La morte di Ivan Il'ič

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La morte di Ivan Il'ič
Titolo originaleСмерть Ивана Ильича (Smert' Ivana Il'iča)
Death of Ivan Ilyich title page.jpg
Frontespizio dell'edizione russa originale
AutoreLev Tolstoj
1ª ed. originale1886
GenereRacconto
Lingua originalerusso
AmbientazioneSan Pietroburgo, anni '80 del XIX secolo
ProtagonistiIvan Il'ič Golovin

La morte di Ivan Il'ič (in russo Смерть Ивана Ильича, Smert' Ivana Il'iča), pubblicato per la prima volta nel 1886,[1] è un racconto di Lev Nikolaevič Tolstoj. È una delle opere più celebrate di Tolstoj, influenzata dalla crisi spirituale dell'autore. Tema centrale della storia è quello dell'uomo di fronte all'inevitabilità della morte.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In un ufficio del tribunale di San Pietroburgo, alcuni magistrati discutono di un importante caso giudiziario. Uno di loro, sfogliando il giornale, vede il necrologio di un collega, Ivan Il'ič Golovin, di 45 anni, che tutti sapevano essere gravemente malato. Dopo una serie di ipotesi su chi potrà occupare il posto lasciato vacante e vaghi propositi di andare a visitare il defunto, tornano al lavoro, contenti di essere ancora vivi. Il giudice Pëtr Ivanovič, amico di Ivan Il'ič fin dai tempi dell'università, dopo pranzo si reca a far visita alla vedova, Praskov'ja Fëdorovna che lo intrattiene chiedendogli consigli sulla pensione di reversibilità. L'incontro con la famiglia del defunto non è particolarmente cordiale. Adempiuto quest'obbligo morale, si reca a casa di un collega per giocare a carte.

Ivan Il'ič Golovin aveva studiato giurisprudenza ed era diventato giudice istruttore di una remota provincia. Dopo alcune avventure sentimentali con donne più mature di lui, si era sposato per convenienza con una ragazza altolocata da cui aveva avuto due figli. Diversi anni più tardi riesce ad ottenere il trasferimento nella capitale, una promozione e l'aumento di stipendio. Arredando la nuova casa a San Pietroburgo, cade da una scala urtando col fianco la maniglia della finestra. Il dolore cresce costantemente ed evolve in una misteriosa malattia a cui i medici non sanno dare un nome. Ivan Il'ič si trova ben presto di fronte ad un male incurabile.

L'unico conforto gli viene dal servo Gerasim, un ragazzo di origini contadine, che non ha paura della morte e gli mostra compassione. Ivan inizia a fare un bilancio della sua vita e avverte sempre più distintamente di aver condotto una vita artificiale, dominata dall'interesse e da valori borghesi convenzionali. Verso la fine lo pervade una "strana forza" e non prova più odio per la moglie e il figlio. Nella morte trova la spiegazione dell'enigma della vita.

L'idea del protagonista[modifica | modifica wikitesto]

Tolstoj per scrivere la storia di Ivan Il'ič, fu ispirato dalla morte di Ivan Il'ič Mečnikov (1836, 1881), procuratore di Tula nonché fratello di Il'ja Il'ič Mečnikov, Premio Nobel per la Medicina. Il malato Mečnikov stupì coloro che lo circondavano con "discussioni sulla futilità della propria vita"; il fratello Ilya Ilyich giudicò il racconto in modo positivo e affermò che la storia Tolstoj "abbia dato la migliore descrizione della paura della morte".

Impatto culturale[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Fotografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Per scrivere la sceneggiatura del film Vivere" (1952), Akira Kurosawa si ispirò alla storia di Tolstoj
  • Il racconto è citato nel film "Teorema" (1968) di Pier Paolo Pasolini
  • Nel 1974 è stato girato il film "La mort d'Ivan Ilitch" per la TV francese con la regia di Nat Lilienstein
  • La trama della storia è presente nel film britannico "A Question of Faith" (1979) diretto da Colin Nears
  • Il regista inglese Bernard Rose ha girato il film "Ivans XTC" (2000), basato sulla storia di Tolstoj

Traduzioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

  • Trad. di Luigi D'Agesilao, Treves, Milano 1894
  • Trad. di Ada Gobetti, Torino, Slavia, 1927
  • Trad. di Enrichetta Carafa Capecelatro (Duchessa d'Andria), UTET, Torino 1934
  • Trad. di Giuseppe Donnini, Casini, Roma 1951
  • Trad. di Lanfranco Stolfi, Universale Economica, Milano 1954
  • Trad. di Giacinta De Dominicis Jorio, Rizzoli, Milano 1961
  • Trad. di Giovanni Buttafava, Garzanti, Milano 1975
  • Trad. di Tommaso Landolfi, Rizzoli, Milano 1976
  • Trad. di Igor Sibaldi, Mondadori, Milano 1991
  • Trad. di Paolo Nori, Feltrinelli, Milano 2014

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lev Tolstoj, Tutti i racconti, a cura di Igor Sibaldi, Arnoldo Mondadori, Milano 1991, collana "I Meridiani", p. 1421.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4352332-8
  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura