La misura del cerchio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La misura del cerchio
AutoreArchimede
1ª ed. originaleIII secolo a.C.
Generetrattato
Sottogenerematematica
Lingua originale greco

La misura del cerchio è un trattato di Archimede considerato la continuazione e il completamento del trattato Della sfera e del cilindro.

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

All'interno è esposto un metodo con il quale si può stimare con precisione arbitrariamente alta il rapporto tra una circonferenza e il proprio raggio (rapporto che non può essere determinato esattamente per l'insolubilità del problema della quadratura del cerchio).

Alcune proposizioni dimostrate[modifica | modifica wikitesto]

  1. Ogni cerchio ed ogni settore circolare è equivalente ad un triangolo avente per base la circonferenza o l'arco del settore e per altezza il raggio;
  2. Un cerchio sta a un quadrato costruito sul suo diametro, nella proporzione approssimativa, come 11 sta a 14;
  3. La circonferenza di un circolo qualunque è uguale al triplo del diametro, più una parte di questo che è minore del settimo e maggiore di 10/71 dello stesso diametro.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • P. Midolo, Archimede e il suo tempo, Arnaldo Lombardi Editore (1989) da una ristampa del 1912.
Controllo di autoritàBNF (FRcb12189969w (data)