori. Adela protegge Cassie dagli altri Purificatori, rivelando che lei e Juan, una volta, erano stati addestrati a combattere contro i cartelli della droga prima che arrivassero in America. I sopravvissuti si riuniscono tutti in un occultato rifugio per migranti gestito da una vicina tribù di nativi americani. Il leader si offre di trasportare tutti oltre il confine come rifugiati, aiutandoli a fuggire dal PPF.

Vicino al confine, Juan, Adela e Dylan rimangono indietro con altri sopravvissuti per dare tempo agli altri rifugiati di fuggire, mentre il PPF è alle loro costole. Entrambi i gruppi si impegnano in uno scontro a fuoco fino all'esaurimento delle munizioni. Nella lotta che ne segue, i Purificatori vengono uccisi e Alpha prende in ostaggio Adela. Tuttavia, Juan e Dylan riescono a sottomettere e uccidere Alpha, salvandola. Il trio si riunisce agli altri in un campo profughi allestito vicino al confine, dove Dylan ritrova Harper e Cassie. Quest'ultima rivela che ha dato alla luce un bambino, e Dylan presenta Juan e Adela alla sua bambina.

Mentre gli interi Stati Uniti sono in fiamme, la NFFA viene incolpata e sciolta per le prolungate violenze. Le notizie riportano che più di due milioni di americani hanno attraversato i confini del Canada e del Messico come rifugiati, mentre altri si sono radunati per combattere contro i Purificatori.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer del film è stato diffuso il 12 maggio 2021.[2]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola, inizialmente fissata al 10 luglio 2020,[1] è stata distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 2 luglio 2021, ed in quelle italiane dall'8 luglio dello stesso anno.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Beatrice Pagan, CANDYMAN E THE FOREVER PURGE: POSTICIPATE LE DATE DI USCITA, su Movieplayer.it, 8 luglio 2020. URL consultato il 12 maggio 2021.
  2. ^ a b Filmato audio Universal Pictures, LA NOTTE DEL GIUDIZIO PER SEMPRE - Trailer italiano ufficiale, su YouTube, 12 maggio 2021. URL consultato il 12 maggio 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]